22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/03/2008, 00.00

    PALESTINA - ISRAELE

    Parroco di Gaza: “Ci vogliono uccidere tutti lentamente”

    Joshua Lapide

    P. Manawel Musallam conferma la disumana situazione dei palestinesi nella Striscia sotto il blocco israeliano, denunciata dal rapporto di otto Ong inglesi: la peggiore crisi umanitaria dal 1967. Il sacerdote racconta di morte e traumi tra i bambini e alla comunità internazionale lancia un appello disperato.
    Gaza (AsiaNews) – “Hanno deciso di ucciderci e lo stanno facendo lentamente, in modo indiretto, senza armi, ma togliendoci il cibo, le cure mediche; se le potenze internazionali non riescono a fermare le violenze di Israele su Gaza, chiediamo che almeno ci garantiscano una sepoltura da esseri umani”. E' la disperazione dei palestinesi nella Striscia di Gaza, da mesi sotto il blocco israeliano. Ad AsiaNews ne parla il parroco della Santa Famiglia a Gaza, p. Manawel Musallam. Il sacerdote cattolico conferma la drammatica situazione nella zona ritratta nel rapporto di otto Ong con sede in Gran Bretagna diffuso ieri. Il documento denuncia che il blocco della Striscia di Gaza ha generato la peggiore crisi umanitaria dall'inizio dell'occupazione israeliana nel 1967.
     
    “Non abbiamo cibo, mancano dottori e medicinali gli ospedali sono pieni di morti e le persone vengono curate per strada in condizioni disumane – riferisce il parroco – numerosissimi sono i mutilati, i bambini sono un terzo delle vittime degli ultimi attacchi israeliani (27 febbraio – 4 marzo); incalcolabili anche i traumi psicologici sui giovani: ci sono piccoli alunni a scuola che non riescono neppure più a studiare”.
     
    La scarsità di cibo, servizi sanitari in rovina e un sistema idrico e fognario vicino al collasso sono tutti parte della miseria che ogni giorno 1,5 milioni di palestinesi devono affrontare nella Striscia.
    Lo scorso giugno, quando Hamas ha preso il controllo della zona, Israele ha imposto restrizioni sulla circolazione di merci e persone congelando, di fatto, l'attività economica della Striscia. Ha inasprito il blocco a gennaio, limitando i rifornimenti di carburante e altre merci come risposta al lancio di razzi nel suo territorio da parte dei miliziani. I gruppi umanitari e gli esperti legali ritengono il blocco una violazione alla legge internazionale, in quanto costituisce una “punizione collettiva” per un intero popolo.
     
    Il rapporto delle otto Ong - tra cui Amnesty International, Save The Children, Cafod, Care International e Christia Aid - parla di un territorio ostaggio dell'embargo, che ha peggiorato la povertà e la disoccupazione, reso inefficiente il sistema educativo e dipendenti dagli aiuti circa  l'80% della popolazione. La disoccupazione è al 40%. Gli ospedali ogni giorno affrontano black out che durano dalle 8 alle 12 ore per le restrizioni israeliane alla fornitura di carburante ed elettricità. L'anno scorso circa il 18% dei pazienti che necessitano trattamenti di emergenza fuori dalla Striscia si sono visti rifiutare il permesso di partire.
     
    Le Ong esortano  l'Unione europea a dialogare con il movimento integralista Hamas e chiedono la revoca del blocco.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/02/2017 13:01:00 ISRAELE - PALESTINA
    Parroco di Gaza: un popolo dimenticato spera nella guerra per ricevere aiuti

    P. Mario da Silva, sacerdote di origini brasiliane, è responsabile della parrocchia latina della Sacra Famiglia, l’unica della Striscia. I giovani non hanno lavoro, gli anziani non ricevono la pensione, il desiderio comune è di fuggire. Le iniziative della Chiesa per rispondere ai bisogni. Il pericolo di infiltrazioni jihadiste. I cristiani di Gaza sono “eroi della fede”. 

     



    23/01/2008 ISRAELE – PALESTINA
    Tensione a Rafah, migliaia di palestinesi varcano il confine egiziano
    Stamattina uomini armati hanno fatto saltare una sezione del muro che corre lungo la frontiera. La gente si è riversata in Egitto alla ricerca disperata di cibo e carburante; la polizia non interviene. Da giorni Hamas preme sul Cairo perché apra i valichi dopo l’embargo deciso da Israele.

    14/06/2011 PALESTINA - ISRAELE
    Gaza, disoccupazione al 46%: la più alta al mondo
    Embargo e corruzione rendono impossibile qualsiasi tentativo di sviluppo. La Chiesa cattolica fra le poche realtà ad offrire lavoro, oltre all’amministrazione pubblica.

    20/09/2010 ISRAELE - PALESTINA
    Dopo tre anni, Israele autorizza l’ingresso di veicoli privati nella striscia di Gaza
    I primi mezzi sono entrati questa mattina dal posto di blocco di Herez e porteranno aiuti umanitari nella striscia di Gaza. Questa è la prima volta dopo la vittoria degli estremisti di Hamas nel 2007 che Israele autorizza l’ingresso di convogli umanitari privati nella striscia.

    26/11/2015 ISRAELE – PALESTINA
    Caritas Gerusalemme: Gaza è un'enorme prigione, fondi per un regalo di Natale ai cristiani
    L’obiettivo è raggiungere i 50mila euro per fare un regalo alle 350 famiglie cristiane della Striscia. Il direttore generale racconta una situazione disperata. Ed è grande il desiderio di fuggire dalla povertà. Egli non chiede denaro o fondi, ma lancia un appello perché tutti i cristiani d’Occidente “vengano in pellegrinaggio” in Terra Santa, portando nel concreto “vicinanza e solidarietà”.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®