30 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/04/2006
vaticano
Papa: affida a Maria il mondo "segnato da non poche ombre"

Benedetto XVI, prima del Regina Caeli, riafferma la verità storica della Risurrezione, contro coloro che vogliono negarla "come in vario modo si è tentato di fare e si continua a fare". Benedetto XVI ha anche ricordato l'odierna beatificazione, a Ramapuram, nel Kerala, in India, di padre Augustine Kunjachan Thevarparampil, l'apostolo dei dalit.



Città del Vaticano (AsiaNews) – Al'inizio del mese di maggio, dedicato a Maria, Benedetto XVI ha voluto affidarle "le necessità della Chiesa e del mondo intero, specialmente in questo momento segnato da non poche ombre". Nelle parole rivolte ad oltre 30mila persone presenti in Piazza San Pietro per la recita del Regina Caeli, che, ha ricordato, fino a Pentecoste si recita al posto dell'Angelus, il Papa ha anche ribadito la "verità" della Risurrezione, contro color che in passato, ma anche ora, la negano. "La risurrezione di Cristo – ha detto, in quello che alcuni anno voluto vedere come un indiretto riferimento anche al 'Codice da Vinci' - è il dato centrale del cristianesimo, verità fondamentale da riaffermare con vigore in ogni tempo, poiché negarla come in vario modo si è tentato di fare e si continua a fare o trasformarla in un avvenimento puramente spirituale, è vanificare la stessa nostra fede. "Se Cristo non è risuscitato - afferma san Paolo -, allora è vana la nostra predicazione ed è vana anche la nostra fede" (1 Cor15,14)".

"Nei giorni che seguirono la risurrezione del Signore – ha proseguito - gli Apostoli restarono raccolti tra loro, confortati dalla presenza di Maria, e dopo l'Ascensione perseverarono insieme a Lei in orante attesa della Pentecoste. La Madonna fu per loro madre e maestra, ruolo che continua a svolgere verso i cristiani di tutti i tempi. Ogni anno, nel tempo pasquale, riviviamo più intensamente questa esperienza e forse proprio per questo la tradizione popolare ha consacrato a Maria il mese di maggio, che normalmente cade tra la Pasqua e la Pentecoste. Questo mese, che iniziamo domani, ci è pertanto utile a riscoprire la funzione materna che Lei svolge nella nostra vita, affinché siamo sempre discepoli docili e testimoni coraggiosi del Signore risorto. A Maria affidiamo le necessità della Chiesa e del mondo intero, specialmente in questo momento segnato da non poche ombre. Invocando l'intercessione anche di San Giuseppe, che domani ricorderemo in modo particolare col pensiero al mondo del lavoro, a Lei ci rivolgiamo con la preghiera del Regina Caeli , preghiera che ci fa assaporare la gioia confortatrice della presenza di Cristo risorto".

Benedetto XVI ha anche ricordato l'odierna beatificazione, a Ramapuram, nel Kerala, in India, di padre Augustine Kunjachan Thevarparampil, l'apostolo dei dalit. Nel saluto in inglese, dopo la recita della preghiera mariana, rifacendosi ad uno degli impegni caratteristici del nuovo beato ha chiesto di pregare per la riconciliazione delle famiglie.

Ai polacchi, infine, ha rivolto un saluto nel quale ha ricordato l'ormai suo prossimo viaggio nel loro Paese.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/04/2012 VATICANO
Papa: Nella mente e nel cuore la Risurrezione di Gesù, mistero decisivo della nostra fede
21/04/2014 VATICANO
Papa: La gioia pasquale "non è un maquillage! Si imprima nei nostri cuori e traspaia nelle nostre azioni"
31/05/2009 VATICANO
Papa: Senza lo Spirito, la Chiesa sarebbe solo un’agenzia umanitaria
07/10/2010 VATICANO
Papa: la stampa cattolica aiuti a trovare la verità, in un mondo sempre più virtuale
06/04/2008 VATICANO
Papa: Emmaus, Gesù risorto si fa compagno di viaggio per rafforzare la nostra fede in crisi

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate