12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/06/2014, 00.00

    VATICANO

    Papa: sofferenze nel passato del popolo armeno e nel presente dei cristiani del Medio Oriente



    L'incontro di Francesco con Aram I, Catholicos della Chiesa armena apostolica di Cilicia. Nel "cammino verso la piena comunione, condividiamo le stesse speranze e lo stesso impegno responsabile". Fiducia e speranza: ne hanno bisogno i cristiani che "vivono in zone martoriate dal conflitto e dalla violenza", ma anche noi che "spesso rischiamo di perderci nei deserti dell'indifferenza e della dimenticanza di Dio".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Il cammino verso l'unità dei cristiani e le sofferenze dei seguaci di Gesù nel passato del popolo armeno e nel presente di molte parti del Medio Oriente sono stati evocati da papa Francesco nell'incontro con Aram I, Catholicos della Chiesa armena apostolica di Cilicia, svoltosi questa mattina in Vaticano, al quale è seguito un momento di preghiera comune.

    Nel discorso al capo di una delle più antiche Chiese cristiane, che conta circa 10 milioni di fedeli e la cui sede a seguito del genocidio armeno si trova a Antilyas, in Libano, papa Francesco ha ricordato i "ruoli di primo piano" avuti da Aram I nel Consiglio ecumenico delle Chiese (è stato presidente del Comitato centrale Cec, n.d.r.) e "l'efficace sostegno" che egli continua a dare al Consiglio delle Chiese del Medio Oriente, "che svolge un ruolo prezioso nell'appoggiare le comunità cristiane della regione, così provate da numerose difficoltà" e nella Commissione mista di dialogo tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali. "Mi sento di dire - ha aggiunto - che, in questo cammino verso la piena comunione, condividiamo le stesse speranze e lo stesso impegno responsabile, consapevoli di camminare così nella volontà del Signore Gesù Cristo". "In questi giorni che precedono la solennità di Pentecoste, mentre ci apprestiamo a rivivere nel mistero il miracolo della discesa dello Spirito Santo sulla Chiesa nascente, invochiamo con fede lo Spirito, Signore e Datore di Vita, affinché rinnovi la faccia della terra, sia forza per risanare le ferite del mondo e riconciliare i cuori di ogni uomo con il Creatore. Sia Lui, il Paraclito, ad ispirare il nostro cammino verso l'unità, sia Lui ad insegnarci come alimentare i legami di fraternità che già ci uniscono nell'unico battesimo e nell'unica fede".

    Lei, ha detto ancora il Papa, "rappresenta una parte del mondo cristiano profondamente segnata da una storia di prove e di sofferenze, accettate coraggiosamente per amore di Dio. La Chiesa Apostolica Armena si è trovata costretta a diventare un popolo pellegrino, sperimentando così in modo del tutto singolare il proprio essere in cammino verso il Regno di Dio. La storia di emigrazione, persecuzione e martirio di così numerosi fedeli ha lasciato ferite profonde nei cuori di tutti gli Armeni. Le dobbiamo vedere e venerare come ferite del corpo stesso di Cristo: proprio per questo esse sono anche causa di incrollabile speranza e di fiducia nella misericordia provvidente del Padre".

    "Fiducia e speranza: ne abbiamo tanto bisogno. Ne hanno bisogno i fratelli cristiani del Medio Oriente, in particolare coloro che vivono in zone martoriate dal conflitto e dalla violenza. Ne abbiamo bisogno anche noi, cristiani che non dobbiamo affrontare tali difficoltà, ma che spesso rischiamo di perderci nei deserti dell'indifferenza e della dimenticanza di Dio, o di vivere nel conflitto tra fratelli, o di soccombere nelle nostre battaglie interiori contro il peccato. Come seguaci di Gesù dobbiamo imparare a portare con umiltà gli uni i pesi degli altri, aiutandoci così a vicenda ad essere più cristiani, più discepoli di Gesù. Camminiamo quindi insieme nella carità, come Cristo ci ha amato e ha dato se stesso per noi, offrendosi a Dio in sacrificio di soave odore (cfr Ef 5,1-2)".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/12/2014 VATICANO
    Papa: "Grida verso Dio" la sofferenza dei cristiani e degli altri gruppi religiosi perseguitati in Medio Oriente
    Lettera di Francesco ai cristiani del Medio Oriente in occasione del Natale. L'esigenza di "una presa di posizione chiara e coraggiosa da parte di tutti i responsabili religiosi", che condannino "in modo unanime e senza alcuna ambiguità" la violenza. La comunità internazionale agisca "in primo luogo mediante il negoziato e il lavoro diplomatico". L'"ecumenismo del sangue" con gli altri cristiani e specialmente con gli ortodossi.

    24/11/2008 VATICANO
    Papa: addolorato e preoccupato per la situazione del Libano e dell’intero Medio Oriente
    Benedetto XVI incontrando Aram I, Catholicos di Cilicia degli Armeni, parla anche delle persecuzioni contro i cristiani che avvengono in Medio Oriente e “altrove”. I progressi del cammino ecumenico e la speranza che la Commissione mista prosegua fruttuosamente i suoi lavori.

    28/01/2015 LIBANO-MEDIO ORIENTE
    Patriarchi dell'Oriente: Per la pace occorre fermare il terrorismo, aiutare i profughi, risolvere il problema israelo-palestinese
    Un incontro ecumenico a Bkerke per affrontare le difficoltà in cui versano le comunità cristiane. Presenti i rappresentanti di diverse confessioni cattoliche, ortodosse, armene, protestanti. Appello alla comunità araba e a quella internazionale perché non finanzino e armino i terroristi. Incrementare gli aiuti ai profughi e affrettare il ritorno alle loro case. Urgente l'elezione di un presidente per il Libano.

    19/06/2015 VATICANO
    Papa: la persecuzione dei cristiani in Medio Oriente rafforza i legami tra la Chiesa Cattolica e la Chiesa Siro-Ortodossa
    “Il sangue dei martiri”, “seme di unità della Chiesa” è stato al centro dell’incontro di questa mattina in Vaticano tra Francesco e Mor Ignatius Aphrem II, patriarca Siro-Ortodosso di Antiochia e di tutto l’Oriente. “Quanto dolore! Quante vittime innocenti! Di fronte a tutto questo, sembra che i potenti di questo mondo siano incapaci di trovare soluzioni”.

    02/10/2014 VATICANO
    Papa: niente giustifica le sofferenze imposte ai cristiani del Medio Oriente
    Incontrando Mar Dinkha IV, patriarca della Chiesa assira d'Oriente, Francesco condanna la "persecuzione quotidiana" di cristiani o appartenenti ad altre minoranze religiose. La visita del Patriarca "è un ulteriore passo sul cammino di una crescente vicinanza e comunione spirituale tra di noi, dopo le amare incomprensioni dei secoli passati".



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®