22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/11/2015, 00.00

    EGITTO – SIRIA

    Patriarca Younan: L’Isis non si sconfigge con i raid, l’Occidente ha tradito i cristiani

    Rafic Greiche

    Il capo della Chiesa siro-cattolica, Mar Ignace Youssif III Younan, accusa i governi dell’Ovest di mantenere un “conflitto infinito in Siria” per una volontà egemonica. I terroristi che usano l’islam come pretesto per la violenza “sono già infiltrati in Europa, sostenuti dai soldi di Arabia Saudita e Paesi del Golfo sotto la supervisione dei governi occidentali”. Papa Francesco “vero difensore della giustizia, è pieno di dolore per quanto sta accadendo in Siria e Iraq”.

    Il Cairo (AsiaNews) – I terroristi del cosiddetto Stato islamico “sono già infiltrati nelle popolazioni europee. Per anni hanno ricevuto soldi, armi e indottrinamento religioso dall’Arabia Saudita e dai Paesi del Golfo, con la supervisione dell’Occidente. Dire che la soluzione è quella dei raid aerei [in Siria e in Iraq ndt] è una bugia”. Lo dice il patriarca della Chiesa siro-cattolica Mar Ignace Youssif III Younan a “Le Messager”, organo di stampa della Chiesa cattolica in Egitto.

    In una lunga intervista, il patriarca accusa i governi occidentali di voler “mantenere il conflitto infinito in Siria” e di aver “tradito i cristiani d’Oriente. Avevamo spiegato sin dall’inizio che la nostra situazione era diversa da quella delle altre nazioni della regione, non ci hanno ascoltato. E ora piangiamo cinque anni di morti”. Di seguito l’intervista completa, traduzione in italiano a cura di AsiaNews.

    Beatitudine, qual è la situazione dei siriani, e in modo particolare dei cristiani?

    Al momento la situazione in Iraq e Siria è drammatica, e tutto il popolo siriano vive nel dolore. Noi, come pastori, dobbiamo essere vicini al nostro popolo e aiutarli al massimo delle nostre possibilità. I siro-cattolici (così come le altre chiese tipo i caldei, gli assiri e i siro-ortodossi) hanno vissuto per secoli nella parte orientale della Siria, nei pressi del fiume Rafi Din. Ma non ci eravamo mai spostati nella parte occidentale o in Libano come in questi giorni. La nostra presenza andava anzi verso Iran, Afghanistan e India. Le colline afghane note come Tora Bora prendono il nome da un termine siriano che significa ‘le colline più scure’.

    Oggi siamo intrappolati in una situazione terribile: sciiti e sunniti, problemi settari ed etnici, gang criminali chiamate Isis e altri gruppi terroristici che usano l’islam come un pretesto per “purificare” in nome della religione le aree sotto il loro controllo, e studiosi musulmani che ci dicono che l’islam è estraneo a questi fatti.

    Noi cristiani non siamo in grado di vivere in questo caos che produce milizie, bande armate, gruppi terroristi e partiti islamici. Ma quando manteniamo una posizione ferma contro questi fenomeni, allora l’Occidente ci accusa di essere dittatoriali. Eppure nella storia non importa se vi è un califfo, un re, un emiro, un principe o un presidente della Repubblica; almeno fino a quando questi garantisce pace e sicurezza alle minoranze.

    Quando il caos è scoppiato, dopo l’invasione dell’Iraq nel 2003 fino a oggi, abbiamo capito l’orrore di questa situazione. Le democrazie occidentali che hanno cospirato contro la Siria hanno prodotto la distruzione dell’infrastruttura della nazione, la demolizione di case, città, villaggi, monumenti e siti archeologici. Questo è il risultato di una politica non saggia e di una cospirazione, con il pretesto di portare la democrazia nella regione.

    Le nostre nazioni non accettano con facilità la democrazia perché non esiste una reale separazione della religione dallo Stato. Le minoranze implorano per avere una rappresentanza davanti alla maggioranza musulmana, e si sentono come immigrati in terra straniera. Noi cristiani siamo in queste terre da migliaia di anni, molto prima dell’islam. I politici dell’Occidente – e in particolare quelli di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia – sono in favore di un conflitto senza fine in Siria e Iraq. Questo ha prodotto gruppi di terroristi e di ‘takfiriin’ [coloro che condannano gli altri per apostasia-ndr] e i media occidentali rimangono in silenzio, in modo complice e codardo. Non si tratta di difendere la verità e la giustizia: si inginocchiano davanti a chi paga e restano zitti.

    Tutti i patriarchi orientali, me compreso, hanno parlato con chiarezza all’Occidente sin dall’inizio: “State attenti, la situazione della Siria non è come quella egiziana, tunisina o libica. È molto più complessa, e un conflitto creerà soltanto caos e guerra civile”. Non hanno ascoltato e hanno risposto: “No, il regime degli Assad cadrà in pochi mesi”. Cosa che non è accaduta, come avevo predetto. E cinque anni dopo un popolo innocente, e in modo particolare i cristiani, non trova più nessuno per sostenerlo. L’Occidente ci ha traditi.

    Come legge la questione del flusso di migranti verso l’Europa?

