02/07/2020, 12.24
CINA
Invia ad un amico

Pechino lancia una grande esercitazione militare nel Mar Cinese meridionale

Navi da guerra e della guardia costiera schierate nelle acque delle isole Paracel, rivendicate anche da Vietnam e Taiwan. Analisti: I cinesi vogliono mostrare la propria forza simulando la conquista e il controllo di un’isola dell’area. Due portaerei Usa presenti nel Mar delle Filippine. L’Australia aumenta il budget militare per timore dell’attivismo cinese.

Pechino (AsiaNews) – La Cina ha dato inizio ieri a una grande esercitazione militare nel Mar Cinese meridionale. Le manovre, che dureranno fino al 5 luglio, si svolgono nelle acque attorno alle isole Paracel. Dati satellitari rivelano l’impiego di navi della Marina militare e della guardia costiera.

Pechino reclama quasi il 90% del Mar Cinese meridionale, dove ha occupato e militarizzato numerosi atolli e banchi coralliferi, scatenando le proteste di Vietnam, Filippine, Malaysia, Brunei, Taiwan e Indonesia.

Il 27 giugno, i leader Asean (Associazione dei Paesi del sud-est Asiatico) hanno preso le distanze dalla Cina, affermando l’importanza della libertà di navigazione e sorvolo nella regione. In un chiaro riferimento alle azioni cinesi, essi hanno espresso preoccupazione per le “appropriazioni territoriali, le attività di sviluppo e i ‘seri’ incidenti” nelle acque contestate.

Pechino ha risposto dicendosi disponibile a riprendere i negoziati per la definizione di un codice di condotta per il Mar Cinese meridionale, ma senza indicare una data precisa. Nel frattempo, il gigante asiatico usa le esercitazioni in corso per mostrare la propria forza alle altre parti e imporre la propria sovranità nell’area. Analisti notano che le manovre militari nelle Paracel – rivendicate anche da Vietnam e Taiwan – hanno carattere anfibio, e simulano la conquista e il successivo controllo di un’isola dell’area.

Secondo resoconti di stampa, la Marina cinese condurrà una seconda esercitazione in agosto nei pressi delle isole Pratas, controllate da Taipei. Per rafforzare le difese di questi atolli, sorvegliati al momento solo da unità della guardia costiera taiwanese, il governo di Tsai Ing-wen ha inviato nei giorni scorsi un distaccamento di marine.

A sostegno delle posizioni di Taiwan e dei Paesi Asean coinvolti nelle dispute territoriali con la Cina, gli Stati Uniti hanno schierato nel Mar delle Filippine due portaerei con i rispettivi gruppi di combattimento. La Marina Usa conduce regolarmente missioni per affermare la libertà di navigazione nel Mar Cinese meridionale, in quello orientale e nello Stretto di Taiwan.

Anche l’Australia si dice preoccupata per l’attivismo geopolitico di Pechino nella regione “Indo-Pacifica”. Al riguardo, Canberra ha annunciato ieri che spenderà 165 miliardi di euro nei prossimi 10 anni per la propria difesa, un incremento del 40% rispetto allo stanziamento precedente. Esso includerà anche l’acquisto dagli Usa di un sofisticato sistema missilistico a lunga gittata.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mar Cinese meridionale: Filippine e Indonesia appoggiano Washington contro Pechino
15/07/2020 12:26
Mar Cinese meridionale: È alta tensione tra Pechino e Washington
18/07/2020 11:27
L’Asean si distanza un po' di più dalla Cina
27/06/2020 10:48
Manila cambia idea e mantiene l’accordo militare con gli Usa
04/06/2020 12:04
Summit Asean, sul Mar cinese meridionale nessun accordo fra Usa e Cina
20/11/2012