19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/02/2016, 13.44

    PAKISTAN

    Pakistan, massima tensione per la sentenza di grazia per l’assassino di Salman Taseer

    Jibran Khan

    La decisione del presidente Mamnoon Hussain è attesa nei prossimi giorni. Egli deve decidere se accogliere o rigettare l’appello alla grazia presentato dai legali di Mumtaz Qadri. La famiglia presidenziale teme ritorsioni e si rifugia nella residenza ufficiale. Uno dei tre figli scampato di recente ad un attentato. La polizia pronta a elevare il livello di allerta nel Paese e rivedere l’intero sistema di sicurezza a Islamabad.

    Islamabad (AsiaNews) – Il livello di tensione in Pakistan è salito ai massimi livelli, con le forze di sicurezza pronte a rivedere tutto il sistema di difesa della capitale. Nei prossimi giorni è attesa la decisione del presidente Mamnoon Hussain che deve esprimere il suo parere sulla condanna a morte di Mumtaz Qadri, l’assassino reo-confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer, e accordare o meno la grazia. Gli esperti temono che si scateni la violenza dei radicali islamici in caso di conferma della condanna a morte. Intanto nei giorni scorsi i membri della famiglia del presidente – tra cui uno dei tre figli scampato ad un attentato –, per paura delle possibili ritorsioni hanno abbandonato le proprie case e si sono rifugiati nel palazzo presidenziale.

    La decisione del presidente Hussain sarà presa al termine di un percorso giudiziario lungo e segnato da minacce. Solo qualche giorno fa il professor Ibrahim, ex emiro provinciale del Jamaat-e-Islami (partito confessionale islamico), ha minacciato ritorsioni contro il governo se Qadri non verrà rilasciato subito. Il leader islamico ha messo in guardia il presidente e il premier Nawaz Sharif: “Proteggete voi stessi dalla collera del popolo”.

    Il 4 gennaio 2011 Qadri, una delle guardie del corpo di Taseer, ha ucciso il governatore all’uscita da un ristorante di Islamabad, per le sue posizioni contrarie alla legge sulla blasfemia, che prevede il carcere a vita o la condanna a morte per quanti profanano il Corano o dissacrano il nome del profeta Maometto. L’uomo ha sempre rivendicato la paternità dell'omicidio e di voler punire il governatore, che si era espresso in favore di Asia Bibi, la madre cristiana detenuta con l’accusa di aver offeso il Profeta. Per questo è stato esaltato come “eroe nazionale” da parte degli islamici.

    La difesa di Qadri ha sostenuto che il caso dovesse passare nelle mani della Corte federale della shari'a, poiché il delitto commesso dall’assistito riguarda l’islam e la sua difesa. Gli avvocati hanno sottolineato che l’imputato ha assassinato Taseer perché quest’ultimo si era espresso contro la legge sulla blasfemia definendola “legge nera” e, pertanto, era da considerare un blasfemo. 

    Nell’ottobre 2011 Qadri è stato condannato a morte in primo grado dal Tribunale antiterrorismo pakistano. Nel febbraio 2015 l’Alta corte di Islamabad ha confermato la decisione, sostenendo che “nulla può giustificare l’omicidio della vittima”. I legali hanno fatto ricorso presso la Corte suprema del Pakistan, che a ottobre dello stesso anno ha rigettato la richiesta di assoluzione.

    L’ultima speranza di veder salva la vita risiede nel pronunciamento del presidente Hussain. Su di lui i sostenitori del terrorista stanno facendo grandi pressioni, ma non trapela alcuna indiscrezione. Nel frattempo i rigidi protocolli di sicurezza attorno alla persona del presidente sono stati inaspriti ancora di più e la sua famiglia è stata rinchiusa nella residenza di Stato. Salman Mamnoon, uno dei figli, a maggio 2015 è stato l’obiettivo di un attacco dinamitardo vicino Karachi, ma è uscito indenne dall’attentato. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/02/2016 08:46:00 PAKISTAN
    Pakistan, impiccato l’assassino di Salman Taseer. Si temono nuove violenze

    La condanna a morte di Mumtaz Qadri è stata eseguita nelle prime ore di oggi. Il detenuto ha incontrato i familiari poco prima dell’esecuzione. I suoi funerali previsti per oggi pomeriggio. Ci si aspetta la partecipazione in massa dei radicali islamici, che hanno già bloccato le strade di Rawalpindi, Lahore e Karachi. Qadri è considerato “eroe nazionale” per aver ucciso l’ex govenatore del Punjab, critico delle leggi sulla blasfemia.



    29/02/2016 11:17:00 PAKISTAN
    Cattolici del Pakistan: Con l’impiccagione di Qadri, la volontà politica di affrontare il terrorismo

    I radicali islamici stanno protestando nelle strade di tutto il Paese. L’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer è stato impiccato questa mattina. La scelta del presidente Hussain di non concedere la grazia è “coraggiosa. Giustizia è stata fatta nonostante la pressione dei fondamentalisti”. Direttore Commissione giustizia e pace: “Taseer è stato ucciso perché ha difeso Asia Bibi, che langue ancora in carcere”.



    01/03/2016 08:49:00 PAKISTAN
    Massima allerta per i funerali di Mumtaz Qadri. Si teme per la vita di Asia Bibi

    I funerali si terranno nelle prossime ore a Rawalpindi. Si sono già radunati milioni di fanatici islamici e altrettanti sono attesi a Lahore, Karachi e Peshawar per altre cerimonie funebri in contemporanea. Innalzate le misure di sicurezza attorno ad Asia Bibi, che era stata difesa dal governatore Salman Taseer. La famiglia della donna si è nascosta in una località segreta.



    12/04/2016 11:14:00 PAKISTAN
    Troppe violenze: Islamabad vieta le manifestazioni islamiche

    La decisione è stata presa ieri. Il governo vuole porre un freno alle violenze degli estremisti musulmani, che nelle scorse settimane hanno bloccato la capitale. Le proteste sono nate in seguito all’impiccagione di Mumtaz Qadri, l’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer.



    01/03/2016 12:37:00 PAKISTAN
    Attivisti: Siamo contro la pena di morte, ma l’impiccagione di Qadri ha reso giustizia

    La morte dell’assassino dell’ex governatore Salman Taseer ha sollevato un ampio dibattito tra gli islamisti e coloro che condannano le esecuzioni capitali, ma ritengono che in certi casi siano giustificate. L’impiccagione di Qadri è “da accettare in quanto funzionale a salvare vite innocenti in futuro”. Essa dimostra che le istituzioni sono “pronte a sfidare in modo serio la mentalità estremista”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®