25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/08/2007
CINA
Per le Olimpiadi in aumento gli abusi contro i diritti umani
E’ il timore di Hrw e di Amnesty International. Per i Giochi sono stati sventrati quartieri e cacciati i proprietari, sfruttati gli operai migranti. A Pechino attivisti di Reporters Sans Frontiéres denunciano la censura e sono arrestati. Si teme che la Cina inasprisca il controllo sociale, per offrire al mondo una vetrina perfetta nascondendo i problemi.

Pechino (AsiaNews/Hrw) –Una censura più stretta sui media e su internet, attivisti detenuti, repressione delle minoranze tibetana e uighuri, sacerdoti in carcere, abusi continui su lavoratori e migranti, la polizia che disperde con la forza pacifiche proteste… A un anno dall’inizio delle Olimpiadi di Pechino, Human Rights Watch denuncia che in Cina non c’è maggior rispetto dei diritti umani. A Pechino ieri sono arrestati per ore gli attivisti di Reporters Sans Frontiéres che hanno protestato, durante una conferenza stampa sui Giochi, che non c’è la promessa libertà di stampa, che la censura sui media è aumentata, che i giornalisti esteri debbono chiedere il permesso per lasciare la loro base (a Pechino o a Shanghai) e potranno muoversi con maggiore libertà solo da agosto ad ottobre 2008.

Gli attivisti sono stati privati dei documenti e trattenuti per ore dalla polizia in un parcheggio, poi rilasciati senza spiegazioni. Brad Adams, direttore per l’Asia di Hrw, dice che “il tentativo del governo cinese di intimidire e imprigionare i giornalisti esteri che fanno il loro lavoro, mostra il disprezzo degli ideali olimpici”.

Scegliendo Pechino per i 29mi Giochi Olimpici, il Comitato olimpico internazionale (Cio) ha detto che questo avrebbe lasciato “un’eredità unica per la Cina e per lo sport”. Ma ormai tutti si chiedono se le Olimpiadi saranno un evento per la popolazione o solo una vetrina per chi comanda. Hrw ricorda gravi violazioni dei diritti umani, alcune causate proprio dalle Olimpiadi.

Espropri forzati e scuole sbarrate. Per realizzare gli avveniristici impianti sportivi e rifare interni quartieri, a Pechino e in altre città sono state espropriate e cacciate con  la forza decine di migliaia di persone, spesso senza adeguato indennizzo o una nuova abitazione. Interi quartieri sono stati sventrati. Per abbellire la città sono state chiuse decine di scuole non autorizzate per figli di operai migranti, che spesso non hanno altre possibilità di istruzione.

Abusi dei diritti dei lavoratori. Migliaia di migranti lavorano anche di notte per le nuove opere, per paghe minime senza giorni di riposo né assicurazione sul lavoro.

Repressione delle minoranze etniche. Non ha soste l’annichilamento dei buddisti tibetani e degli uighuri dello Xinjiang, anche tramite la continua emigrazione nelle regioni di etnici han che occupano posti di potere e commerci. Nello Xinjiang c’è una politica di repressione e di terrore verso gli islamici uighuri, con condanne a morte e immediate esecuzioni, giustificate quale lotta contro il terrorismo. Nel Tibet  monaci e suore sono imprigionati con l’accusa di separatismo.

Controllo sulla libertà religiosa. La professione di una fede religiosa è ammessa solo all’interno delle organizzazioni religiose ufficiali, controllate dallo Stato. Per chi non vi aderisce sono frequenti il carcere e periodi di “rieducazione”.

Pena di morte. Il dato ufficiale è “segreto di Stato”, ma si stimano esserci almeno 10mila esecuzioni capitali l’anno. La pena di morte è prevista per almeno 68 reati, molti dei quali ideologici. Spesso gli accusati non possono avere adeguata difesa, i processi avvengono a porte chiuse, molte condanne sono basate su “confessioni” estorte con la tortura.

Persecuzioni contro attivisti per i diritti umani. Minacce, carcere e arresti domiciliari “illegali” sono frequenti per chi difende i diritti umani o critica il governo. Hrw teme che le Olimpiadi potranno significare, per costoro, arresti “preventivi” da settimane e mesi prima.

Collaborazione con governi violenti. Pechino ha stretti rapporti con governi boicottati dall’intero mondo democratico perché violano i diritti elementari della popolazione. Tra essi il Sudan criticato per il massacro nel Darfur, il Myanmar la cui giunta militare reprime qualsiasi libertà civile.

Adams commenta che “il governo cinese non deve sprecare questa occasione unica di dimostrare al mondo l’effettiva volontà di migliorare il rispetto dei diritti”.

Anche Amnesty International ha pubblicato un rapporto che denuncia la perdurante persecuzione contro media e attivisti dei diritti e la violazione dei diritti umani, con “la polizia che usa il pretesto dei Giochi per effettuare maggiori detenzioni senza processo”.

Alle molte accuse Jiang Xiaoyu, vicepresidente del Comitato organizzatore dei Giochi, risponde soltanto la “ferma opposizione alla politicizzazione delle Olimpiadi, perché non corrisponde allo spirito olimpico”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/08/2007 CINA
Han Dongfang: le Olimpiadi e la giustizia sul lavoro
21/07/2008 CINA
Pechino prima delle Olimpiadi, sforzo finale contro inquinamento e petizioni
15/07/2008 CINA
Pechino, città quasi “militarizzata” per le Olimpiadi
30/07/2008 CINA
Il Comitato Olimpico internazionale si scusa: abbiamo “ingannato” la stampa
04/08/2008 CINA
Un cielo azzurro a Pechino, su dimostranti percossi e attivisti arrestati
Articoli del dossier
CINA
Pechino 2008: Lettera aperta di 37 intellettuali e attivisti sulle Olimpiadi e i diritti umani
CINA
Pechino teme più lo smog che le critiche sui diritti umani
CINA
Perché le Olimpiadi di Pechino non siano una farsa
CINA
Una campagna di “buona educazione” per dimostrare che Pechino è una grande metropoli
CINA
Investimenti e disastri ambientali: i due volti delle Olimpiadi
CINA
Verso le Olimpiadi: avvocato dissidente pestato dalla polizia e arrestato

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate