19 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/11/2005
Pakistan
Pakistan, le ceneri delle chiese incendiate non verranno rimosse per 40 giorni

Il periodo simboleggia il tradizionale lutto pakistano. Leader cristiani chiedono la collaborazione degli ulema per "costruire un'armonia fra le fedi".



Sangla Hill (AsiaNews) – Le ceneri prodotte dalla distruzione delle chiese cristiane di Sangla Hill "non verranno spazzate né pulite per 40 giorni". P. Samson Dilawar, parroco della chiesa cattolica distrutta da una folla di musulmani il 12 novembre, ha comunicato la decisione presa dalla Commissione per l'Azione locale di Sangla Hill. I 40 giorni sono il periodo di lutto che normalmente viene osservato in Pakistan.

La stessa Commissione ha poi rifiutato di collaborare all'inchiesta sull'attacco aperta dal giudice distrettuale di Nankana. La comunità chiede che l'inchiesta venga lanciata da un giudice dell'Alta corte - non da uno provinciale - così come promesso da Parvez Elahi, primo ministro del Punjab, durante la sua visita del 16 novembre.

Le reazioni all'attacco sono molte e provengono da tutte le confessioni cristiane. L'arcivescovo di Canterbury, capo della chiesa anglicana, ha chiesto il 23 novembre al presidente Musharraf di "rivedere l'ingiusta legge sulla blasfemia", presunta causa degli attacchi.

Il vescovo Alexander John Malik, moderatore della chiesa del Pakistan, ha chiesto agli ulema [leader religiosi islamici ndr] pakistani di "andare avanti" nel costruire un'armonia fra le fedi e condannare la violenza in nome della religione.

La Commissione nazionale "Giustizia e Pace" della Conferenza episcopale del Pakistan ha invitato le organizzazioni coinvolte dagli attacchi a riunirsi il 4 dicembre a Lahore per decidere insieme una risposta all'intolleranza religiosa.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/11/2005 Pakistan
Cristiani del Punjab: "il governo visiti le nostre chiese distrutte"
di Qaiser Felix
24/11/2005 Pakistan
Arcivescovo di Canterbury: "Musharraf riveda la legge sulla blasfemia"
15/11/2005 Pakistan
Capi cristiani scrivono al presidente del Pakistan per abrogare la legge sulla blasfemia
11/01/2006 Pakistan
Ritirata l'accusa di blasfemia contro il cristiano di Sangla Hill
di Peter Jacob
02/01/2006 PAKISTAN
Pakistan, sciopero della fame per la pace a Sangla Hill
di Qaiser Felix

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate