24 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2013
VATICANO
Papa: non dobbiamo avere paura di rinnovare le "strutture antiche, caduche" della Chiesa
Durante la messa celebrata a Casa santa Marta, Francesco sottolinea il "rinnovamento" portato da Gesù. "E la Chiesa sempre è stata attenta a quello, col dialogo con le culture... Sempre si lascia rinnovare secondo i luoghi, i tempi e le persone. Questo lavoro sempre lo ha fatto la Chiesa! Dal primo momento".

Città del Vaticano (AsiaNews) - Non dobbiamo avere paura di rinnovare le "strutture antiche, caduche" della Chiesa, seguendo lo Spirito Santo, come già è stato in passato. Papa Francesco ha toccato oggi, durante la messa celebrata a Casa santa Marta, uno dei temi sui quali il suo pontificato è più atteso, la riorganizzazione delle "strutture".

Francesco, riferisce la Radio Vaticana, ha preso spunto dalla frase di Gesù "vino nuovo in orti nuovi", evidenziandone il senso di rinnovamento che Cristo porta. "La dottrina della legge - ha detto - viene con Gesù arricchita, rinnovata" e "Gesù fa nuove tutte le cose". Il suo è "un vero rinnovamento della legge, la stessa legge ma più matura, rinnovata". "Le esigenze di Gesù erano più forti", più "grandi di quelle della legge". La legge permette di odiare il nemico, Gesù invece dice di pregare per lui. Questo, dunque, è "il Regno di Dio che Gesù predica". Un rinnovamento che "è prima di tutto nel nostro cuore". Noi "pensiamo che essere cristiani significa" fare questo o quest'altro. Ma non è così. "Essere cristiano significa lasciarsi rinnovare da Gesù in questa nuova vita. Io sono un buon cristiano, tutte le domeniche, dalle 11 a mezzogiorno vado a Messa e faccio questo, faccio questo... Come se fosse una collezione. Ma la vita cristiana non è un collage di cose. E' una totalità armonica, armoniosa, e la fa lo Spirito Santo! Rinnova tutto: rinnova il nostro cuore, la nostra vita e ci fa vivere in uno stile diverso, ma in uno stile che prende la totalità della vita. Non si può essere cristiano a pezzi, part-time. Il cristiano part-time non va! Tutto, la totalità, a tempo pieno. Questo rinnovamento lo fa lo Spirito. Essere cristiano alla fine non significa fare cose, ma lasciarsi rinnovare dallo Spirito Santo o, per usare le parole di Gesù, diventare vino nuovo".

La novità del Vangelo è "una novità, ma nella stessa legge che viene nella storia della Salvezza". E questa novità, ha detto, "va oltre noi" ci rinnova e "e rinnova le strutture". Per questo Gesù dice che per il vino nuovo sono necessari otri nuovi.

"Nella vita cristiana, anche nella vita della Chiesa, ci sono strutture antiche, strutture caduche: è necessario rinnovarle! E la Chiesa sempre è stata attenta a quello, col dialogo con le culture... Sempre si lascia rinnovare secondo i luoghi, i tempi e le persone. Questo lavoro sempre lo ha fatto la Chiesa! Dal primo momento, ricordiamo la prima lotta teologica: per diventare cristiano è necessario fare tutta la pratica giudaica o no? No! Hanno detto di no! I gentili possono entrare come sono: gentili... Entrare in Chiesa e ricevere il Battesimo. Un primo rinnovamento della struttura... E così la Chiesa sempre è andata avanti, lasciando allo Spirito Santo che rinnovi queste strutture, strutture di chiese. Non avere paura di quello! Non avere paura della novità del Vangelo! Non avere paura della novità che lo Spirito Santo fa in noi! Non avere paura del rinnovamento delle strutture!".

"La Chiesa è libera: la porta avanti lo Spirito Santo". Il Vangelo ci insegna questo: "la libertà per trovare sempre la novità del Vangelo in noi, nella nostra vita e anche nelle strutture". Il Papa ha quindi ribadito l'importanza della "libertà per scegliere otri nuovi per questa novità". Ed ha soggiunto che il cristiano è un uomo libero "con quella libertà" che ci dà Gesù, "non è schiavo di abitudini, di strutture...lo porta avanti lo Spirito Santo".

Il Papa ha quindi rammentato che il giorno di Pentecoste, assieme ai discepoli c'era la Madonna. "E dov'è la madre, i bambini sono sicuri! Tutti! Chiediamo la grazia di non aver paura della novità del Vangelo, di non aver paura del rinnovamento che fa lo Spirito Santo, di non aver paura di lasciar cadere le strutture caduche, che ci imprigionano. Se abbiamo paura, sappiamo che è con noi la Madre e come i bambini con un po' di paura, andiamo da Lei e Lei - come dice la più antica antifona - 'ci custodisce col suo manto, con la sua protezione di madre'. Così sia".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/09/2010 VATICANO
Papa: il rinnovamento della Chiesa viene dallo spirito di penitenza e dalla conversione
25/09/2011 VATICANO – GERMANIA
Papa: il rinnovamento della Chiesa passa per il rinnovamento della fede
05/09/2014 VATICANO
Papa: La Chiesa chiede, a tutti noi, "alcuni cambiamenti. Ci chiede di lasciare da parte le strutture caduche: non servono"
01/06/2014 VATICANO
Papa al Rinnovamento carismatico: Non siate "controllatori", ma dispensatori della grazia di Dio
30/09/2013 VATICANO
Papa, un "Consiglio di cardinali" per aiutare nel governo della Chiesa e riformare la Curia

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate