22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/11/2013, 00.00

    MEDIO ORIENTE - VATICANO

    Patriarchi delle Chiese orientali dal Papa per il futuro dei cristiani in Medio oriente



    Iniziato oggi, l'incontro dal tema "Le Chiese cattoliche orientali a 50 anni dal Concilio vaticano II", si chiuderà il 22 novembre. I patriarchi delle Chiese orientali presenteranno al Papa la drammatica situazione dei cristiani in Siria, Iraq e Libano. I prelati discuteranno anche il rapporto con le Chiese ortodosse e il problema dell'esodo dei cristiani dalla regione.

    Roma (AsiaNews) - Il futuro dei cristiani in Medio oriente, il ruolo della Chiesa cattolica nei Paesi arabi colpiti dai conflitti, il rapporto con la Chiesa ortodossa e i problemi di stabilità della regione. Sono alcuni degli argomenti che verranno discussi nell'incontro fra il papa e i patriarchi delle Chiese orientali, presenti alla Plenaria del Dicastero per le Chiese orientali, di cui sono membri i Patriarchi e gli arcivescovi maggiori di rito orientale insieme ad altri cardinali, arcivescovi e vescovi latini. La riunione è in programma dal 19 al 22 novembre e ha come tema "Le Chiese cattoliche cristiane a 50 anni dal Concilio vaticano II", Fra gli altri partecipano: il card. Beshara al-Rai, patriarca della Chiesa maronita, Raphael Louis Sako I, patriarca caldeo e arcivescovo di Baghdad, mons. Gregorio III Laham, patriarca di Antiochia della Chiesa melchita, Ignatius Joseph III Younan, patriarca della Chiesa siro-cattolica e Nerses Bedros XIX, patriarca della Chiesa armeno cattolica.

    Guidato dal card. Leonardo Sandri, presidente della Congregazione, l'incontro giunge in un periodo critico per la situazione dei cristiani in Medio oriente, dove le comunità sono vittime di continui attacchi da parte degli estremisti islamici, soprattutto in Siria. Fonti vaticane citate dal quotidiano libanese al- Joumhouria avvertono che l'incontro segnerà una cambio di rotta della politica vaticana in Medio oriente. Il comunicato finale, fra gli altri argomenti trattati, "rifletterà le preoccupazioni dei cristiani nella regione". Nel corso della plenaria si affronteranno anche tematiche legate alla situazione di altre Chiese orientali, come quella siro-malabarese e quella quella Greco-Cattolica Ucraina.

    L'incontro del papa con i Patriarchi e arcivescovi maggiori sarà nella mattinata di giovedì 21, dalle ore 10 alle ore 12. Alla mattina la Messa delle ore 8 nella basilica Vaticana, presieduta dal cardinale Prefetto e concelebrata da tutti i membri della Plenaria, avrà come particolare intenzione la supplica per la pace in Medio Oriente.

    Pochi giorni prima della partenza, Gregorio III Laham ha sottolineato in un'intervista ad Aiuto alla Chiesa che soffre: "Vogliamo consultarci con il Santo Padre sulla situazione in Siria e in Iraq, ma vogliamo anche discutere le questioni fondamentali riguardanti il ​​ruolo dei cristiani in Medio oriente, il dialogo inter religioso e l'ecumenismo in materia di ortodossia". Per il patriarca melchita il desiderio dei capi delle Chiese orientale è "creare un organo consultivo permanente con il Papa, con ricorrenza biennale". Secondo Gregorio III la situazione dei cristiani nella regione è drammatica e il Vaticano deve dare il via a una campagna diplomatica capillare attraverso i suoi nunzi e aiutare le Chiese orientali ad avere più rapporti con gli ortodossi.

