16 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/12/2016, 12.21

    VATICANO

    Papa: S. Stefano, anche oggi la Chiesa sperimenta dure persecuzioni fino alla suprema prova del martirio



    All’Angelus di oggi, papa Francesco ricorda che il martirio “continua ad essere presente nella storia della Chiesa, da Stefano fino ai nostri giorni”. “Il mondo odia i cristiani per la stessa ragione per cui ha odiato Gesù”. Essere vicini anche con “il nostro pianto” a quanti subiscono oggi il martirio. I martiri di oggi “in numero maggiore rispetto a quelli dei primi secoli” e uccisi “con la stessa crudeltà”. Un momento di preghiera in silenzio per  le vittime dell’aereo russo precipitato nel Mar Nero.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Come ai tempi di santo Stefano, “anche oggi la Chiesa, per rendere testimonianza alla luce e alla verità, sperimenta in diversi luoghi dure persecuzioni, fino alla suprema prova del martirio”. È quanto papa Francesco ha detto ai pellegrini radunati in piazza san Pietro per la recita dell’Angelus nel giorno dopo il Natale, che la Chiesa consacra al ricordo del primo martire cristiano, santo Stefano.

    “Quanti nostri fratelli e sorelle nella fede – ha continuato - subiscono soprusi, violenze e sono odiati a causa di Gesù!”. A braccio, il papa ha aggiunto: “Io vi dico una cosa: i martiri di oggi sono in numero maggiore rispetto a quelli dei primi secoli. Quando noi leggiamo la storia dei primi secoli qui a Roma, leggiamo tanta crudeltà verso i cristiani. Io vi dico: la stessa crudeltà c’è oggi e in numero maggiore contro i cristiani”.

    “Oggi – ha continuato - vogliamo pensare a loro ed essere vicini a loro con il nostro affetto, la nostra preghiera e anche il nostro pianto. Ieri, giorno di Natale, i cristiani perseguitati nell’Iraq hanno celebrato nella loro cattedrale distrutta. È un esempio della fedeltà al Vangelo. Nonostante le prove e i pericoli, essi testimoniano con coraggio la loro appartenenza a Cristo e vivono il Vangelo impegnandosi a favore degli ultimi, dei più trascurati, facendo del bene a tutti senza distinzione; testimoniano la carità nella verità”.

    Il “martirio – ha detto - … continua ad essere presente nella storia della Chiesa, da Stefano fino ai nostri giorni”.

    “Il mondo – ha spiegato il pontefice - odia i cristiani per la stessa ragione per cui ha odiato Gesù, perché Lui ha portato la luce di Dio e il mondo preferisce le tenebre per nascondere le sue opere malvage. Per questo c’è opposizione tra la mentalità del Vangelo e quella mondana. Seguire Gesù vuol dire seguire la sua luce, che si è accesa nella notte di Betlemme, e abbandonare le tenebre del mondo”. E a braccio ha aggiunto: “Ricordiamo che Gesù stesso pregò il Padre per proteggerci dal cattivo spirito mondano”.

    “Il protomartire Stefano, pieno di Spirito Santo, venne lapidato perché confessò la sua fede in Gesù Cristo, Figlio di Dio. L’Unigenito che viene nel mondo invita ogni credente a scegliere la via della luce e della vita. È questo il significato profondo della sua venuta tra noi. Amando il Signore e obbedendo alla sua voce, il diacono Stefano ha scelto Cristo, Vita e Luce per ogni uomo. Scegliendo la verità, egli è diventato nello stesso tempo vittima del mistero dell’iniquità presente nel mondo. Ma in Cristo ha vinto!”.

    “Nel fare spazio dentro il nostro cuore al Figlio di Dio che si dona a noi nel Natale – ha poi concluso - rinnoviamo la gioiosa e coraggiosa volontà di seguirlo fedelmente come unica guida, perseverando nel vivere secondo la mentalità evangelica e rifiutando la mentalità dei dominatori di questo mondo.

    Alla Vergine Maria, Madre di Dio e Regina dei martiri, eleviamo la nostra preghiera, affinché ci guidi e ci sostenga sempre nel nostro cammino alla sequela di Gesù Cristo, che contempliamo nella grotta del presepe e che è il Testimone fedele di Dio Padre”.

    Dopo la preghiera mariana, prima dei saluti, il pontefice ha ricordato la tragedia dell’aereo russo precipitato ieri nel Mar Nero e ha proposto un momento di preghiera silenziosa. Fra le vittime, ha detto, vi erano anche i membri dell’orchestra e del coro dell’esercito che una volta si è esibita anche in Vaticano, in occasione del 26mo anniversario del pontificato di san Giovanni Paolo II.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/12/2013 VATICANO
    Papa: La festa di santo Stefano primo martire dissolve l'immagine "fiabesca" del Natale
    All'Angelus papa Francesco chiede un momento di silenzio e preghiere per i cristiani perseguitati. "Sono più oggi che nei primi tempi della Chiesa" E' necessaria la testimonianza e la denuncia delle violazioni alla libertà religiosa e alla discriminazione. Contemplare il presepe perché cresca nelle famiglie e nelle comunità "quel clima di intesa e di fraternità che tanto giova al bene comune".

    25/08/2004 russia - vaticano
    Icona di Kazan: "Il Patriarca deve essere il primo a vederla"


    26/12/2007 VATICANO
    Papa: il martirio cristiano, un atto d’amore anche verso i persecutori
    Nella festa di santo Stefano, Benedetto XVI ricorda missionari, sacerdoti, vescovi, suore e fedeli laici ancora oggi perseguitati, imprigionati, torturati, privati della libertà a causa della fede e del loro legame col papa. Il martire offre la forza disarmante della verità e dell’amore di fronte alla violenza brutale dei nemici.

    26/12/2005 vaticano
    Papa: Santo Stefano, la fede cristiana e l'eroismo dei martiri


    26/12/2015 VATICANO
    Papa: Santo Stefano, ricevere e donare il perdono
    Il martire, il testimone, “fa come Gesù”: prega, ama, dona, perdona. Il perdono di Stefano e la conversione di san Paolo. “Attraverso il perdono vinciamo il male con il bene, trasformiamo l’odio in amore e rendiamo così più pulito il mondo”. Contemplare il presepe “possa suscitare un atteggiamento di misericordia e di amore vicendevole nelle famiglie, nelle comunità parrocchiali e religiose, nei movimenti e nelle associazioni, in tutti i fedeli e nelle persone di buona volontà”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®