24 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/05/2017, 14.53

    VATICANO-MYANMAR

    Papa Francesco ha incontrato Aung San Suu Kyi. Pieni rapporti diplomatici



    Decisi lo scambio di nunzio e di ambasciatore. All’incontro era presente anche il card. Charles Bo di Yangon. La Chiesa cattolica, pur minoranza, è un motore per lo sviluppo, la giustizia  e la riconciliazione nel Paese.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - La Santa Sede e la Repubblica del Myanmar hanno deciso di stabilire relazioni diplomatiche piene: d’ora in poi vi sarà un nunzio apostolico nel Paese del sudest asiatico e a Roma un ambasciatore birmano. L’annuncio è stato dato oggi dalla Sala stampa vaticana, dopo l’incontro privato che in mattinata papa Francesco ha avuto con Aung San Suu Kyi, in qualità di ministro degli esteri del Myanmar.

    Fino ad ora la Santa Sede aveva un delegato apostolico per il Myanmar, residente in Thailandia. Il parlamento birmano aveva approvato i rapporti diplomatici col Vaticano nel marzo scorso.

    Aung San Suu Kyi, Premio Nobel per la Pace 1991, per lungo tempo agli arresti durante la dittatura e divenuta icona della libertà del Paese, aveva già incontrato papa Francesco pochi giorni dopo l’elezione del pontefice, nel 2013.

    La domanda del Vaticano di avere rapporti diplomatici con il Paese del sud-est asiatico ha subito un’accelerazione da quando nel 2015, in Myanmar è stato eletto il primo presidente civile dopo 50 anni di dittatura militare.

    I compiti di Aung San Suu Kyi e del suo governo sono enormi: rimettere in piedi l’economia, tuttora controllata dai militari; diffondere sviluppo a molte fasce della popolazione che soffrono la miseria; riconciliare la popolazione e le varie etnie dopo anni di guerra. Fra i problemi vi è anche quello dello status dei Rohingya, popolazione migrante bengalese e islamica, residente in Myanmar dai tempi dell’impero britannico, a cui è negata la cittadinanza. Diverse organizzazioni internazionali hanno criticato Aung San Suu Kyi per non affrontare il problema Rohingya. Anche papa Francesco in diverse udienze e discorsi ha spinto la comunità internazionale a trovare una soluzione dignitosa per la popolazione musulmana.

    Fra le personalità presenti all’incontro fra il pontefice e Aung San Suu Kyi era presente anche il card. Charles Bo, arcivescovo di Yangon e amico personale della “Signora”. Nei giorni scorsi il porporato ha partecipato alla la prima conferenza interreligiosa di pace a Yangon. Per il porporato, la Chiesa cattolica in Myanmar può essere un motore per “costruire la nazione attraverso la pace e la riconciliazione, lo sviluppo umano, l’educazione e l’affermazione dei diritti delle popolazioni indigene”.

    Cecilia Brighi, fondatrice dell’Associazione “Italia-Birmania insieme”, che ha incontrato ieri la “Signora”, per studiare vie di collaborazione con l’Italia, conferma l’importanza della visita di oggi al pontefice: “La Chiesa cattolica in Myanmar, pur essendo minoranza, svolge un ruolo molto importante nel dialogo interreligioso. Il card. Charles Bo è una figura molto rilevante in questo quadro, perché ha una visione del ruolo sociale e politico delle istituzioni religiose. L’incontro di oggi con il papa è un segnale importante di riconoscimento del ruolo della Chiesa anche sul piano sociale, della trasparenza e della lotta alla corruzione, per contribuire a rafforzare il processo di democratizzazione del Paese. L’incontro è anche un importante segnale ai militari, che in alcune aree del Paese hanno alimentato violenze nei confronti dei cristiani. Più il Paese è instabile e più i militari possono mantenere intatto il proprio potere, sia politico che economico, poiché in questo modo sono l’ago della bilancia nelle scelte di governo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/05/2017 12:17:00 MYANMAR
    Card. Bo: religiosi in Myanmar, “esercito” di pace più forte di militari e milizie etniche

    Il porporato birmano ha promosso la prima conferenza interreligiosa di pace a Yangon. Presenti oltre 200 leader buddisti, cristiani, musulmani e indù. Intervenuti pure leader politici, istituzionali e membri della società civile. Agli uomini di fede il compito di appianare le discriminazione e mettere fine agli scontri etnici e confessionali. Tempo di traghettare il Paese verso una piena democrazia.

     



    29/08/2017 13:14:00 MYANMAR - VATICANO
    La visita del papa in Myanmar. ‘Speranza di pace’

    Gioia, aspettative e timori della piccola e giovane comunità del Paese. I vescovi: “Come il Buon Pastore, il Santo Padre vuole incontrare il suo gregge, privilegiando le Chiese insignificanti”. Nel Paese vi sono 16 diocesi, 23 vescovi ed un unico cardinale eletto nel 2015. I cattolici sono 700mila, solo l’1,37% della popolazione. Mons. Pyone Cho, vescovo di Pyayn: “La sua visita influirà sulla promozione della concordia”. Suor Dennis Ja Tawng: “Il Myanmar soffre per i conflitti etnici, ma il papa redimerà questa terra”.



    03/04/2017 11:31:00 MYANMAR
    Elezioni in Myanmar, Aung San Suu Kyi perde il voto delle minoranze etniche

    Le consultazioni condizionate da una forte disillusione nei confronti del partito della Signora. Le tensioni etniche crescono e l’economica stenta a migliorare. La Nld ha ottenuto buoni risultati nelle aree attorno alla capitale commerciale Yangon e più a nord nelle regioni centrali. Le sconfitte più pesanti si registrano nelle zone remote del Paese.

     



    29/08/2017 16:48:00 MYANMAR - VATICANO
    Rakhine, i cattolici temono tensioni per le parole del Papa sui Rohingya

    Polemiche nel Paese per l’appello in favore dei Rohingya durante l’Angelus. La maggioranza dei birmani è contraria al riconoscimento dei loro diritti. I cattolici hanno accolto le parole del papa con stupore e temono per la sua sicurezza. La crisi umanitaria nello Stato di Rakhine è un argomento molto sensibile per la società. La Chiesa invita all’imparzialità e sottolinea il contributo della visita del pontefice al processo di pacificazione nazionale.



    02/02/2009 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi incontra l’inviato speciale Onu Ibrahim Gambari
    La leader per la democrazia lascia gli arresti domiciliari per un’ora di colloqui con il rappresentante delle Nazioni Unite. Suu Kyi sottolinea che la visita del segretario generale Onu in Myanmar è “condizionata” alla liberazione dei prigionieri politici. Dalle Nazioni Unite un piano di aiuti economici in cambio di concessioni in tema di democrazia e diritti umani.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®