07/01/2014, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: "mettere alla prova" i nostri pensieri e desideri per capire se una cosa viene da Cristo oppure dall'anticristo

"Il nostro cuore sempre ha desideri, ha voglie, ha pensieri". Ma "questi sono del Signore o alcuni di questi ci allontanano dal Signore?". "Il criterio è l'Incarnazione del Verbo. Il Verbo è venuto in carne: questo è Gesù Cristo! Gesù Cristo che si è fatto uomo, Dio fatto uomo, si è abbassato, si è umiliato per amore, per servire tutti noi".

Città del Vaticano (AsiaNews) - "Mettere alla prova" i nostri pensieri e desideri per capire se una cosa ci fa "rimanere nel Signore o ci allontana da Lui", se viene da Cristo oppure dall'anticristo, "perché molti falsi profeti sono venuti nel mondo. Profeti o profezie o proposte". E' il monito espresso da papa Francesco nella messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, la prima dopo le festività natalizie.

Il Papa ha svolto la sua omelia a partire dall'esortazione di Giovanni: "Rimanete nel Signore". Un "consiglio di vita", ha detto, che Giovanni ripete in modo "quasi ossessivo". L'Apostolo indica "uno degli atteggiamenti del cristiano che vuole rimanere nel Signore: conoscere cosa succede nel proprio cuore". Per questo avverte di non prestare fede a ogni spirito, ma di mettere "alla prova gli spiriti". E' necessario saper "discernere gli spiriti", discernere se una cosa ci fa "rimanere nel Signore o ci allontana da Lui". "Il nostro cuore sempre ha desideri, ha voglie, ha pensieri". Ma "questi sono del Signore o alcuni di questi ci allontanano dal Signore?" Ecco allora che l'Apostolo Giovanni ci esorta a "mettere alla prova" ciò che pensiamo e desideriamo.

"Se questo va nella linea del Signore, così andrai bene, ma se non va... Mettete alla prova gli spiriti per saggiare se provengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono venuti nel mondo. Profeti o profezie o proposte: 'Io ho voglia di far questo!'. Ma questo non ti porta al Signore, ti allontana da Lui. Per questo è necessaria la vigilanza. Il cristiano è un uomo o una donna che sa vigilare il suo cuore. E tante volte il nostro cuore, con tante cose che vanno e vengono, sembra un mercato rionale: di tutto, tu trovi di tutto lì... E no! Dobbiamo saggiare - questo è del Signore e questo non è - per rimanere nel Signore".

Qual è, dunque, il criterio per capire se una cosa viene da Cristo oppure dall'anticristo? San Giovanni, ha affermato il Papa, ha un'idea chiara, "semplice": "Ogni spirito che riconosce Gesù Cristo, venuto nella Carne, è di Dio. Ogni spirito che non riconosce Gesù non è di Dio: è lo spirito dell'anticristo". Ma cosa significa, dunque, "riconoscere che il Verbo è venuto in Carne?" Vuol dire  "riconoscere la strada di Gesù Cristo", riconoscere che Lui, "essendo Dio, si è abbassato, si è umiliato" fino alla "morte di croce":

"Quella è la strada di Gesù Cristo: l'abbassamento, l'umiltà, l'umiliazione pure. Se un pensiero, se un desiderio ti porta su quella strada di umiltà, di abbassamento, di servizio agli altri, è di Gesù. Ma se ti porta sulla strada della sufficienza, della vanità, dell'orgoglio, sulla strada di un pensiero astratto, non è di Gesù. Pensiamo alle tentazioni di Gesù nel deserto: tutte e tre le proposte che fa il demonio a Gesù sono proposte che volevano allontanarlo da questa strada, la strada del servizio, dell'umiltà, dell'umiliazione, della carità. Ma la carità fatta con la sua vita, no? Alle tre tentazioni Gesù dice di no: 'No, questa non è la mia strada!'".

Il Papa ha, quindi, invitato tutti a pensare proprio a cosa succede nel nostro cuore. A cosa pensiamo e sentiamo, a cosa vogliamo, a vagliare gli spiriti. "Io metto alla prova quello che penso, quello che voglio, quello che desidero o prendo tutto?". "Tante volte, il nostro cuore è una strada, passano tutti lì... Mettere alla prova. E scelgo sempre le cose che vengono da Dio? So quale sono quelle che vengono da Dio? Conosco il vero criterio per discernere i miei pensieri, i miei desideri? Pensiamo questo e non dimentichiamo che il criterio è l'Incarnazione del Verbo. Il Verbo è venuto in carne: questo è Gesù Cristo! Gesù Cristo che si è fatto uomo, Dio fatto uomo, si è abbassato, si è umiliato per amore, per servire tutti noi. E l'Apostolo Giovanni ci conceda questa grazia di conoscere cosa succede nel nostro cuore e avere la saggezza di discernere quello che viene da Dio e quello che non viene da Dio".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: vivere con speranza l’attesa per la “visita” che Dio fa ad ogni cristiano
25/09/2017 11:12
Papa: fingere di non accorgerci di chi viene escluso e scartato “è voltare la faccia a Dio”
13/11/2016 12:12
Papa: il Decalogo è la ‘radiografia’ di Gesù, che ci dà un cuore nuovo
28/11/2018 10:28
Papa: oggi, forse più che in passato, i cristiani, come i profeti, sono perseguitati
04/04/2014
Papa: la gente perdona ai sacerdoti tante cose, ma non l’attaccamento al denaro
18/11/2016 10:14