29 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/11/2005
Pakistan
Pakistan, le ceneri delle chiese incendiate non verranno rimosse per 40 giorni

Il periodo simboleggia il tradizionale lutto pakistano. Leader cristiani chiedono la collaborazione degli ulema per "costruire un'armonia fra le fedi".



Sangla Hill (AsiaNews) – Le ceneri prodotte dalla distruzione delle chiese cristiane di Sangla Hill "non verranno spazzate né pulite per 40 giorni". P. Samson Dilawar, parroco della chiesa cattolica distrutta da una folla di musulmani il 12 novembre, ha comunicato la decisione presa dalla Commissione per l'Azione locale di Sangla Hill. I 40 giorni sono il periodo di lutto che normalmente viene osservato in Pakistan.

La stessa Commissione ha poi rifiutato di collaborare all'inchiesta sull'attacco aperta dal giudice distrettuale di Nankana. La comunità chiede che l'inchiesta venga lanciata da un giudice dell'Alta corte - non da uno provinciale - così come promesso da Parvez Elahi, primo ministro del Punjab, durante la sua visita del 16 novembre.

Le reazioni all'attacco sono molte e provengono da tutte le confessioni cristiane. L'arcivescovo di Canterbury, capo della chiesa anglicana, ha chiesto il 23 novembre al presidente Musharraf di "rivedere l'ingiusta legge sulla blasfemia", presunta causa degli attacchi.

Il vescovo Alexander John Malik, moderatore della chiesa del Pakistan, ha chiesto agli ulema [leader religiosi islamici ndr] pakistani di "andare avanti" nel costruire un'armonia fra le fedi e condannare la violenza in nome della religione.

La Commissione nazionale "Giustizia e Pace" della Conferenza episcopale del Pakistan ha invitato le organizzazioni coinvolte dagli attacchi a riunirsi il 4 dicembre a Lahore per decidere insieme una risposta all'intolleranza religiosa.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/11/2005 Pakistan
Cristiani del Punjab: "il governo visiti le nostre chiese distrutte"
di Qaiser Felix
24/11/2005 Pakistan
Arcivescovo di Canterbury: "Musharraf riveda la legge sulla blasfemia"
15/11/2005 Pakistan
Capi cristiani scrivono al presidente del Pakistan per abrogare la legge sulla blasfemia
11/01/2006 Pakistan
Ritirata l'accusa di blasfemia contro il cristiano di Sangla Hill
di Peter Jacob
02/01/2006 PAKISTAN
Pakistan, sciopero della fame per la pace a Sangla Hill
di Qaiser Felix

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate