19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/05/2017, 11.45

    VATICANO

    Papa: la vera dottrina unisce, ma quando diventa ideologia divide



    “Sempre c’è stata quella gente che senza alcun incarico va a turbare la comunità cristiana con discorsi che sconvolgono le anime: 'Eh, no. Questo che ha detto quello è eretico, quello non si può dire, quello no, la dottrina della Chiesa è questa…”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La sana dottrina, quella dei papi, dei vescovi e dei concili, unisce, mentre quella che diventa ideologia divide. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, commentando il passo degli Atti degli apostoli sul cosiddetto Concilio di Gerusalemme che, intorno al 49, decise che i pagani convertiti non dovevano  circoncidersi, secondo quanto richiedeva la Legge mosaica.

    Anche nella prima comunità cristiana, ha osservato il Papa, “c’erano gelosie, lotte di potere, qualche furbetto che voleva guadagnare e comprare il potere”. Dunque, “sempre ci sono stati problemi”: “siamo umani, siamo peccatori” e le difficoltà ci sono, anche nella Chiesa, ma l’essere peccatori ci porta all’umiltà e ad avvicinarsi al Signore, “come salvatore dei nostri peccati”. A proposito dei pagani che “lo Spirito Santo chiama a diventare cristiani”, il Papa ha sottolineato che, nel brano, gli apostoli e gli anziani scelgono alcuni di loro per andare ad Antiochia insieme a Paolo e Barnaba. Due sono i gruppi di persone descritti, chi faceva “discussioni forti” ma con “buono spirito” e “chi faceva confusione”. “Il gruppo degli apostoli che vogliono discutere il problema e gli altri che vanno e creano problemi, dividono, dividono la Chiesa, dicono che quello che predicano gli apostoli non è quello che Gesù ha detto, che non è la verità”.

    Gli apostoli discutono tra loro e alla fine si mettono d’accordo. “Ma non è un accordo politico, è l’ispirazione dello Spirito Santo che li porta a dire: niente cose, niente esigenze. Soltanto, questi che dicono: non mangiare carne in quel tempo, la carne sacrificata agli idoli perché era fare comunione con gli idoli, astenersi dal sangue, dagli animali soffocati e dalle unioni illegittime”.

    E’, ha evidenziato Francesco, la “libertà dello Spirito” che mette “d’accordo”: così  i pagani possono entrare nella Chiesa “senza passare per la circoncisione”. Si è trattato in fondo di un “primo Concilio” della Chiesa – “lo Spirito Santo e loro, il Papa con i vescovi, tutti insieme” - riunito “per chiarire la dottrina” e seguito, nei secoli, ad esempio da quello di Efeso o dal Vaticano II, perché “è un dovere della Chiesa chiarire la dottrina” affinché “si capisca bene quello che Gesù ha detto nei Vangeli, qual è lo Spirito dei Vangeli”.

    “Ma sempre c’è stata quella gente che senza alcun incarico va a turbare la comunità cristiana con discorsi che sconvolgono le anime: 'Eh, no. Questo che ha detto quello è eretico, quello non si può dire, quello no, la dottrina della Chiesa è questa…”. E sono fanatici di cose che non sono chiare, come questi fanatici che andavano lì seminando zizzania per dividere la comunità cristiana. E questo è il problema: quando la dottrina della Chiesa, quella che viene dal Vangelo, quella che ispira lo Spirito Santo - perché Gesù ha detto: 'Lui ci insegnerà e vi farà ricordare quello che io ho insegnato' -, quella dottrina diventa ideologia. E questo è il grande sbaglio di questa gente”. Questi individui “non erano credenti, erano ideologizzati”, avevano un’ideologia “che chiudeva il cuore all’opera dello Spirito Santo”. Invece, gli apostoli sicuramente hanno discusso forte, ma non erano ideologizzati: “avevano il cuore aperto a quello che lo Spirito diceva. E dopo la discussione è parso allo Spirito e a noi”.

    Francesco ha concluso esortando a non spaventarci di fronte alle “opinioni degli ideologi della dottrina”. La Chiesa ha “il suo proprio magistero, il magistero del papa, dei vescovi, dei concili”, e dobbiamo andare su quella strada “che viene dalla predicazione di Gesù e dall’insegnamento e l’assistenza dello Spirito Santo”, che è “sempre aperta, sempre libera”, perché la dottrina unisce, i concili uniscono la comunità cristiana”, mentre “l’ideologia divide”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/10/2017 11:46:00 VATICANO
    Papa: è “stoltezza” e porta alla corruzione non ascoltare la Parola di Dio

    Tolti sono i dottori della Legge che si preoccupano solo dell’esterno delle cose, stolti coloro che seguono gli “idoli”, come il consumismo, stolti quei cristiani che sono divenuti “ideologi del cristianesimo”. “Lo stolto non ascolta, crede di ascoltare, ma non ascolta. Fa la sua, sempre. E per questo la Parola di Dio non può entrare nel cuore, e non c’è posto per l’amore”.



    01/06/2017 11:16:00 VATICANO
    Papa: le “dimensioni” del cristiano sono annunciare Gesù, resistere alla persecuzione, pregare

    La vita di san Paolo mostra i tre atteggiamenti che ogni cristiano dovrebbe condividere. L’Apostolo “ha dovuto lottare tanto”. La prima dimensione della sua vita “è l’annuncio, lo zelo apostolico: portare avanti Gesù Cristo”, “la seconda è: soffrire le persecuzioni, le lotte”. Infine, la terza è la preghiera. “Paolo  aveva questa intimità con il Signore”.



    29/05/2017 12:03:00 VATICANO
    Papa: impariamo ad ascoltare quello che lo Spirito Santo dice a noi, alla nostra comunità, alla Chiesa

    Una persona che non si lascia “inquietare” dello Spirito “è una persona che ha una fede fredda, una fede ideologica. La sua fede è un’ideologia, tutto qui”. “Chiedo che mi dia la grazia di distinguere il buono dal meno buono? Perché il buono dal male subito si distingue. Ma c’è quel male nascosto che è il meno buono, ma ha nascosto il male”.



    17/10/2013 VATICANO
    Papa: il cristiano che non prega perde la fede e cade nell'ideologia e nel moralismo
    Quando un cristiano non prega si ha l'atteggiamento della "chiave in tasca e porta chiusa". Quando una chiesa è chiusa "la gente che passa davanti non può entrare". E, ancora peggio, "il Signore che è dentro non può uscire".

    23/11/2017 11:39:00 VATICANO
    Papa: le donne difendono dalle colonizzazioni ideologiche che indottrinano i giovani

    Le dittature vecchie e nuove tolgono la libertà e anche la memoria per imporre un sistema educativo. Sono loro, le mamme e le donne, le custodi della memoria, del dialetto, "capaci di difendere la storia di un popolo" e di "trasmettere la fede" che poi "i teologi spiegheranno".





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®