27 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/04/2016, 10.24

    IRAQ

    Pasqua fra i profughi di Mosul (fotogallery)



    Amadiya (AsiaNews) - Pubblichiamo di seguito una raccolta di fotografie della Settimana Santa e della Pasqua fra i profughi di Mosul e della piana di Ninive, fuggiti nell’estate 2014 in seguito all’avanzata dello Stato islamico e oggi ospiti nei centri di accoglienza del Kurdistan irakeno. Le foto sono state inviate da p. Samir Youssef, sacerdote irakeno di Amadiya, in prima fila nell’opera di accoglienza e aiuto dei rifugiati. P. Samir è anche fra i referenti della campagna “Adotta un cristiano di Mosul” lanciata dalla nostra agenzia per rispondere all’emergenza, che continua ancora oggi, per offrire un aiuto alle famiglie  dei profughi cristiani, yazidi e sciiti.

     

     

    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    La Pasqua fra i profughi di Mosul
    La Pasqua fra i profughi di Mosul


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2016 10:32:00 IRAQ
    Pasqua di solidarietà: dai profughi di Mosul alle famiglie più povere

    Don Paolo Thabit Mekko, responsabile del campo “Occhi di Erbil”, racconta la Settimana Santa. Parte della comunità ha organizzato una raccolta fondi e denaro da devolvere a famiglie cristiane e musulmane più povere. Il desiderio di rivivere tradizioni e canti dei villaggi di origine, pregando di poter tornare un giorno nelle loro case. La comunità mantiene viva la speranza.



    02/04/2015 SIRIA
    Vicario di Aleppo: Nonostante la guerra, chiese gremite per la Pasqua
    Mons. Georges Abou Khazen parla di chiese gremite e presenza “commovente” dei fedeli, nonostante i venti di guerra e il pericolo islamista. Testimonianze di affetto dalla comunità musulmana, partecipe della festa. Nunzio apostolico a Damasco: cattolici e ortodossi uniti dalle violenze, “l’ecumenismo” è la risposta alla guerra e al terrore.

    06/04/2017 10:42:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: La messa delle Palme a Karamles, nella chiesa devastata dall’Isis

    Don Paolo racconta con “entusiasmo” e “commozione” la prima celebrazione eucaristica “da tre anni” nella chiesa di Mar Addai. La cittadina della piana di Ninive è stata a lungo nelle mani dello Stato islamico, che ha devastato il luogo di culto. Previste decine di pullman e mezzi privati da Erbil per partecipare alla funzione. In programma la diretta Facebook dell’evento.

     



    12/04/2017 10:08:00 IRAQ
    Ninive, una casa per parrocchia: dall’Iraq l’appello per una Pasqua di “ricostruzione”

    Don Paolo Thabit racconta le celebrazioni delle Palme a Karamles. Anche a Qaraqosh centinaia di fedeli hanno partecipato alla messa. La speranza è di “organizzare altri momenti di preghiera” con l’obiettivo di “mantenere viva la comunità”. Il dolore per le vittime cristiane in Egitto. Un appello alle parrocchie nel mondo: sostenete la ricostruzione di una casa nella piana.

     



    09/01/2015 IRAQ
    Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
    Originario di Karamles, all'arrivo dello Stato islamico il giovane fuggito con la famiglia. Ora è ospite di un campo profughi, dove promuove attività per i bambini. In molti, anche fra amici e conoscenti, sono emigrati all'estero; ma "le nostre radici, la nostra vita, il nostro futuro sono in Iraq".



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®