18/01/2019, 13.10
VIETNAM
Invia ad un amico

Per i disabili di Huế non solo aiuti, ma amore e attenzione dei cattolici

di Paul Nguyen Hung

Operatori sociali e membri della Caritas diocesana impegnati contro la discriminazione sociale. Preparati con nozioni di base, i “volontari della comunità” introducono al lavoro persone povere e abbandonate. Vicario di Thủy Yên: “Siete segno dell'amore di Dio e della presenza della Chiesa”.

Hanoi (AsiaNews) – I disabili hanno “bisogno non solo di denaro e cose materiali ma anche di amore, premure e attenzioni”. Lo afferma p. Peter Huỳnh Trọng, vicario di Thủy Yên e coordinatore delle attività sociali e caritatevoli nel distretto di Hải Vân (diocesi di Huế). In occasione di un incontro con i volontari alle iniziative della Caritas diocesana, il sacerdote dichiara: “Nella società, vi sono molti poveri, malati, disabili. Cari fratelli e sorelle, stiamo praticando attività caritatevoli e sociali con la coscienza di essere cristiani. Quindi voi siete segno dell'amore di Dio e della presenza della Chiesa tra queste persone infelici”.

Nelle province di Thừa Thiên–Huế e Quảng Trị, comprese nel territorio della diocesi centro-settentrionale, i cattolici sono quasi 70mila, ovvero il 4% di una popolazione di 1,75 milioni di persone. Secondo le ultime statistiche, solo nella prima delle due province, le persone con disabilità sono circa 40mila. La maggior parte di loro vive in condizioni economiche precarie e accede con difficoltà ai servizi di formazione e assistenza sanitaria.

Operatori sociali e membri della Caritas diocesana sono impegnati nel contrasto alla discriminazione sociale che colpisce i disabili, sia nel contesto urbano che in quello rurale. Per promuovere l’autosufficienza degli invalidi e delle loro famiglie, dal 2009 il braccio umanitario della diocesi di Huế ha consolidato la rete delle parrocchie, formando volontari a livello locale.

In previsione del Tết Nguyên Đán, celebrazione che in Vietnam apre il Nuovo Anno lunare (5 febbraio), Caritas Huế sta lavorando con le parrocchie per incoraggiare i cattolici a visitare, sostenere e donare ai meno fortunati. Nel 2018, le nove parrocchie del distretto di Hải Vân hanno assistito 135 persone con disabilità.

Al momento, Caritas Huế lavora all’integrazione dei disabili, cattolici e non, con nove centri del territorio nelle rispettive comunità. Nelle parrocchie di Phước Tượng, Chánh Xuân, Thủy Yên, Thừa Lưu e Truồi operano 24 collaboratori, che prendono parte a piccoli progetti. Questi “volontari della comunità” sono preparati con nozioni di base in materia di assistenza sociale. Queste consentono loro di introdurre al lavoro persone abbandonate o molto povere. Lo scorso anno, la Caritas diocesana ha organizzato un incontro tra i volontari e 65 disabili, al fine di confrontarsi su esperienze ed iniziative.

P. Anthony Nguyễn Ngọc Hà, responsabile della Caritas diocesana, dichiara: “Abbiamo bisogno di cooperazione e supporto da parte di parrocchie e comunità locali. Pertanto, il ruolo dei collaboratori e dei giovani volontari è fondamentale”. Thomas Hoàng Kim Khánh, a capo della divisione per i disabili, afferma: “Anche se solo nove parrocchie su 19 hanno preso parte alle attività caritatevoli, i volontari hanno lavorato duramente e dimostrato amore, creando buone condizioni per aiutare le persone a risollevarsi nella loro vita”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vinh, festa per i disabili in ogni provincia della diocesi
19/11/2018 10:32
Volontari di Caritas Hanoi contro le disuguaglianze sociali
26/02/2019 15:36
Bangladesh: la Caritas in soccorso dei malati di Hiv, rifiutati dalla società
04/12/2015
Giovani e volontari di Caritas Hanoi portano 'i frutti della Quaresima' agli emarginati
05/04/2019 11:18
A Phan Thiet conquistato maggior rispetto per i diritti dei cattolici
05/12/2006