27 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/08/2012, 00.00

    CINA

    Pena di morte per Gu Kailai. Sempre silenzio su Bo Xilai



    La sentenza è sospesa per due anni. Se Gu Kailai si comporterà bene, la condanna si tramuterà in ergastolo e forse potrà essere liberata per motivi medici. Due milioni di commenti sui blog cinesi. Quattro capi di dipartimento della polizia di Chongqing sono stati condannati alla prigione per aver nascosto le prove dell'assassinio di cui è responsabile Gu. La Gran bretagna apprezza che al processo non si faccia uso della pena di morte.

    Hefei (AsiaNews/Agenzie) - Gu Kailai, la moglie di Bo Xilai, ex capo di Chongqing caduto in disgrazia, è stata condannata alla pena di morte dalla corte dell'Anhui per l'uccisione del faccendiere britannico Neil Heywood. La sentenza però è sospesa per due anni. Ancora una volta né i media, né la corte hanno citato il nome del marito, che fino a pochi mesi fa era considerato uno dei possibili candidati al Comitato permanente del Politburo, la cupola del potere in Cina.

    La sospensione di due anni della sentenza indica che se Gu si comporterà bene, la pena di morte si tramuterà in carcere a vita e forse anche ridotta, fino a liberarla dopo alcuni anni.

    Al processo, celebrato in poche ore il 9 agosto scorso, Gu Kailai ha ammesso di aver avvelenato con cianuro Heywood, ma ha affermato di averlo fatto sotto un grande stress perché il faccendiere - che aveva collaborato per lavori poco chiari con la famiglia di Bo - aveva minacciato la vita del figlio Gu Guagua. Il domestico di Gu Kailai, che l'ha aiutata nell'assassinio, è stato condannato a 9 anni di prigione.

    Il verdetto su Gu chiude uno degli scandali più intricati nella storia del Partito comunista, a poche settimane dal Congresso che dovrebbe portare alle dimissioni di Hu Jintao e Wen Jiabao e al varo della Quinta generazione dei leader, con Xi Jinping e Li Keqiang come nuovi presidente e premier. Insieme, il Congresso dovrebbe portare alla ristrutturazione del numero dei componenti del Politburo. La caduta di Bo, anch'egli leader della Quinta generazione, è segno di una potente lotta di potere all'interno del Partito. Allo stesso tempo, la condanna di Gu Kailai senza implicare per nulla suo marito Bo - nella collaborazione all'assassinio, nel nascondimento del fatto, nella collaborazione economica corrotta con lo stesso ucciso - è un tentativo del Partito di salvare un minimo di dignità in un periodo di forti scandali e di disprezzo da parte della popolazione.

    Non appena è girata la notizia della condanna di Gu, i blog cinesi si sono ripieni di oltre 2 milioni di commenti, criticando la sospensione della sentenza, primo passo verso la sua liberazione, magari per motivi medici. Come al tempo del processo, tutte le notizie che esplicitamente parlano di Gu e di Bo sono censurate.

    Al processo contro Gu erano stati ammessi due diplomatici britannici. L'ambasciata della Gran Bretagna  a Pechino ha diramato un messaggio in cui essa applaude al fatto che "le autorità cinesi hanno investigato nella morte di Neil Heywood e processato coloro che sono stati identificati come responsabili".

    Il messaggio sottolinea che la Gran Bretagna ha "reso chiaro con forza alle autorità cinesi che noi volevamo assistere a un processo conforme agli standard internazionali sui diritti umani e che non volevamo che fosse applicata la pena di morte".

    Intanto, in un altro processo celebrato il 10 agosto, quattro capi di dipartimento della polizia di Chongqing sono stati processati per aver nascosto prove dell'assassinio di Heywood. Anche qui non è stato citato il nome di Bo Xilai, al tempo potente capo carismatico di Chongqing. I poliziotti sono stati condannati a pene da 5 a 11 anni di prigione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/09/2012 CINA
    Il Partito espelle Bo Xilai e annuncia il suo processo
    Una nota della Xinhua conferma: “Ha creato scandali enormi e danni alla reputazione del Partito e dello Stato”. Un patologo mette in dubbio la ricostruzione dell’omicidio del faccendiere britannico, mentre la leadership annuncia: “L’8 novembre ci sarà il Congresso generale”.

    06/09/2012 CINA
    Pubbliche accuse contro Wang Lijun. Ancora silenzio su Bo Xilai
    Il già potente ex capo della polizia di Chongqing è accusato di fuga, abuso di potere, nascondere prove e corruzione. Pur essendo stato stretto collaboratore di Bo Xilai, il nome di quest'ultimo non viene fatto in relazione a a nessuna accusa. Grazie a Wang i è scoperto l'intrigo dell'uccisione del faccendiere Heywood. Ma il Partito lo accusa di "tradimento", forse proprio perché a reso pubblico il marciume della leadership.

    27/07/2012 CINA
    La moglie di Bo Xilai rischia la pena di morte (o forse solo qualche anno di prigione)
    I giornali riportano la notizia dell'incriminazione senza alcun commento. I blog popolari sono oscurati. Il giornale vicino al Quotidiano del popolo esalta la "giustizia uguale per tutti", ma è molto probabile che Gu Kailai sfugga alla pena di morte.

    17/08/2012 CINA
    Veloce verdetto per Gu Kailai il 20 agosto. Si prepara il Congresso del Partito comunista
    Gu Kailai ha confessato l'assassinio del faccendiere Nei Heywood, con una scusante: era preoccupata per la vita del figlio. Forse sfuggirà alla pena di morte. Nel processo il Partito cerca di salvare se stesso: nessuno ha pronunciato il nome di Bo Xilai, il capo decaduto di Chongqing. Intanto si prepara il 18mo Congresso del Partito comunista. Sicurezza nella capitale assicurata da oltre 27 mila soldati e dal "pugno di ferro" della polizia.

    20/09/2012 CINA
    L'ombra di Bo Xilai nel processo a Wang Lijun
    Un resoconto della Xinhua cita - di traverso - l'ex capo del Partito di Chongqing, al quale Wang Lijun aveva comunicato i suoi sospetti sulla moglie, assassina del faccendiere Heywood. E Bo ha preso a schiaffi Wang. Forse a breve ci sarà un processo contro Bo. La data del Congresso non è stata ancora comunicata.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®