14 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/02/2016, 08.46

    PAKISTAN

    Pakistan, impiccato l’assassino di Salman Taseer. Si temono nuove violenze

    Jibran Khan

    La condanna a morte di Mumtaz Qadri è stata eseguita nelle prime ore di oggi. Il detenuto ha incontrato i familiari poco prima dell’esecuzione. I suoi funerali previsti per oggi pomeriggio. Ci si aspetta la partecipazione in massa dei radicali islamici, che hanno già bloccato le strade di Rawalpindi, Lahore e Karachi. Qadri è considerato “eroe nazionale” per aver ucciso l’ex govenatore del Punjab, critico delle leggi sulla blasfemia.

    Rawalpindi (AsiaNews) - Mumtaz Qadri, l’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer, è stato impiccato nelle prime ore di questa mattina. La sentenza di morte è stata confermata la scorsa settimana dal presidente del Pakistan, Mamnoon Hussain, al quale i legali dell’omicida si erano rivolti per ottenere la grazia. L’impiccagione ha già scatenato le proteste da parte dei sostenitori di Qadri, che lo esaltano come “eroe nazionale” per aver difeso le leggi sulla blasfemia.

    La sentenza capitale è stata eseguita alle 4.30 (ora locale) nel carcere di Adiala a Rawalpindi, vicino la capitale Islamabad. Poche ore prima dell’esecuzione il detenuto ha potuto incontrare la famiglia per l’ultima volta. Il suo corpo è stato consegnato ai familiari, che hanno organizzato il funerale per il pomeriggio di oggi.

    La morte di Qadri è stata condannata dalle associazioni islamiche del Paese, che hanno bloccato le strade di Rawalpindi, Lahore e Karachi. I sostenitori dell’assassino dell’ex governatore sono attesi anche ai funerali e le forze di sicurezza hanno aumentato il livello di allerta nelle zone più sensibili.

    Il 4 gennaio 2011 Qadri, una delle guardie del corpo di Taseer, ha ucciso il governatore all’uscita da un ristorante di Islamabad, per le sue posizioni contrarie alla legge sulla blasfemia, che prevede il carcere a vita o la condanna a morte per quanti profanano il Corano o dissacrano il nome del profeta Maometto. L’uomo ha sempre rivendicato la paternità dell'omicidio e di voler punire il governatore, che si era espresso in favore di Asia Bibi, la madre cristiana detenuta con l’accusa di aver offeso il Profeta.

    La difesa di Qadri ha sostenuto che il caso dovesse passare nelle mani della Corte federale della shari'a, poiché il delitto commesso dall’assistito riguarda l’islam e la sua difesa. Gli avvocati hanno sottolineato che l’imputato ha assassinato Taseer perché quest’ultimo si era espresso contro la legge sulla blasfemia definendola “legge nera” e, pertanto, era da considerare un blasfemo. 

    Nell’ottobre 2011 Qadri è stato condannato a morte in primo grado dal Tribunale antiterrorismo pakistano. Nel febbraio 2015 l’Alta corte di Islamabad ha confermato la decisione, sostenendo che “nulla può giustificare l’omicidio della vittima”. I legali hanno fatto ricorso presso la Corte suprema del Pakistan, che a ottobre dello stesso anno ha rigettato la richiesta di assoluzione.

    Infine la scorsa settimana il presidente Hussain ha rigettato la richiesta di grazia, nonostante le pressioni dei radicali islamici per fermare la mano del boia e le minacce dirette alla sua persona e alla famiglia. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/02/2016 11:17:00 PAKISTAN
    Cattolici del Pakistan: Con l’impiccagione di Qadri, la volontà politica di affrontare il terrorismo

    I radicali islamici stanno protestando nelle strade di tutto il Paese. L’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer è stato impiccato questa mattina. La scelta del presidente Hussain di non concedere la grazia è “coraggiosa. Giustizia è stata fatta nonostante la pressione dei fondamentalisti”. Direttore Commissione giustizia e pace: “Taseer è stato ucciso perché ha difeso Asia Bibi, che langue ancora in carcere”.



    01/03/2016 12:37:00 PAKISTAN
    Attivisti: Siamo contro la pena di morte, ma l’impiccagione di Qadri ha reso giustizia

    La morte dell’assassino dell’ex governatore Salman Taseer ha sollevato un ampio dibattito tra gli islamisti e coloro che condannano le esecuzioni capitali, ma ritengono che in certi casi siano giustificate. L’impiccagione di Qadri è “da accettare in quanto funzionale a salvare vite innocenti in futuro”. Essa dimostra che le istituzioni sono “pronte a sfidare in modo serio la mentalità estremista”.



    01/03/2016 08:49:00 PAKISTAN
    Massima allerta per i funerali di Mumtaz Qadri. Si teme per la vita di Asia Bibi

    I funerali si terranno nelle prossime ore a Rawalpindi. Si sono già radunati milioni di fanatici islamici e altrettanti sono attesi a Lahore, Karachi e Peshawar per altre cerimonie funebri in contemporanea. Innalzate le misure di sicurezza attorno ad Asia Bibi, che era stata difesa dal governatore Salman Taseer. La famiglia della donna si è nascosta in una località segreta.



    23/02/2016 13:44:00 PAKISTAN
    Pakistan, massima tensione per la sentenza di grazia per l’assassino di Salman Taseer

    La decisione del presidente Mamnoon Hussain è attesa nei prossimi giorni. Egli deve decidere se accogliere o rigettare l’appello alla grazia presentato dai legali di Mumtaz Qadri. La famiglia presidenziale teme ritorsioni e si rifugia nella residenza ufficiale. Uno dei tre figli scampato di recente ad un attentato. La polizia pronta a elevare il livello di allerta nel Paese e rivedere l’intero sistema di sicurezza a Islamabad.



    12/04/2016 11:14:00 PAKISTAN
    Troppe violenze: Islamabad vieta le manifestazioni islamiche

    La decisione è stata presa ieri. Il governo vuole porre un freno alle violenze degli estremisti musulmani, che nelle scorse settimane hanno bloccato la capitale. Le proteste sono nate in seguito all’impiccagione di Mumtaz Qadri, l’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®