1 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/06/2012
IRAN - CINA
Pechino approfitta delle sanzioni contro l'Iran e aumenta le importazioni di greggio
Dopo un calo nei primi mesi del 2012 le importazioni salgono a 524mila barili al giorno. Il contratto è stato firmato a pochi giorni dal fallimento dei colloqui fra Teheran e membri del 5+1 sul nucleare iraniano. Le nuove sanzioni imposte da Europa e Usa saranno attive dal 1° luglio.

Teheran (AsiaNews/ Agenzie) - Pechino risolve i suoi problemi contrattuali con Teheran e aumenta del 35% le importazioni di petrolio, pari a 524mila barili al giorno. L'acquisto di greggio era diminuito nei primi mesi del 2012 a causa di un ritardo nei pagamenti da parte della Cina. La decisione giunge a pochi giorni dalle nuove sanzioni economiche contro l'Iran - attive dal 1 luglio - imposte da Stati Uniti e Unione Europea, dopo il fallimento dei colloqui sul nucleare iraniano fra Teheran e  i 5+1 (i membri rappresentanti del Consiglio di sicurezza Onu - Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia, più la Germania) terminati lo scorso 19 giugno a Mosca (Russia). Un nuovo incontro è previsto a Istanbul (Turchia) il prossimo 3 luglio.

Oggi, Hong Lei, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha definito le importazioni "legittime e necessarie per lo sviluppo  economico della Cina". Il governo di Pechino si è sempre detto contrario alle sanzioni economiche contro Teheran, definendo "inaccettabile che un Paese imponga sanzioni unilaterali contro un altro Stato" . Ieri il Giappone ha varato un disegno di legge per coprire l'assicurazione delle petroliere che trasportano greggio irananiano nel Paese. La coperture giunge fino a 7,6 miliari di dollari in caso di incidente. Nel 2004 il Giappone ha aumentato le sue importazioni di petrolio dall'Iran, firmando un importante progetto di sviluppo ad Azadegan. E' uno dei più grandi giacimenti petroliferi del mondo, con una capacità stimata di 26 miliardi di barili. 

Da mesi gli Usa fanno pressioni sulla Cina, primo importatore di petrolio iraniano, e altri asiatici per spingerli a un taglio significativo dei contratti petroliferi. E questo per costringere l'Iran a interrompere il  programma di arricchimento dell'uranio e abbandonare il temuto sviluppo di armi atomiche.  Lo scorso 12 giugno Washington ha esentato l'India e altri sei Paesi da possibili sanzioni economiche, per aver ridotto "in modo significativo" le importazioni di petrolio dall'Iran. 

Intanto, ieri Heidar Moslehi, ministro iraniano dell'Intelligence, ha accusato Stati Uniti e Israele di aver progettato un cyber-attacco contro alcune strutture  dopo il vertice a Mosca sul nucleare tra Teheran e il gruppo 5+1 del 18 e 19 giugno, ma gli esperti informatici iraniani sarebbero riusciti a fermarlo. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/12/2004 CINA - UNIONE EUROPEA
All'Unione Europea la Cina chiede nuove tecnologie di difesa
31/08/2006 iran - Onu
Teheran continua il suo programma nucleare mentre scade l'ultimatum dell' Onu
31/03/2007 UNIONE EUROPEA - IRAN
Sui marinai catturati, la Ue si schiera al fianco di Londra
19/04/2013 UNIONE EUROPEA – MYANMAR
Bruxelles vuole cancellare le sanzioni economiche e commerciali al Myanmar
03/04/2006 CINA - UNIONE EUROPEA - STATI UNITI - AUSTRALIA
Cina, Stati Uniti, Ue: si profila una guerra di dazi

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate