09/02/2015, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: custodire il creato non da "verdi", ma da cristiano, che rispetta l'opera di Dio

Padre, Figlio e Spirito Santo "sono coinvolti in questa creazione, in questa ri-creazione, in questa perseveranza nella ri-creazione. E a tutti e tre noi rispondiamo: custodire e far crescere il Creato, lasciarci riconciliare con Gesù, con Dio in Gesù, in Cristo, ogni giorno, e non rattristare lo Spirito Santo, non cacciarlo via: è l'ospite del nostro cuore, quello che ci accompagna, ci fa crescere".

Città del Vaticano (AsiaNews) - Custodire il creato non dei "verdi", ma del cristiano, che rispetta l'opera di Dio, sia la prima creazione, quella dell'universo, sia la ri-creazione compiuta da Gesù che ci ha riconciliati con il Padre. L'ha detto papa Francesco durante la Messa di questa mattina a Casa a santa Marta, commentando il passo della Genesi, nella Prima Lettura, che narra la creazione dell'universo.

Dio ha creato l'universo ma la creazione non è finita., "Lui continuamente sostiene quello che ha creato". E nel Vangelo odierno vediamo "l'altra creazione di Dio", "quella di Gesù, che viene a ri-creare quello che era stato rovinato dal peccato". Vediamo Gesù tra la gente e "quanti lo toccavano venivano salvati": è "la ri-creazione". "Questa 'seconda creazione' è più meravigliosa della prima; questo secondo lavoro è più meraviglioso". Infine, c'è "un altro lavoro", quello della "perseveranza nella fede" che lo fa lo Spirito Santo, "Dio lavora, continua a lavorare, e noi possiamo domandarci come dobbiamo rispondere a questa creazione di Dio, che è nata dall'amore, perché Lui lavora per amore. Alla 'prima creazione' dobbiamo rispondere con la responsabilità che il Signore ci dà: 'La Terra è vostra, portatela avanti; soggiogatela; fatela crescere'. Anche per noi c'è la responsabilità di far crescere la Terra, di far crescere il Creato, di custodirlo e farlo crescere secondo le sue leggi. Noi siamo signori del Creato, non padroni".

Dobbiamo quindi avere "cura di non impadronirci del Creato, ma di farlo andare avanti, fedeli alle sue leggi". "Questa è la prima risposta al lavoro di Dio: lavorare per custodire il Creato". "Quando noi sentiamo che la gente fa riunioni per pensare a come custodire il Creato, possiamo dire: 'Ma no, sono i verdi!' No, non sono i verdi! Questo è cristiano! E' la nostra risposta alla 'prima creazione' di Dio. E' la nostra responsabilità. Un cristiano che non custodisce il Creato, che non lo fa crescere, è un cristiano cui non importa il lavoro di Dio, quel lavoro nato dall'amore di Dio per noi. E questa è la prima risposta alla prima creazione: custodire il Creato, farlo crescere".

Francesco si è poi chiesto come rispondiamo "alla seconda creazione". San Paolo, ha rammentato, ci dice di lasciarci "riconciliare con Dio", "andare sulla strada della riconciliazione interiore, della riconciliazione comunitaria, perché la riconciliazione è opera di Cristo". E ancora non dobbiamo rattristare lo Spirito Santo che è in noi, che è dentro di noi e lavora dentro di noi.

Noi, ha detto ancora, "crediamo in un Dio personale": "è persona Padre, persona Figlio e persona Spirito Santo". "E tutti e tre sono coinvolti in questa creazione, in questa ri-creazione, in questa perseveranza nella ri-creazione. E a tutti e tre noi rispondiamo: custodire e far crescere il Creato, lasciarci riconciliare con Gesù, con Dio in Gesù, in Cristo, ogni giorno, e non rattristare lo Spirito Santo, non cacciarlo via: è l'ospite del nostro cuore, quello che ci accompagna, ci fa crescere". "Che il Signore - ha concluso - ci dia la grazia di capire che Lui" è all'opera "e ci dia la grazia di rispondere giustamente a questo lavoro di amore".

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: il cristiano è “schiavo” dell’amore, non del dovere, della “rigidità dei Comandamenti chiusi”
06/02/2017 11:06
Papa: Dio ha donato all’uomo il Dna di figli, l’ha reso signore del creato e gli ha affiancato una donna
07/02/2017 11:45
Papa: Natale, la festa della fede è festa dell’uomo e del creato
01/01/2010
Singapore, l’arcidiocesi chiarisce il rapporto tra uomo e natura
07/10/2019 14:58
Enciclica: “Un uso irresponsabile e un abuso dei beni che Dio ha posto nella terra” (1)
18/06/2015