26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/03/2017, 12.07

    VATICANO

    Papa: In Quaresima, trattare la Bibbia come il nostro telefono cellulare, portandola sempre con noi



    All’Angelus papa Francesco consiglia di portare la Bibbia “sempre con noi”; aprirla “diverse volte al giorno”; leggere “i messaggi di Dio” per avere forza nel “combattimento spirituale” contro Satana durante la Quaresima. Stasera il pontefice e la Curia iniziano gli esercizi spirituali quaresimali.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Durante la Quaresima è importante “prendere confidenza con la Bibbia” e trattarla come “trattiamo il nostro telefono cellulare”. Sono i consigli che papa Francesco ha rivolto ai pellegrini radunati oggi in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus in occasione della prima domenica di Quaresima.

    “Durante i quaranta giorni della Quaresima – ha detto il pontefice -  come cristiani siamo invitati a seguire le orme di Gesù e affrontare il combattimento spirituale contro il Maligno con la forza della Parola di Dio. Per questo bisogna prendere confidenza con la Bibbia: leggerla spesso, meditarla, assimilarla. La Bibbia contiene la Parola di Dio, che è sempre attuale ed efficace. Qualcuno ha detto: cosa succederebbe se trattassimo la Bibbia come trattiamo il nostro telefono cellulare? Se la portassimo sempre con noi; se tornassimo indietro quando la dimentichiamo; se la aprissimo diverse volte al giorno; se leggessimo i messaggi di Dio contenuti nella Bibbia come leggiamo i messaggi del telefonino... Chiaramente il paragone è paradossale, ma fa riflettere. In effetti, se avessimo la Parola di Dio sempre nel cuore, nessuna tentazione potrebbe allontanarci da Dio e nessun ostacolo ci potrebbe far deviare dalla strada del bene; sapremmo vincere le quotidiane suggestioni del male che è in noi e fuori di noi; ci troveremmo più capaci di vivere una vita risuscitata secondo lo Spirito, accogliendo e amando i nostri fratelli, specialmente quelli più deboli e bisognosi, e anche i nostri nemici”.

    In precedenza il papa si era soffermato a considerare il vangelo della liturgia di oggi (Matteo 4,1-11), che racconta le tentazioni di Gesù nel deserto. Dopo il suo battesimo, ha spiegato Francesco, “Gesù è ormai pronto per iniziare la sua missione; e poiché essa ha un nemico dichiarato, cioè Satana, Lui lo affronta subito, ‘corpo a corpo’. Il diavolo fa leva proprio sul titolo di ‘Figlio di Dio’ per allontanare Gesù dall’adempimento della sua missione: «Se tu sei Figlio di Dio...», gli ripete (vv. 3.6), e gli propone di fare gesti miracolosi, come trasformare le pietre in pane per saziare la sua fame, e buttarsi giù dalle mura del tempio facendosi salvare dagli angeli. A queste due tentazioni, segue la terza: adorare lui, il diavolo, per avere il dominio sul mondo (cfr v. 9).  Mediante questa triplice tentazione, Satana vuole distogliere Gesù dalla via dell’obbedienza e dell’umiliazione – perché sa che così il male sarà sconfitto – e portarlo sulla falsa scorciatoia del successo e della gloria. Ma le frecce velenose del diavolo vengono tutte ‘parate’ da Gesù con lo scudo della Parola di Dio (vv. 4.7.10) che esprime la volontà del Padre. E così il Figlio, pieno della forza dello Spirito Santo, esce vittorioso dal deserto”.

    “La Vergine Maria – ha concluso -  icona perfetta dell’obbedienza a Dio e della fiducia incondizionata al suo volere, ci sostenga nel cammino quaresimale, affinché ci poniamo in docile ascolto della Parola di Dio per realizzare una vera conversione del cuore”.

    Dopo la preghiera mariana, alla fine dei saluti ai gruppi presenti, il papa ha ricordato che da stasera egli e la Curia romana saranno impegnati nei tradizionali esercizi spirituali della Quaresima.

    “Da pochi giorni – ha detto - abbiamo iniziato la Quaresima, che è il cammino del Popolo di Dio verso la Pasqua, un cammino di conversione, di lotta contro il male con le armi della preghiera, del digiuno, delle opere di carità. Auguro a tutti che il cammino quaresimale sia ricco di frutti; e vi chiedo un ricordo nella preghiera per me e per i collaboratori della Curia Romana, che questa sera inizieremo la settimana di Esercizi Spirituali. Grazie di cuore”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/02/2014 VATICANO
    Papa: "Diffido dell'elemosina che non costa e che non duole"
    Nel suo Messaggio per la Quaresima, il Papa invita a testimoniare il messaggio evangelico a quanti vivono nella "miseria materiale, miseria morale e miseria spirituale". Col farsi "povero" di Gesù, "Dio non ha fatto cadere su di noi la salvezza dall'alto, come l'elemosina di chi dà parte del proprio superfluo con pietismo filantropico".

    09/03/2014 VATICANO
    Papa: Con Satana non si dialoga, lo si combatte con la Parola di Dio
    All'Angelus domenicale, Francesco commenta il Vangelo della prima domenica di Quaresima che racconta le tentazioni di Cristo nel deserto ad opera del demonio: "Gesù non dialoga con Satana, come aveva fatto Eva nel Paradiso Terrestre. Gesù sa bene che con Satana non si può dialogare, perché è tanto astuto. Per questo Gesù, invece di dialogare come Eva, sceglie di rifugiarsi nella Parola di Dio e risponde con la forza di questa Parola. Ricordiamoci di questo nel momento delle nostre tentazioni".

    18/02/2014 VATICANO
    Papa: "La tentazione cresce, contagia e si giustifica", ce ne libera solo la Parola di Gesù
    "Gesù è grande perché non solo ci fa uscire dalla tentazione, ma ci da più fiducia". Questa fiducia è "una forza grande, quando siamo in tentazione: il Signore ci aspetta", "si fida di noi così tentati, peccatori", "apre sempre orizzonti". Viceversa, il diavolo con "la tentazione, chiude, chiude, chiude".

    10/02/2008 VATICANO
    Papa: Quaresima, combattere con Cristo il male che è noi
    Benedetto XVI esorta a “non scaricare il problema del male sugli altri, sulla società o su Dio, ma riconoscere le proprie responsabilità e farsene carico consapevolmente”. La coincidenza con il 150mo anniversario dell’apparizione della Vergine di Lourdes ed il suo invito alla conversione.

    17/02/2013 VATICANO
    Papa: ogni momento della vita dobbiamo scegliere se seguire Dio o il nostro egoismo
    Nel suo penultimo Angelus Benedetto XVI commenta la tentazioni di Gesù. "Il loro nucleo centrale consiste sempre nello strumentalizzare Dio per i propri interessi". Ad ascoltarlo, una folla immensa, forse 70mila persone.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®