22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/11/2016, 17.03

    VATICANO-ITALIA

    Papa: i cimiteri luoghi di tristezza, ma anche di speranza che non delude



    Celebrando la messa al cimitero romano di Prima Porta, Francesco ha ricordato che “noi camminiamo sul cammino” che per primo ha fatto Gesù e che “ci ha aperto la porta per entrare dove contempleremo Dio”.

    Roma (AsiaNews) – I cimiteri sono luoghi di tristezza, perché ricorda coloro che ci hanno lasciato e fa presente la morte che attende tutti, ma è anche un luogo di speranza: “noi camminiamo sul cammino” che per primo ha fatto Gesù e che “ci ha aperto la porta per entrare dove contempleremo Dio”.

    L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa celebrata al cimitero romano di Prima Porta nel giorno dedicato alla commemorazione dei defunti. Francesco, che ha parlato a braccio, ha preso spunto dalla prima lettura, tratta dal libro di Giobbe che “era nel buio. Era proprio alla porta della morte. In quel momento di angoscia, di dolore e di sofferenza, Giobbe proclama la speranza: ‘Io so che il mio Redentore è vivo e che ultimo sorgerà sulla polvere. E io lo vedrò: io stesso, i miei occhi lo contempleranno, e non un altro’. La commemorazione dei defunti ha questo doppio senso: un senso di tristezza. Un cimitero è triste, ci ricorda i nostri che se ne sono andati, ci ricorda anche il futuro, la morte. Ma in questa tristezza, noi portiamo dei fiori come un segno di speranza; anche, posso dire, di festa, ma più avanti, non adesso. E la tristezza si mischia con la speranza e questo è quello che tutti noi sentiamo oggi, in questa celebrazione. La memoria dei nostri, davanti alle loro spoglie, e la speranza. Ma anche, sentiamo che questa speranza ci aiuta, perché anche noi dobbiamo fare questo cammino. Tutti noi faremo questo cammino. Prima o poi, ma tutti. Con il dolore, con più o meno dolore, ma tutti. Ma, con il fiore della speranza, con quel filo forte che è ancorato all’aldilà: ecco che quest’àncora non delude; la speranza della resurrezione”.

    “Chi ha fatto per primo questo cammino – ha detto ancora - è Gesù. Noi camminiamo sul cammino che Lui ha fatto. E chi ci ha aperto la porta è Lui stesso, è Gesù: con la sua Croce ci ha aperto la porta della speranza, ci ha aperto la porta per entrare dove contempleremo Dio. ‘Io so che il mio Redentore è vivo, e che ultimo si ergerà sulla polvere. Iolo vedrò; io stesso. I miei occhi lo contempleranno, e non un altro’. Torniamo a casa oggi con questa doppia memoria: la memoria del passato, dei nostri che se ne sono andati; e la memoria del futuro, del cammino che noi andremo. Con la certezza, ma la sicurezza, quella certezza uscita dalle labbra di Gesù: Io lo risusciterò nell’ultimo giorno”.

    Al rientro in Vaticano, Francesco si recherà nelle Grotte della Basilica Vaticana per un momento di preghiera in privato, in suffragio dei Sommi Pontefici ivi sepolti e di tutti i defunti.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/11/2013 VATICANO
    Papa: In quest'ora pensiamo al nostro tramonto, col cuore ancorato alla speranza di Gesù, che non delude
    Distaccandosi dal testo preparato, alla messa nel cimitero del Verano, papa Francesco offre una meditazione sulla morte, ma soprattutto sulla speranza "ancorata" a Gesù Cristo. Il ricordo dei rifugiati che muoiono nel deserto e in mare.

    01/11/2005 vaticano
    Papa: L'Eucaristia unisce santi e pellegrini, vivi e defunti

    Domani Benedetto XVI visiterà le tombe dei papi nelle grotte vaticane, sostando in particolare alla tomba di Giovanni Paolo II.



    01/11/2017 12:36:00 VATICANO
    Il dolore del papa per gli attacchi terroristi in Somalia, Afghanistan e New York

    All’Angelus papa Francesco chiede preghiere perché “il Signore converta i cuori dei terroristi e liberi il mondo dall’odio e dalla follia omicida che abusa del nome di Dio per disseminare morte”. La solennità di Tutti i Santi, "è la nostra festa". “Chi sta con Gesù è beato, è felice. La felicità non sta nell’avere qualcosa o nel diventare qualcuno, no, la felicità vera è stare col Signore e vivere per amore”. Domani la visita e la preghiera al Cimitero degli americani a Nettuno e alle Fosse Ardeatine. "le guerre non producono altro che cimiteri e morte".



    03/11/2017 12:23:00 VATICANO
    Papa: anche di fronte alla morte il cristiano resta “uomo di speranza”

    Celebrando messa in suffragio dei cardinali e dei vescovi defunti nel corso dell’anno, Francesco ricorda che “il risveglio dalla morte non è di per sé un ritorno alla vita”: “molti” si sveglieranno “per la vita eterna, altri per la vergogna eterna. La morte rende definitivo il ‘bivio’ che già qui, in questo mondo ci sta dinanzi: la via della vita, cioè quella che conduce alla comunione con Dio, o la via della morte, cioè che conduce lontano da Lui.



    02/11/2017 16:55:00 VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'

    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®