20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/04/2006, 00.00

    vaticano

    Papa: affida a Maria il mondo "segnato da non poche ombre"



    Benedetto XVI, prima del Regina Caeli, riafferma la verità storica della Risurrezione, contro coloro che vogliono negarla "come in vario modo si è tentato di fare e si continua a fare". Benedetto XVI ha anche ricordato l'odierna beatificazione, a Ramapuram, nel Kerala, in India, di padre Augustine Kunjachan Thevarparampil, l'apostolo dei dalit.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Al'inizio del mese di maggio, dedicato a Maria, Benedetto XVI ha voluto affidarle "le necessità della Chiesa e del mondo intero, specialmente in questo momento segnato da non poche ombre". Nelle parole rivolte ad oltre 30mila persone presenti in Piazza San Pietro per la recita del Regina Caeli, che, ha ricordato, fino a Pentecoste si recita al posto dell'Angelus, il Papa ha anche ribadito la "verità" della Risurrezione, contro color che in passato, ma anche ora, la negano. "La risurrezione di Cristo – ha detto, in quello che alcuni anno voluto vedere come un indiretto riferimento anche al 'Codice da Vinci' - è il dato centrale del cristianesimo, verità fondamentale da riaffermare con vigore in ogni tempo, poiché negarla come in vario modo si è tentato di fare e si continua a fare o trasformarla in un avvenimento puramente spirituale, è vanificare la stessa nostra fede. "Se Cristo non è risuscitato - afferma san Paolo -, allora è vana la nostra predicazione ed è vana anche la nostra fede" (1 Cor15,14)".

    "Nei giorni che seguirono la risurrezione del Signore – ha proseguito - gli Apostoli restarono raccolti tra loro, confortati dalla presenza di Maria, e dopo l'Ascensione perseverarono insieme a Lei in orante attesa della Pentecoste. La Madonna fu per loro madre e maestra, ruolo che continua a svolgere verso i cristiani di tutti i tempi. Ogni anno, nel tempo pasquale, riviviamo più intensamente questa esperienza e forse proprio per questo la tradizione popolare ha consacrato a Maria il mese di maggio, che normalmente cade tra la Pasqua e la Pentecoste. Questo mese, che iniziamo domani, ci è pertanto utile a riscoprire la funzione materna che Lei svolge nella nostra vita, affinché siamo sempre discepoli docili e testimoni coraggiosi del Signore risorto. A Maria affidiamo le necessità della Chiesa e del mondo intero, specialmente in questo momento segnato da non poche ombre. Invocando l'intercessione anche di San Giuseppe, che domani ricorderemo in modo particolare col pensiero al mondo del lavoro, a Lei ci rivolgiamo con la preghiera del Regina Caeli , preghiera che ci fa assaporare la gioia confortatrice della presenza di Cristo risorto".

    Benedetto XVI ha anche ricordato l'odierna beatificazione, a Ramapuram, nel Kerala, in India, di padre Augustine Kunjachan Thevarparampil, l'apostolo dei dalit. Nel saluto in inglese, dopo la recita della preghiera mariana, rifacendosi ad uno degli impegni caratteristici del nuovo beato ha chiesto di pregare per la riconciliazione delle famiglie.

    Ai polacchi, infine, ha rivolto un saluto nel quale ha ricordato l'ormai suo prossimo viaggio nel loro Paese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/04/2012 VATICANO
    Papa: Nella mente e nel cuore la Risurrezione di Gesù, mistero decisivo della nostra fede
    Benedetto XVI, al suo primo Regina Caeli a Castel Gandolfo, invita a usare il tempo della vacanza per rileggere i racconti della risurrezione di Gesù narrati nei vangeli. La testimonianza delle donne, importante nella passione e nella risurrezione, ma anche in tutti i tempi della Chiesa. L'importanza di Maria, che per la risurrezione di Gesù, diventa Madre della Chiesa.

    21/04/2014 VATICANO
    Papa: La gioia pasquale "non è un maquillage! Si imprima nei nostri cuori e traspaia nelle nostre azioni"
    Prima della recita del Regina Caeli, che nel tempo pasquale sostituisce la preghiera dell'Angelus, Francesco invita i fedeli "a riprendere il Vangelo, leggere i capitoli della Risurrezione" e soffermarsi sulla figura di Maria "Madre di tutti i discepoli, Madre della Chiesa e Madre di speranza". Il Lunedì dell'Angelo "prolunga la gioia della Risurrezione di Cristo".

    31/05/2009 VATICANO
    Papa: Senza lo Spirito, la Chiesa sarebbe solo un’agenzia umanitaria
    Davanti a oltre 30 mila persone Benedetto XVI sottolinea la “giovinezza” della Chiesa che lo Spirito santo spinge alla testimonianza del Verbo incarnato e alla carità. Un ricordo ai perseguitati a causa di Gesù e ai giovani dell’Abruzzo.

    07/10/2010 VATICANO
    Papa: la stampa cattolica aiuti a trovare la verità, in un mondo sempre più virtuale
    I progressi della comunicazione con la preponderanza presa dal mondo dell’immagine rischiano di non far capire più ciò che è vero e ciò che è falso. L’idea di vivere ‘come se Dio non esistesse’ si è dimostrata deleteria: il mondo ha bisogno piuttosto di vivere ‘come se Dio esistesse’, anche se non c’è la forza di credere, altrimenti esso produce solo un ‘umanesimo disumano’”.

    07/05/2017 12:10:00 VATICANO
    Papa: Cristo, Buon Pastore, è diventato la porta della salvezza dell’umanità, perché ha offerto la vita per le sue pecore

    Prima del Regina Caeli, papa Francesco spiega i simboli presenti nel vangelo di oggi. Gesù “è un capo la cui autorità si esprime nel servizio… Di un capo così ci si può fidare”. Egli una “presenza amica, forte e dolce insieme, che indirizza, protegge, consola e medica”. Troppo spesso mettiamo in ombra questa “dimensione spirituale e affettiva”. Cristo sostenga “quanti sono da Lui chiamati, affinché siano pronti e generosi nel seguire la sua voce”. Sette martiri della guerra civile spagnola beatificati ieri. Nel mese di maggio, pregare il rosario “per la pace, come ha chiesto la Vergine a Fatima”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®