28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/12/2014, 00.00

    IRAQ

    Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul

    Joseph Mahmoud

    Mar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".

    Erbil (AsiaNews) - Il patriarca caldeo di Baghdad Louis Raphael Sako, invita tutti i cristiani dell'Iraq a fare un digiuno alla vigilia di Natale per implorare dal Signore il ritorno dei profughi a Mosul e nella piana di Ninive. Allo stesso tempo, egli chiede ai suoi fedeli di non organizzare "alcun festeggiamento mondano" a Natale e a Capodanno come "segno di solidarietà con i loro fratelli sfollati, che stanno vivendo una sofferenza indescrivibile".

    Il patriarca caldeo ricorda di aver visitato in questi giorni "alcuni campi dei profughi in Ankawa, e in Alqosh e nei villaggi di Amadiya e Aqra. Ho incontrato i preti di Zakho, e ho esperimentato quanto è pesante e dolorosa la loro croce".

    Le zone citate sono nel Kurdistan, dove oltre 120mila cristiani hanno trovato rifugio fuggendo da Mosul e dalla piana di Ninive perché cacciati o braccati dall'Esercito islamico a rischio della vita.

    Nel suo Messaggio di augurio per il prossimo Natale, egli suggerisce a tutti i cristiani di vivere l'Avvento "con il digiuno, preghiera, riflessione e carità". Per questo egli invita a digiunare da lunedì 22 dicembre fino alla notte del 24 dicembre, non toccando cibo o bevanda fino a mezzogiorno, come "nei giorni di Bautha". Il digiuno di Bautha ricorda quello che il profeta Giona ha proposto agli abitanti di Ninive per la loro conversione.

    "Digiuniamo - dice il patriarca - per la liberazione di Mosul e dei villaggi della piana di Ninive, perché la pace e la sicurezza tornino in queste zone, e tutti possano rientrare nelle  loro case, ai loro lavori e alle loro scuole. Ricordiamo ciò Cristo ha detto: 'Questa razza di demoni non si scaccia se non con la preghiera e il digiuno' (Mt 17, 21). Siamo sicuri che la nascita di Cristo, che ha condiviso la nostra storia personale e quella dell'umanità, ascolterà la nostra preghiera e accetterà il nostro digiuno e realizzerà la nostra speranza e il nostro desiderio di tornare alle nostre case e vivere la nostra vita normale come era prima".

    Allo stesso tempo, Mar Sako invita "tutti i cristiani a non organizzare nessun tipo di festeggiamento mondano a Natale o Capodanno, specialmente in queste situazioni amare. È un segno di solidarietà con i loro fratelli sfollati i quali stanno vivendo una sofferenza indescrivibile".

    Augurando un buon Natale "nei nostri cuori e nei nostri campi profughi", il patriarca spinge ancora a "digiunare e dare la mano ai bisognosi, visitandoli e consolandoli".

     

    In prossimità del Natale, AsiaNews propone ai suoi lettori di seguire il digiuno proposto dal patriarca Sako e chiede di dare il corrispettivo del digiuno per la campagna "Adotta un cristiano di Mosul", secondo le modalità solite.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/09/2014 ITALIA - IRAQ
    Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
    Inviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

    06/12/2014 IRAQ-VATICANO
    Papa ai profughi cristiani di Mosul: Vi sono vicino. La vostra resistenza è martirio, rugiada che feconda
    Il videomessaggio del pontefice portato dal card. Philippe Barbarin. L'impegno in Turchia e con la comunità internazionale per una "maggiore convergenza" a risolvere i conflitti in Iraq. Il ringraziamento per la testimonianza di fede. L'8 dicembre, preghiera speciale di tutta la Chiesa per i profughi cristiani irakeni a Erbil.

    08/05/2015 IRAQ
    Continua la campagna “Adotta un cristiano di Mosul” (Il Video)
    Già raccolti circa 1,2 milioni di euro. Urgente trovare case e container per i 130mila profughi cristiani fuggiti da Mosul sotto la minaccia dello Stato Islamico. Rispondere all’invito di papa Francesco: Non restare “inerti e muti” di fronte ai nostri fratelli e sorelle perseguitati.

    08/08/2014 ITALIA - IRAQ
    "Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachena
    AsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

    17/09/2014 IRAQ
    Peshmerga curdi liberano alcuni villaggi cristiani occupati da jihadisti
    Fondamentale l'aiuto dell'aviazione Usa. I miliziani islamisti hanno minato molte case prima di fuggire. Nella città di Alqosh, liberata giorni fa, diversi cristiani siriaci sono ritornati e hanno celebrato la festa del santo patrono.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®