    Più di due mesi fa, il mondo si commosse davanti alla fotografia del piccolo Aylan, morto sulle coste turche con la sorella e la madre. Ma i governi occidentali hanno un’altra agenda, in particolare la Turchia che ha cambiato la sua politica nei confronti dei migranti quando ha capito che le Nazioni Unite e l’Unione Europea non l’avrebbero aiutata in modo sufficiente. E quando la signora Merkel ha annunciato che la Germania avrebbe accettato 800mila migranti.

    In questo modo il flusso di migranti è aumentato, così come sono aumentati coloro che viaggiano con documenti falsi o in altri modi illegali per raggiungere la Germania o le altre nazioni europee. Non si tratta soltanto di siriani: sono aumentati anche coloro che provengono da altre nazioni.

    Oggi le varie parti del mondo sono divenute molto più vicine le une alle altre. Non si può pensare di sconfiggere Daesh [termine arabo per lo Stato islamico ndt] con i raid aerei: questa è una grande bugia. Perché i loro sostenitori sono infiltrati nella popolazione, dove sono finanziati e ottengono armi e indottrinamento religioso. Per anni questi gruppi terroristici sono stati foraggiati dall’Arabia Saudita e dalle Nazioni del Golfo sotto la supervisione dell’Occidente. Ora i siriani chiedono alla Russia di intervenire, sulla base di un accordo di coordinamento militare. Il governo siriano è il governo legittimo, riconosciuto dalle Nazioni Unite. Dobbiamo essere pratici: soltanto l’1% dei cittadini iracheni è ormai di religione cristiana. Se scappano anche questi, la nostra presenza svanirà. Non abbiamo bisogno di parole ma di atti.

    Ha speranza nei colloqui di Vienna?

    La speranza c’è, ma non so quanto durerà. Distruggere è facile, mentre costruire è difficile. Negli ultimi cinque anni abbiamo avuto soltanto distruzione e migrazione forzata, e ci vorrà tempo per ripartire. Spero che questi colloqui si concludano nel miglior modo possibile.

    Lei ha partecipato a Roma al Sinodo sulla famiglia. Sua Santità papa Francesco è addolorato per quello che accade ai cristiani orientali…

    Sì, Sua Santità il papa – come vescovo di Roma, successore di san Pietro, capo della Chiesa cattolica e vertice della maggiore comunità religiosa al mondo – è pieno di dolore per quello che accade in Oriente. E come “padre” del Sinodo ha emesso un accorato appello di solidarietà per i cristiani del Medio Oriente. Sua Santità è un difensore della giustizia, e ha suggerito che il Vaticano ospiti la prossima conferenza sul futuro dei cristiani orientali. È una vergogna che l’Occidente lasci i cristiani in questa situazione.

    *direttore de “Le Messager” e portavoce della Chiesa cattolica egiziana

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/08/2015 SIRIA
    Lo Stato islamico libera 22 cristiani assiri della zona di Hassaké
    Fra essi vi sono 14 donne anziane. Restano ancora 187 cristiani ostaggi dello SI. I miliziani domandano 100mila dollari per ogni ostaggio.

    24/12/2016 08:44:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: la mia vocazione è nata a Mosul, sull’esempio dei martiri cristiani

    P. Rayan Nabil Bakos è stato ordinato lo scorso 25 novembre a Erbil dal patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako. L’impegno nella pastorale “per aiutare quanti sono nel bisogno”. Da mons. Rahho e p. Ragheed un esempio di testimonianza. La comunità cristiana irakena, vittima di persecuzioni, ha bisogno di pastori che “preghino per loro e con loro”.



    07/03/2017 08:49:00 SIRIA
    Raqqa, lo Stato islamico impone vestiti “in stile afgano” per confondere civili e combattenti

    Attivisti locali riferiscono che il provvedimento è entrato in vigore da oltre due settimane. Per chi non rispetta la norma previste multe e carcere. Dietro la decisione la rapida avanzata della coalizione arabo-curda, sostenuta dai raid aerei Usa. Migliaia di civili e famiglie jihadiste in fuga dalla provincia di Aleppo. 

     



    09/11/2015 LIBANO-SIRIA
    Prima visita ufficiale in Libano di Ignazio Efrem II, patriarca siro-ortodosso
    Per il capo della Chiesa siriaca, è urgente mantenere la solidarietà cristiano-musulmana ed eleggere un nuovo presidente libanese. I cristiani siriaci a Sadad (Siria) minacciati dall’avanzata dello Stato islamico. Appello per i due vescovi ortodossi, sequestrati 18 mesi fa. Erette due stele a ricordo del genocidio del 1915, che ha visto come vittime armeni, ma anche siriaci, caldei e assiri.

    10/04/2017 16:24:00 ISLAM - EGITTO
    Giovane musulmano: Il sangue della Domenica delle Palme

    Domenica nera per i cristiani di tutto il mondo. Dal 2013 in Egitto bruciate o danneggiate oltre 40 chiese. Maometto aveva firmato un patto con i copti, la promessa a Santa Caterina. Quello che è successo in Egitto contro i copti è puramente ideologico e politico. Le mire dell’Arabia Saudita sulla regione.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®