21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 20/10/2017, 11.14

    VATICANO

    Papa: Gesù chiede verità, coerenza di vita e rifiuto dell’ipocrisia



    “Le nostre opere sono la risposta all’amore gratuito di Dio, che ci ha giustificato e che ci perdona sempre. E la nostra santità è proprio ricevere sempre questo perdono”. Gli ipocriti “truccano l’anima, vivono del trucco, la santità è un trucco per loro. Gesù sempre ci chiede di essere veritieri, ma veritieri dentro al cuore e che se qualcosa appare che appaia questa verità, quello che è dentro al cuore”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Gesù ci chiede verità, coerenza di vita e rifiuto dell’ipocrisia nella consapevolezza che il “vero perdono di Dio” è “gratuito”, viene “dalla sua grazia”, “dalla sua volontà”, e non è certamente quello che “pensiamo di avere per le nostre opere”. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, il passo della Lettera di San Paolo ai Romani, in cui si esorta ad aderire con un atto di fede a Dio.

    “Le nostre opere sono la risposta all’amore gratuito di Dio, che ci ha giustificato e che ci perdona sempre. E la nostra santità è proprio ricevere sempre questo perdono, per questo finisce citando il Salmo che abbiamo pregato: ‘Beati quelli le cui iniquità sono state perdonate e i peccati sono stati ricoperti. Beato l’uomo al quale il Signore non mette in conto il peccato’. E’ il Signore, Lui è quello che ci ha perdonato il peccato originale e che ci perdona ogni volta che andiamo da Lui. Noi non possiamo perdonarci i nostri peccati con le nostre opere, solo Lui perdona. Noi possiamo rispondere con le nostre opere a questo perdono”.

    Nell’odierno Vangelo di Luca, ha proseguito il Papa, Gesù ci fa capire “un altro modo di cercare la giustificazione”, proponendoci l’immagine di “quelli che si credono giusti per le apparenze”: quelli, cioè, che sanno fare la “faccia di immaginetta”, come “se fossero santi”. Sono gli ipocriti. Dentro di loro “è tutto sporco”, ma esternamente vogliono “apparire” giusti e buoni, facendosi vedere quando digiunano, pregano o danno l’elemosina. Ma dentro il cuore non c’è nulla, “non c’è sostanza”, la loro “è una vita ipocrita”, la loro verità “è nulla”. “Questi truccano l’anima, vivono del trucco, la santità è un trucco per loro. Gesù sempre ci chiede di essere veritieri, ma veritieri dentro al cuore e che se qualcosa appare che appaia questa verità, quello che è dentro al cuore. Per questo quel consiglio: quando tu preghi, vai a farlo di nascosto; quando tu digiuni, lì sì, truccati un po’, perché nessuno veda nella faccia la debolezza del digiuno; e quando tu dai l’elemosina che la tua mano sinistra non sappia quello che fa la destra, fallo di nascosto”.

    La loro, ha ribadito Francesco, è “la giustificazione dell’apparenza”. Sono “bolle di sapone” che oggi ci sono e domani non ci sono più. “Gesù ci chiede coerenza di vita, coerenza fra quello che facciamo e quello che viviamo dentro. La falsità fa tanto male, l’ipocrisia fa tanto male, è un modo di vivere. Nel Salmo abbiamo chiesto la grazia della verità davanti al Signore. E’ bello quello che abbiamo chiesto: 'Signore, ti ho fatto conoscere il mio peccato, non l’ho nascosto, non ho coperto la mia colpa, non ho truccato la mia anima. Ho detto: ‘Confesserò al Signore le mie iniquità’ e tu hai tolto la mia colpa e il mio peccato'. La verità sempre davanti a Dio, sempre. E questa verità davanti a Dio è quella che fa spazio perché il Signore ci perdoni”.

    Perché l’ipocrisia non diventi una “abitudine” la via indicata da Francesco è di non accusare gli altri ma imparare “la saggezza di accusare se stessi”, senza coprire le nostre colpe davanti al Signore.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/10/2016 12:15:00 VATICANO
    Papa: Il lievito buono della verità e quello cattivo dell’ipocrisia

    Alla messa in Santa Marta, papa Francesco indica i bambini come modello di “lievito buono”: nella confessione dicono “con verità” e dicono cose concrete”. “L’ipocrita è un simulatore”: “Si dice una cosa e si fa un’altra”. “L’ipocrita è un nominalista, crede che con il dire si faccia tutto”.



    11/09/2015 VATICANO
    Papa: chi non impara ad accusare se stesso diventa ipocrita, “dal Papa in giù”
    Il Signore ci parla della “ricompensa”: “non giudicate, non sarete giudicati. Non condannate e non sarete condannati”. “Il primo passo è l’accusa di se stessi. Il coraggio di accusare se stessi, prima di accusare gli altri”. “Quando mi viene la voglia di dire agli altri i difetti degli altri, fermarsi. E io?”.

    09/01/2018 12:32:00 VATICANO
    Papa: l’incoerenza di vita di un pastore è ‘una ferita nella Chiesa’

    Quello che dà autorità a un pastore è la vicinanza: vicinanza a Dio nella preghiera e vicinanza alla gente. “L’autorità: l’autorità, dono di Dio. Solo viene da Lui. E Gesù la dà ai suoi. Autorità nel parlare, che viene dalla vicinanza con Dio e con la gente, sempre tutti e due insieme”.



    10/06/2016 13:18:00 VATICANO
    Papa: i cristiani siano uniti in un mondo che vive come se Dio non esistesse

    Incontrando una delegazione del Direttivo della Comunione mondiale delle Chiese riformate, Francesco sottolinea l’“urgente bisogno di un ecumenismo che, insieme allo sforzo teologico per ricomporre le controversie dottrinali tra i cristiani, promuova una comune missione di evangelizzazione e di servizio”.

     



    07/04/2016 12:12:00 VATICANO
    Papa: a portare avanti la Chiesa sono coloro che testimoniano Gesù con la coerenza di vita

    “Di che cosa ha bisogno oggi la Chiesa? Di testimoni, di martiri”. “Sono proprio i testimoni, cioè i santi, i santi di tutti i giorni, quelli della vita ordinaria, ma con la coerenza, e anche i testimoni fino alla fine, fino alla morte”. Sono quelli che “attestano che Gesù è risorto, che Gesù è vivo, e lo attestano con la coerenza di vita e con lo Spirito Santo che hanno ricevuto in dono”.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®