13/03/2014, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Pechino, il premier Li chiude l'Anp promettendo riforme e stabilità economica

La consueta conferenza stampa del primo ministro è incentrata tutta sulla crescita economica: "Basta stimoli artificiali, possiamo mantenere il Pil intorno al 7,5 % mentre risaniamo il settore". Il governo punta a riformare fisco e finanza, ma ammette che "la chiave è capire come fare". Rinnovato l'impegno per l'aereo malaysiano disperso in volo: "Non smetteremo di cercarlo finché ci sarà speranza".

Pechino (AsiaNews) - La Cina "continuerà a combattere contro la pressione al ribasso sull'economia, che nello scorso anno è stata la minaccia più grande alla nostra nazione. Ma non useremo misure artificiali di stimolo: nonostante alcuni rapporti pessimisti, siamo sicuri di poter tenere la crescita economica intorno al 7,5 % annuo. Se si siamo riusciti lo scorso anno, perché non dovremmo farcela adesso?". Con queste parole il premier cinese Li Keqiang ha chiuso la XII sessione dell'Assemblea nazionale del Popolo, il "Parlamento" cinese riunito come ogni anno per approvare le decisioni prese dal governo e dal Politburo del Partito comunista.

Come da prassi, l'ultimo appuntamento ufficiale della riunione è stata la conferenza stampa del premier. Li ha toccato diversi argomenti - assicurando tra le altre cose che Pechino "non fermerà le ricerche dell'aereo scomparso in Malaysia fino a che ci sarà un briciolo di speranza" - e ha reso noti i risultati delle votazioni dei delegati dopo la presentazione dei rapporti del primo ministro, del Procuratore generale dello Stato e del giudice-capo della Corte Suprema.

Ma l'economia ha giocato la parte del leone. Secondo Li, i rischi collegati al debito pubblico cinese "sono sotto controllo" e il governo "ha fiducia di poter tenere la crescita del 2014 intorno agli obiettivi prefissati". Questa dichiarazione rappresenta il messaggio più chiaro di tutta la conferenza stampa: senza farsi ossessionare dai numeri, il governo centrale permetterà anche una crescita minore rispetto a quanto previsto. L'importante, ha chiarito il premier, "è non usare vecchi modelli di crescita. Dobbiamo trasformare un'economia veloce in un'economia sana e sostenibile".

Per raggiungere questi obiettivi, Li ha rilanciato i propositi riformisti del governo in ambito fiscale e finanziario: "Miriamo a ridurre ancora di più il carico fiscale per le micro-aziende e per quelle piccole, approfondendo anche la riforma delle imprese statali e aprendo l'accesso al mercato. In modo particolare per quanto riguarda il settore dei servizi. La questione ora è capire come mettere in pratica questi propositi, ma non lasceremo nulla di intentato".

Quanto detto in conferenza stampa ricalca il discorso ufficiale con cui il premier ha chiuso la sessione parlamentare. Dopo la sua relazione si è proceduto alla votazione: 2.887 voti a favore, 15 contrari e 5 astenuti. Si tratta della migliore performance dal 2004, quando la relazione finale dell'allora primo ministro Wen Jiabao ottenne 7 voti contrari e 15 astenuti. Secondo diversi analisti, anche se l'esito del voto è scontato il governo permette un'oscillazione che consente di capire l'umore politico nazionale.

È il caso delle relazioni presentate dal giudice-capo della Corte Suprema e dal Procuratore di Stato. Il rapporto del massimo esponente del settore giudiziario, Zhou Qiang, ha ottenuto 2.425 voti favorevoli, 378 contrari e 95 astenuti: lo scorso anno aveva visto 605 voti contrari e 120 astensioni. Anche per il Procuratore Cao Jianming le cose sono andate meglio: 390 voti contrari e 108 astensioni contro i 485 contrari e i 121 astenuti del 2013.

Huang Yun, delegato del distretto di Chongqing, sostiene che la votazione abbia una sua rilevanza: "I numeri dimostrano che i delegati non sono soddisfatti per il lavoro di supervisione compiuto dall'Assemblea nazionale del Popolo, per la corruzione rampante e per i conflitti sociali di questo periodo. Il Parlamento deve fare meglio, e il Procuratore deve impegnarsi di più per combattere le tangenti". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Anp, Li Keqiang annuncia ‘dure battaglie’ nell’economia
05/03/2019 07:26
La Cina alla ricerca di un nuovo modello di sviluppo
03/03/2006
L’Anp approva la nomina di Li Keqiang, nuovo premier cinese
15/03/2013
Li Keqiang chiude l'Anp assicurando i mercati: Cresceremo del 7%, ma sarà dura
16/03/2015
Pechino, l’altra faccia dell’Assemblea nazionale del popolo: un ‘disastro per il popolo cinese’
13/03/2019 15:31