04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/06/2008, 00.00

    CINA

    Pechino alza il prezzo della benzina, si temono proteste sociali



    Con una decisione a sorpresa, il governo cinese ha alzato di oltre il 15 % il prezzo di benzina, diesel ed energia. Proteste fra i consumatori, mentre analisti sottolineano l’inutilità di questa manovra “se non sarà accompagnata da una razionalizzazione nel campo energetico nazionale”.
    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Con una mossa del tutto inaspettata, il governo cinese ha aumentato nel corso della notte il prezzo del petrolio e dell’energia. La decisione rischia di scatenare un’inflazione selvaggia e la conseguente protesta sociale. Immediata la reazione sui mercati internazionali: il prezzo del greggio è calato del 2 %, con gli investitori in attesa di vedere cosa succederà nel gigante economico a seguito di questa impennata di prezzi.
     
    Il petrolio costa da questa mattina 6.980 yuan la tonnellata, mentre il diesel è arrivato a 6.520 yuan. Gli aumenti sono rispettivamente del 16,7 e del 18,1 %. L’emissione di energia è aumentata del 4,7 %, con un’eccezione per la provincia settentrionale del Xinjiang e per le zone colpite dal terremoto del maggio scorso. Per cercare di bilanciare il malcontento sociale, Pechino ha imposto un blocco al prezzo del carbone, che non potrà aumentare rispetto al prezzo di vendita odierno “fino a nuovo ordine”.
     
    In realtà, questa misura pare del tutto inutile: il combustile fossile, infatti, viene usato esclusivamente dalle industrie e, in minor proporzione, nelle zone rurali del Paese da dove viene estratto. L’aumento del prezzo dei carburanti ha invece colpito con durezza la “fascia d’oro” del Paese (le ricche regioni meridionali) e le metropoli come Shanghai, dove già dalla notte una lunga fila di automobilisti ha preso d’assalto le stazioni per evitare di pagare il nuovo prezzo.
     
    Il governo difende la manovra: secondo la Commissione per lo sviluppo nazionale e le riforme, essa “si è resa necessaria dopo l’aumento internazionale dei prezzi del greggio, che ha causato razionamenti e chiusure di industrie. L’appropriato aumento dei prezzi servirà a far crescere le riserve interne ed a promuovere la conservazione dell’energia”. Larry Grace, analista della Kim Eng Securities, fa però notare come “il governo perde 50 dollari per ogni barile di petrolio che acquista: la manovra può essere d’aiuto, ma senza altri provvedimenti sarà inutile”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/03/2011 CINA
    L’aumento del greggio costringerà Pechino ad attuare più giustizia sociale
    Il noto economista Andy Xie ritiene che le proteste del Nord Africa e l’aumento del costo del greggio causino gravi effetti sull’economia cinese, già in difficoltà. Per impedire sommosse, Pechino deve tutelare le esigenze delle classi minute, piuttosto che delle grandi aziende statali.

    02/02/2008 CINA
    Wen Jiabao: sull’emergenza neve il peggio deve ancora venire
    Il presidente Hu Jintao, capo delle forze armate, ha chiesto all’esercito di sostenere “in ogni modo i governi locali”. Il premier spiega che il peggio deve ancora arrivare, mentre un economista quantifica i danni: ridotta di mezzo punto percentuale la crescita del Pil, aumentati di un terzo i prezzi dei generi di prima necessità. Il governo teme proteste sociali.

    21/08/2008 CINA
    Il duro autunno economico del “dopo-Olimpiadi”
    Le Olimpiadi hanno trainato poco l’economia cinese, ma il governo vi ha posposto gravi decisioni, per contenere l’inflazione ed evitare proteste sociali. Ora la Cina deve affrontare problemi strutturali della produzione, quali crescenti costi di energia e materie prime e minore esportazione. Il parere di esperti.

    30/06/2008 CINA
    Più che dimezzata la crescita industriale cinese
    “Solo” +20,9% nei primi 5 mesi 2008, dopo un +42,1% nel 2007. Tra le cause le tempeste di neve di gennaio e l’aumento del costo di energia e materie prime. Esperti: se l’inflazione rallenta, Pechino aumenterà i prezzi di vari servizi e prodotti e l’industria riprenderà a correre.

    18/04/2016 13:16:00 QATAR
    Summit Opec: la crisi fra Riyadh e Teheran blocca l’accordo sul taglio del petrolio

    L’incontro a Doha, in Qatar, si è concluso con un nulla di fatto. L’accordo sul congelamento della produzione rimandato al vertice di giugno. Dietro il fallimento la lotta geopolitica fra Arabia Saudita e Iran. Immediata la reazione dei mercati, cala il prezzo del greggio. In flessione anche le borse. 





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®