22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/06/2012, 00.00

    IRAN - CINA

    Pechino approfitta delle sanzioni contro l'Iran e aumenta le importazioni di greggio



    Dopo un calo nei primi mesi del 2012 le importazioni salgono a 524mila barili al giorno. Il contratto è stato firmato a pochi giorni dal fallimento dei colloqui fra Teheran e membri del 5+1 sul nucleare iraniano. Le nuove sanzioni imposte da Europa e Usa saranno attive dal 1° luglio.

    Teheran (AsiaNews/ Agenzie) - Pechino risolve i suoi problemi contrattuali con Teheran e aumenta del 35% le importazioni di petrolio, pari a 524mila barili al giorno. L'acquisto di greggio era diminuito nei primi mesi del 2012 a causa di un ritardo nei pagamenti da parte della Cina. La decisione giunge a pochi giorni dalle nuove sanzioni economiche contro l'Iran - attive dal 1 luglio - imposte da Stati Uniti e Unione Europea, dopo il fallimento dei colloqui sul nucleare iraniano fra Teheran e  i 5+1 (i membri rappresentanti del Consiglio di sicurezza Onu - Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia, più la Germania) terminati lo scorso 19 giugno a Mosca (Russia). Un nuovo incontro è previsto a Istanbul (Turchia) il prossimo 3 luglio.

    Oggi, Hong Lei, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha definito le importazioni "legittime e necessarie per lo sviluppo  economico della Cina". Il governo di Pechino si è sempre detto contrario alle sanzioni economiche contro Teheran, definendo "inaccettabile che un Paese imponga sanzioni unilaterali contro un altro Stato" . Ieri il Giappone ha varato un disegno di legge per coprire l'assicurazione delle petroliere che trasportano greggio irananiano nel Paese. La coperture giunge fino a 7,6 miliari di dollari in caso di incidente. Nel 2004 il Giappone ha aumentato le sue importazioni di petrolio dall'Iran, firmando un importante progetto di sviluppo ad Azadegan. E' uno dei più grandi giacimenti petroliferi del mondo, con una capacità stimata di 26 miliardi di barili. 

    Da mesi gli Usa fanno pressioni sulla Cina, primo importatore di petrolio iraniano, e altri asiatici per spingerli a un taglio significativo dei contratti petroliferi. E questo per costringere l'Iran a interrompere il  programma di arricchimento dell'uranio e abbandonare il temuto sviluppo di armi atomiche.  Lo scorso 12 giugno Washington ha esentato l'India e altri sei Paesi da possibili sanzioni economiche, per aver ridotto "in modo significativo" le importazioni di petrolio dall'Iran. 

    Intanto, ieri Heidar Moslehi, ministro iraniano dell'Intelligence, ha accusato Stati Uniti e Israele di aver progettato un cyber-attacco contro alcune strutture  dopo il vertice a Mosca sul nucleare tra Teheran e il gruppo 5+1 del 18 e 19 giugno, ma gli esperti informatici iraniani sarebbero riusciti a fermarlo. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/05/2017 10:05:00 IRAN - UE
    Dopo l’accordo sul nucleare cresce del 300% l’export iraniano nella Ue

    Nel 2016 le esportazioni dalla Repubblica islamica verso l’Europa hanno toccato quota 5,494 miliardi. Un balzo in avanti deciso rispetto agli 1,235 dell’anno precedente. Cresce anche il dato relativo al commercio (+79%). Allo studio tecnologia e finanziamenti da Bruxelles per tagliare le emissioni di carbone.



    15/12/2004 CINA - UNIONE EUROPEA
    All'Unione Europea la Cina chiede nuove tecnologie di difesa


    31/08/2006 iran - Onu
    Teheran continua il suo programma nucleare mentre scade l'ultimatum dell' Onu

    Scelte provocatorie e dichiarazioni di fuoco prima della scadenza. Mentre si prospettano possibil sanzioni, Teheran cerca di dividere Europa da Usa.



    31/03/2007 UNIONE EUROPEA - IRAN
    Sui marinai catturati, la Ue si schiera al fianco di Londra
    In una nota firmata da tutti e 27 i ministri degli Esteri dell’Unione europea si chiede a Teheran il rilascio immediato dei 15 marinai britannici catturati nelle acque del Golfo. In caso contrario, sono pronte misure adeguate.

    19/04/2013 UNIONE EUROPEA – MYANMAR
    Bruxelles vuole cancellare le sanzioni economiche e commerciali al Myanmar
    Il provvedimento verrà messo ai voti la prossima settimana e intende sottolineare le “encomiabili riforme” promosse negli ultimi due anni da Naypyidaw. Resta in vigore l’embargo alla vendita di armi. Una mossa per trovare sbocchi commerciali e rompere l’egemonia di Cina e India, mettendo sotto pressione Washington.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®