    "Siamo felici della nostra comunione con Roma - ha aggiunto - ma il Vaticano non deve dimenticare che abbiamo radici ortodosse, siamo il ramo cattolico della Chiesa ortodossa". L'unione fra i patriarchi delle denominazioni cattoliche e l'ecumenismo con gli ortodossi è un argomento sottolineato anche da mons. Louis Raphael Sako, che parlando ad Acs "spera in una maggiore vicinanza verso le nostre Chiese in questi tempi difficili. Abbiamo bisogno di più sostegno da parte della Santa Sede, di maggiore incoraggiamento". Per il patriarca di Baghdad la crisi in Medio oriente sta costringendo i cristiani ad abbandonare le loro terre e ciò pone a serio rischio la sopravvivenza della Chiesa. "L'emigrazione - afferma - sta minacciando il nostro presente e il nostro futuro. Temiamo per la nostra sopravvivenza. I musulmani hanno bisogno della nostra testimonianza di valori umani e cristiani".  

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2017 13:40:00 VATICANO
    Papa: i cristiani d’Oriente, vittime del "dilagare del terrorismo internazionale”

    Francesco ha celebrato il centenario della fondazione del Pontificio istituto orientale e della Congregazione per le Chiese orientali. Creati durante la guerra mondiale e mentre è in corso “un’altra guerra mondiale, anche se a pezzi”. Un orizzonte “eminentemente ecumenico”. Dio non dimentica i suoi figli, la sua memoria è per i giusti, per quelli che soffrono, che sono oppressi e che si chiedono ‘perché?’, eppure non cessano di confidare nel Signore”.



    14/09/2011 MEDIO ORIENTE – ITALIA
    I cristiani del Vicino Oriente e l’ideologia islamista
    Alla 23ma Settimana europea sulla storia religiosa euro-mediterranea, una serie di interventi mostra la grande epopea delle Chiese antiochene, fra martirio, deportazioni, ma anche appassionata evangelizzazione e dialogo culturale e interreligioso. La comunicazione del direttore di AsiaNews sulla attuale situazione delle Chiese del Vicino oriente alle prese con l’islamismo radicale.

    06/09/2013 MEDIO ORIENTE-GIORDANIA
    Gregorio III: "Cristiani arabi in dialogo con i musulmani e contro la guerra in Siria"
    Intervistato da AsiaNews, il patriarca di Antiochia parla dell'incontro "Le sfide dei cristiani arabi in Medio Oriente", tenutosi ad Amman dal 3 al 5 settembre. Organizzato dal re di Giordania, il convegno ha riunito tutte le denominazioni cristiane del Medio Oriente. Guerra in Siria, violenze contro la libertà religiosa e discriminazioni, i temi più discussi. Per il prelato "questo è un primo passo verso un dialogo interno ai cristiani e verso le comunità musulmane".

    15/10/2010 INDIA - MEDIO ORIENTE
    Vescovo siro-malabarese: più attenzione per i migranti indiani nei Paesi Arabi
    Mons. Bosco Puthur, vescovo di Foratiana e partecipante al Sinodo per il Medio oriente, racconta ad AsiaNews la situazione dei 400mila siro-malabaresi indiani emigrati per lavoro nella regione del Golfo Persico. Per il prelato, i fedeli emigrati nei Paesi arabi si allontanano dalla Chiesa per l’inesistenza di parrocchie e la poca formazione del clero.

    26/11/2013 MEDIO ORIENTE - ASIA
    Un ritiro spirituale a Dubai mantiene viva la fede fra i migranti in Medio Oriente
    P. Errol Fernandes, sacerdote gesuita, racconta ad AsiaNews la testimonianza di fede dei lavoratori cristiani nei Paesi del Golfo Persico. In occasione dell'Anno della Fede, dal 4 al 6 novembre il sacerdote ha guidato un ritiro spirituale a Dubai per le Chiese locali nate grazie alla presenza dei migranti. Nei Paesi arabi dove vi è libertà di culto il cristianesimo è vivo e vibrante. Per il gesuita chi è perseguitato vive a imitazione di Cristo e con la sua testimonianza fa rivivere la Chiesa.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®