21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/06/2013, 00.00

    VATICANO

    Papa: Le ricchezze e le preoccupazioni del mondo soffocano la Parola di Dio, il nostro passato, presente e futuro



    Le ricchezze ci "tolgono dal tempo" perché ci fanno dimenticare il passato, l'elezione ricevuta da Dio, e ci fanno preoccupare troppo di un futuro senza promessa. Alla messa in Santa Marta ha partecipato il vescovo di Santa Clara (Cuba).

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Le ricchezze e le preoccupazioni del mondo "soffocano la Parola di Dio"; fanno "dimenticare il passato, non accettare il presente, sfigurare il futuro". Così papa Francesco ha commentato il vangelo

    della messa di oggi (Matteo 6, 24-34), sottolineando che più che sulle ricchezze, la nostra vita è fondata sui tre pilastri della elezione, alleanza e promessa di Dio.

    Alla celebrazione nella casa Santa Marta, come riferisce la Radio vaticana, hanno preso parte mons. Arturo González, vescovo di Santa Clara (Cuba), e un gruppo di dipendenti dei Musei vaticani.

    "Le ricchezze e le preoccupazioni del mondo - ha spiegato il pontefice - soffocano la Parola di Dio e non la lasciano crescere. E la Parola muore, perché non è custodita: è soffocata. In quel caso si serve la ricchezza o si serve la preoccupazione, ma non si serve la Parola di Dio. E anche questo ha un senso temporale, perché la parabola è un po' costruita - il discorso di Gesù nella parabola - sul tempo, no? Non preoccupatevi dell'indomani, di cosa fai domani... E anche la parabola del Seminatore è costruita sul tempo: semina, poi viene la pioggia e cresce. Cosa fa in noi, cosa fanno le ricchezze e cosa fanno le preoccupazioni? Semplicemente ci tolgono dal tempo".

    Tutta la nostra vita, ha continuato, è fondata su tre pilastri: uno nel passato, uno nel presente e un altro nel futuro. Il pilastro del passato "è quello dell'elezione del Signore". Il futuro invece riguarda il "camminare verso una promessa", fatta dal Signore. Il presente "è la nostra risposta a questo Dio tanto buono che mi ha eletto".

    "A quello che è attaccato alle ricchezze - ha aggiunto - non importa il passato né il futuro, ha tutto là. E' un idolo, la ricchezza. Non ho bisogno di un passato, di una promessa, di un'elezione: niente. Quello che si preoccupa di cosa può succedere, taglia il suo rapporto col futuro - 'Ma, può andare questo?' - e il futuro diventa futuribile, ma no, non ti orienta a nessuna promessa: rimane confuso, rimane solo".

    Le ricchezze e le preoccupazioni, ha ribadito, sono le due cose che "ci fanno dimenticare il nostro passato", che ci fanno vivere come se non avessimo un Padre. E anche il nostro presente "è un presente che non va".


    E ha concluso: "Dimenticare il passato, non accettare il presente, sfigurare il futuro: questo è quello che fanno le ricchezze e le preoccupazioni. Il Signore ci dice: 'Ma, tranquilli! Cercate il Regno di Dio e la sua giustizia, tutto l'altro verrà'. Chiediamo al Signore la grazia di non sbagliarci con le preoccupazioni, con l'idolatria della ricchezza e sempre avere memoria che abbiamo un Padre, che ci ha eletti; avere memoria che questo Padre ci promette una cosa buona, che è camminare verso quella promessa e avere il coraggio di prendere il presente come viene. Questa grazia chiediamo al Signore!".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/01/2014 VATICANO
    Papa: I cristiani e la tentazione di "vendersi" per essere "normali" e "come tutti"
    Nell'omelia della messa a Santa Marta, papa Francesco mette in guardia i cristiani contro la "normalità mondana", che dimentica l'elezione ricevuta e fa vivere in un "complesso di inferiorità" per non essere "un popolo normale". Per non cadere, è importante aprire il cuore alla Parola di Dio, per camminare sulla strada "vera".

    10/02/2014 VATICANO
    Papa: la messa non è una riunione dei credenti per pregare assieme, è "teofania", presenza reale del Signore
    Nella messa di questa mattina, Francesco parla della riscoperta del "senso del sacro", "entrare nel mistero di Dio, lasciarsi portare al mistero ed essere nel mistero". Andare a visitare il Papa a Santa Marta non è una tappa turistica.

    23/12/2013 VATICANO
    Papa: Non solo a Betlemme con Maria. Gesù viene ogni giorno nella Chiesa e in noi
    Nell'omelia alla casa Santa Marta, papa Francesco ricorda che le venute di Gesù sono tre: a Betlemme, alla fine dei tempi e nella nostra vita. Imitare la Madonna nell'attesa e nella domanda "Vieni!". Il rischio di vivere non da pellegrini, ma come persone che stanno ferme "chiuse in un albergo" con la scritta "Non disturbare!".

    10/02/2017 13:08:00 VATICANO
    Papa: Il diavolo ci inganna con il “dialogo”, che porta alla corruzione

    Alla messa nella casa Santa Marta, papa Francesco sottolinea che con il diavolo non si deve “dialogare”, ma occorre pregare. Il diavolo, “padre della menzogna”, illude e “ti lascia nudo”.



    01/09/2015 VATICANO
    Papa: L’abbraccio finale con Cristo e il riempitivo “delle chiacchere”
    Alla ripresa delle messe pubbliche nella casa S. Marta, papa Francesco chiede ai cristiani di testimoniare la speranza (e non la paura) dell’incontro definitivo con Gesù Cristo. “Lui verrà a trovarmi perché io lo veda con questi occhi, lo abbracci e sia sempre con Lui”. “Confortiamoci gli uni gli altri con le buone opere e le buone parole, su questa strada”.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®