22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/01/2005, 00.00

    vaticano - asia - giornata mondiale della pace

    Papa: Promuovere la pace con le armi dell'amore



    Un saluto speciale per gli ambasciatori dei paesi colpiti dallo tsunami in Asia.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Di fronte alle "molteplici manifestazioni del male" il Papa chiama cristiani, credenti di altri religioni e tutti gli uomini all' "esigenza prioritaria" di "promuovere la pace" facendo ricorso e utilizzando "mezzi coerenti", sconfiggendo il male con "le armi dell'amore". E' questo il cuore dell'omelia di Giovanni Paolo II tenuta questa mattina durante la celebrazione eucaristica nella basilica di San Pietro in occasione della solennità di Maria Santissima, Madre di Dio, che coincide con la Giornata mondiale della Pace.

    Il Pontefice ha rivolto "uno speciale saluto" agli ambasciatori dei Paesi colpiti dal terremoto in Asia: questa notte il Papa aveva celebrato una messa nella sua cappella privata per le vittime dello tsunami e per quanti stanno soccorrendo gli sfollati.

    Nella sua breve omelia Giovanni Paolo II ha indicato nel "dialogo", nelle "opere di giustizia" e nell'educazione "al perdono" i modi con cui erigere e  promuovere in concreto la pace nel mondo. Costruire la pace, secondo il Papa, "presuppone l'accoglienza" dell'"esigenza morale fondamentale" dell'amore. Riferendosi al suo Messaggio per la Giornata della Pace, ispirato dalle parole dell'apostolo Paolo "Non lasciarti vincere dal male, ma vinci con il bene il male", il papa ha detto che "vincere il male con le armi dell'amore" è "la via" che "cristiani e credenti di religioni diverse" e "quanti si riconoscono nella legge morale universale" sono chiamati a percorrere per compiere la "comune missione" di promuovere la pace tra i popoli.

    Il papa ha chiesto a Maria, madre del "Principe della Pace",  l'aiuto perché gli uomini realizzino la parola evangelica: "Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio" (Mt 5,9) "Buon anno a tutti" ha concluso il pontefice.  (LF)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/12/2004 VATICANO – GIORNATA MONDIALE DELLA PACE 2005
    "Non lasciarti vincere dal male, ma vinci con il bene il male"

    Commento al Messaggio di Giovanni Paolo II per la Giornata Mondiale della Pace 2005.



    16/12/2003 vaticano - giornata della pace 2004
    Terroristi e governi, convertitevi alla giustizia e all'amore


    01/01/2005 VATICANO - ASIA
    Papa: La benedizione di Dio sul nuovo anno segnato dalla tragedia
    Giovanni Paolo II rinnova la sua vicinanza alle vittime dello tsunami.

    05/04/2005 INDONESIA-VATICANO
    Gus Dur: Giovanni Paolo II "incessante promotore della pace"
    In una lettera aperta, l'ex presidente indonesiano, musulmano, ricorda il pontefice defunto. Alle sue condoglianze si associano tutte le maggiori cariche, politiche e religiose, del Paese.

    18/07/2008 VATICANO - GMG
    Papa: Libertà religiosa per il benessere della società
    Benedetto XVI ha incontrato in due momenti rappresentanti delle Chiese cristiane e delle religioni presenti in Australia, lodata per le sue garanzie a favore della libertà religiosa. La collaborazione delle religioni a sostenere la dignità della persona umana e il rispetto per il creato. Educare i giovani alla ricerca del significato della vita.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®