30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/11/2005, 00.00

    Pakistan

    Pakistan, le ceneri delle chiese incendiate non verranno rimosse per 40 giorni



    Il periodo simboleggia il tradizionale lutto pakistano. Leader cristiani chiedono la collaborazione degli ulema per "costruire un'armonia fra le fedi".

    Sangla Hill (AsiaNews) – Le ceneri prodotte dalla distruzione delle chiese cristiane di Sangla Hill "non verranno spazzate né pulite per 40 giorni". P. Samson Dilawar, parroco della chiesa cattolica distrutta da una folla di musulmani il 12 novembre, ha comunicato la decisione presa dalla Commissione per l'Azione locale di Sangla Hill. I 40 giorni sono il periodo di lutto che normalmente viene osservato in Pakistan.

    La stessa Commissione ha poi rifiutato di collaborare all'inchiesta sull'attacco aperta dal giudice distrettuale di Nankana. La comunità chiede che l'inchiesta venga lanciata da un giudice dell'Alta corte - non da uno provinciale - così come promesso da Parvez Elahi, primo ministro del Punjab, durante la sua visita del 16 novembre.

    Le reazioni all'attacco sono molte e provengono da tutte le confessioni cristiane. L'arcivescovo di Canterbury, capo della chiesa anglicana, ha chiesto il 23 novembre al presidente Musharraf di "rivedere l'ingiusta legge sulla blasfemia", presunta causa degli attacchi.

    Il vescovo Alexander John Malik, moderatore della chiesa del Pakistan, ha chiesto agli ulema [leader religiosi islamici ndr] pakistani di "andare avanti" nel costruire un'armonia fra le fedi e condannare la violenza in nome della religione.

    La Commissione nazionale "Giustizia e Pace" della Conferenza episcopale del Pakistan ha invitato le organizzazioni coinvolte dagli attacchi a riunirsi il 4 dicembre a Lahore per decidere insieme una risposta all'intolleranza religiosa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/11/2005 Pakistan
    Cristiani del Punjab: "il governo visiti le nostre chiese distrutte"

    L'inviato di AsiaNews a Sangla Hill raccoglie testimonianze ed accuse precise dalla comunità cristiana del luogo che ha visto chiese, conventi e scuole bruciati e saccheggiati. "La blasfemia non c'entra nulla – dicono – è solo persecuzione". Torture nella sede della polizia. (Servizio fotografico del nostro inviato: la comunità cristiana di Sangla Hill e la distruzione delle loro proprietà).



    24/11/2005 Pakistan
    Arcivescovo di Canterbury: "Musharraf riveda la legge sulla blasfemia"

    Nel corso di una visita in Pakistan il leader anglicano chiede al governo di rivedere la legge sulla blasfemia dopo gli attacchi alla comunità cristiana di Sangla Hill.



    15/11/2005 Pakistan
    Capi cristiani scrivono al presidente del Pakistan per abrogare la legge sulla blasfemia

    Dopo le violenze e le distruzioni a chiese e luoghi cristiani a Sangla Hill, le comunità cristiane annunciano uno sciopero di protesta per il 17 novembre. Forti accuse all'inefficienza della pubblica sicurezza.



    11/01/2006 Pakistan
    Ritirata l'accusa di blasfemia contro il cristiano di Sangla Hill

    Il principale accusatore ammette di averlo denunciato sulla base "di un mero sospetto". Firmato un documento di riconciliazione fra cristiani e musulmani.



    02/01/2006 PAKISTAN
    Pakistan, sciopero della fame per la pace a Sangla Hill

    Arcivescovo di Lahore: è una protesta contro il "freddo" atteggiamento del governo verso la tragedia dei cristiani colpiti dall'estremismo islamico. La speranza in un nuovo anno migliore per le minoranze religiose in Pakistan.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®