25/12/2008, 00.00
VATICANO

Papa: nella notte di Natale pensiamo ai bambini che soffrono e a Betlemme senza pace

L’invito a rivolgere l’attenzione ai piccoli ai quali è rifiutato l’amore dei genitori, a quelli “di strada”, a quelli costretti a fare il soldato o sfruttati dalla pornografia. “Cessino l’odio e la violenza” nella terra ove è nato Gesù.
Città del Vaticano (AsiaNews) – La pace in Terra Santa e i bambini che soffrono per la violenza, la mancanza di amore e lo sfruttamento degli adulti: nella notte nella quale Dio non ha solo “guardato in giù”, ma si è fatto bambino, “si è reso dipendente e debole, bisognoso del nostro amore”, Benedetto XVI ha dedicato a loro le sue riflessioni della messa della notte di Natale.
 
“Su ogni bambino – ha detto, durante la messa celebrata nella basilica di San Pietro - c’è il riverbero del bambino di Betlemme. Ogni bambino chiede il nostro amore. Pensiamo pertanto in questa notte in modo particolare anche a quei bambini ai quali è rifiutato l’amore dei genitori. Ai bambini di strada che non hanno il dono di un focolare domestico. Ai bambini che vengono brutalmente usati come soldati e resi strumenti della violenza, invece di poter essere portatori della riconciliazione e della pace. Ai bambini che mediante l’industria della pornografia e di tutte le altre forme abominevoli di abuso vengono feriti fin nel profondo della loro anima. Il Bambino di Betlemme è un nuovo appello rivolto a noi, di fare tutto il possibile affinché finisca la tribolazione di questi bambini; di fare tutto il possibile affinché la luce di Betlemme tocchi i cuori degli uomini. Soltanto attraverso la conversione dei cuori, soltanto attraverso un cambiamento nell’intimo dell’uomo può essere superata la causa di tutto questo male, può essere vinto il potere del maligno. Solo se cambiano gli uomini, cambia il mondo e, per cambiare, gli uomini hanno bisogno della luce proveniente da Dio, di quella luce che in modo così inaspettato è entrata nella nostra notte”.
 
“E parlando del Bambino di Betlemme – ha proseguito - pensiamo anche alla località che risponde al nome di Betlemme; pensiamo a quel Paese in cui Gesù ha vissuto e che Egli ha amato profondamente. E preghiamo affinché lì si crei la pace. Che cessino l’odio e la violenza. Che si desti la comprensione reciproca, si realizzi un’apertura dei cuori che apra le frontiere. Che scenda la pace di cui hanno cantato gli angeli in quella notte”.
 
Questa, aveva detto poco prima, è la notte nella quale Dio “si china – viene, proprio Lui, come bimbo giù fin nella miseria della stalla, simbolo di ogni necessità e stato di abbandono degli uomini. Dio scende realmente. Diventa un bambino e si mette nella condizione di dipendenza totale che è propria di un essere umano appena nato. Il Creatore che tutto tiene nelle sue mani, dal quale noi tutti dipendiamo, si fa piccolo e bisognoso dell’amore umano. Dio è nella stalla”.
 
Intorno, i pastori che, come racconta Luca, “vegliavano”. “Possiamo così sentirci richiamati a un motivo centrale del messaggio di Gesù, in cui ripetutamente e con crescente urgenza fino all’Orto degli ulivi torna l’invito alla vigilanza – a restare svegli per accorgersi della venuta del Signore ed esservi preparati. Pertanto anche qui la parola significa forse più del semplice essere esternamente svegli durante l’ora notturna. Erano persone veramente vigilanti, nelle quali il senso di Dio e della sua vicinanza era vivo. Persone che erano in attesa di Dio e non si rassegnavano all’apparente lontananza di Lui nella vita di ogni giorno. Ad un cuore vigilante può essere rivolto il messaggio della grande gioia: in questa notte è nato per voi il Salvatore. Solo il cuore vigilante è capace di credere al messaggio. Solo il cuore vigilante può infondere il coraggio di incamminarsi per trovare Dio nelle condizioni di un bambino nella stalla. Preghiamo il Signore affinché aiuti anche noi a diventare persone vigilanti”.
 
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Betlemme, Teofilo III celebra il Natale ortodosso. Proteste dei palestinesi cristiani
08/01/2018 12:36
Migliaia di pellegrini a Betlemme per Natale. Ma resta difficile la vita dei cristiani
17/12/2008
Mons. Twal: La riconciliazione in Terra Santa un’utopia, ma vi sono segni di speranza
22/12/2009
Record di pellegrini a Betlemme per Natale. In migliaia assistono alla Messa sulla piazza
27/12/2010
Natale a Betlemme : bandita la croce dai souvenir
22/12/2010