24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 04/03/2017, 11.03

    CINA

    Pechino aumenta le spese militari del 7%. Ma c’è chi vorrebbe superare Trump

    Wang Zhicheng

    Da due anni il budget delle Forze armate è al di sotto del 10%. La Cina deve difendersi dalle “intromissioni di esterni” nelle dispute territoriali. Generale in pensione: Dovremmo superare gli Usa e accrescere le spese militari del 12%. L’escalation fra tutti i Paesi della regione.

    Pechino (AsiaNews) – Quest’anno la Cina aumenterà il bilancio delle Forze armate “intorno al 7%”, vigilando sulla “intromissione di esterni” nelle sue dispute territoriali. È quanto ha dichiarato la portavoce Fu Ying, in una conferenza stampa previa all’Assemblea nazionale del popolo, che si apre domani.

    La portavoce ha anche precisato che il futuro delle spese militari della Cina dipenderà da ciò che gli Stati Uniti potranno fare nella regione.

    Il riferimento è alle tensioni nel Mar Cinese meridionale, e alle isole che la Cina rivendica come proprie. Per questo essa sta attuando la militarizzazione di alcune di esse, fino a progettare l’installazione di rampe di lancio per missili terra-aria. Pechino afferma di voler difendere la sua sovranità e salvaguardare la libertà di navigazione nella zona. Ma la militarizzazione suscita timori e critiche dagli altri Paesi della regione, che rivendicano anche loro la sovranità su alcune delle isole. Fra essi vi sono Vietnam, Filippine, Malaysia, Brunei, Taiwan. Questi vedono nella forza militare degli Stati Uniti una garanzia contro i soprusi della Cina.

    Giorni fa il presidente Usa Donald Trump ha prospettato una crescita del 10% delle spese militari nel suo Paese e la tensione sta portando a un’escalation militare di tutti i Paesi della regione.

    Fu ha spiegato che la Cina chiede “una soluzione pacifica attraverso il dialogo e la consultazione [delle dispute territoriali]. Allo stesso tempo abbiamo bisogno di salvaguardare la nostra sovranità, i nostri interessi e i nostri diritti”. In particolare, ha aggiunto,  “abbiamo bisogno di vigilare contro l’intromissione di esterni nelle dispute”.

    L’incremento delle spese militari di quest’anno è in linea con quello passato. Fino a due anni fa l’incremento era del 10-12%. Ma vi sono pressioni perché la Cina aumenti i fondi per l’esercito.

    A margine della Conferenza politica consultiva del popolo cinese, che si tiene quasi in contemporanea con l’Anp, un generale in pensione, Wang Hongguang, ha dichiarato che “siccome il bilancio militare degli Usa è aumentato del 10%, anche noi abbiamo bisogno di aumentarlo in doppia cifra. L’ideale sarebbe un incremento del 12%”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/03/2017 11:46:00 CINA
    Pechino: il sobrio (e non accurato) bilancio delle spese militari nasconde le spese per la sicurezza interna

    Per controllare solo la metà di tutti i portatori di petizioni, occorre spendere almeno 146 miliardi di dollari Usa, pari al bilancio della difesa. Allo studio un sistema che controlla le targhe delle auto. La “stabilità” è il cruccio della leadership. Nelle spese per l’esercito non si contano le spese “a doppio uso”, anche civile. Ma Pechino fa passare come “uso civile” molte spese militari nelle isole contese del Mar Cinese meridionale.



    15/03/2017 13:24:00 CINA
    La conferenza stampa di Li Keqiang: il detto e il non detto

    È durata oltre due ore. Il premier ha risposto a 18 domande: sui rapporti fra Cina e Stati Uniti; sul Mar Cinese meridionale, su Hong Kong e Taiwan; sulla penisola coreana; sull’economia. Una specie di “tisana” che calma le acque. Ma le tensioni rimangono. Pechino in guerra commerciale con Taiwan e Corea del Sud. Le “distorsioni” verso Hong Kong. I Paesi dell’Asean non devono “prendere posizione”, ma intanto cresce la militarizzazione delle isole contese.



    05/03/2013 CINA
    All'Assemblea nazionale del popolo, le ultime promesse di Wen Jiabao
    L'annuale raduno del parlamento durerà fino al 17 marzo. Segna la transizione definitiva alla Quinta generazione. Il premier uscente Wen Jiabao ha promesso crescita contenuta (7,5%); inflazione al 3,5; 10% in più nella spesa pubblica. Proclami contro la corruzione e la protezione dell'ambiente. Ma per i cybernauti sono solo "parole" ripetute tante volte in questi anni.

    16/03/2007 CINA
    Alla fine dell’Anp, Wen Jiabao tranquillizza, ma i problemi restano
    A conclusione dell’Assemblea nazionale del popolo, il premier ha incontrato i giornalisti rassicurando su sviluppo, scuole, sanità, spese militari. Votata - come prevista – la legge sulla proprietà privata. Ma non mancano le voci di critica: la Cina è agli ultimi posti al mondo per spese sanitarie ed educative.

    05/03/2012 CINA
    Wen Jiabao riduce la crescita della Cina e tiene alte le spese militari per "vincere guerre locali"
    Quest'anno il Pil crescerà del 7,5%, il più basso dal 1990. A causa della crisi mondiale, il premier ha anche promesso di accrescere la domanda interna, aumentando i salari e controllando l'inflazione. I diritti delle terre ai contadini è "garantito dalla legge", ma in Cina vi sono rivolte ogni giorno a causa degli espropri. Timori dei Paesi vicini per la crescita del bilancio dell'esercito.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®