26/02/2011, 00.00
CINA – LIBIA

Pesanti perdite per le ditte cinesi attive in Libia

Decine di progetti per miliardi di dollari, dalle ferrovie alle telecomunicazioni e 36mila lavoratori cinesi presenti in Libia. La sommossa nel Paese causa grandi danni alle ditte cinesi, abituate a fare affari con governi dittatoriali senza pensare ai possibili rischi.
Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Le rivolte in Libia hanno travolto le molte attività di ditte cinesi, impegnate a realizzare opere per miliardi di euro per lo sfruttamento dei giacimenti di petrolio e la realizzazione di infrastrutture. Il ministro cinese per il Commercio ha detto sul proprio sito web che al 24 febbraio erano stati “attaccati e devastati” 27 cantieri e stabilimenti cinesi: unità dell’esercito e gruppi di ribelli hanno attaccato edifici, distrutto veicoli e macchinari, rubato denaro e quant’altro potevano.

Con la Libia, 3° maggior produttore di petrolio e 4° maggior produttore di gas naturale africano, la Cina è dal 2009 il 1° partner commerciale, con scambi complessivi di 6,6 miliardi di dollari nel 2010. Ha investimenti diretti per oltre 9 miliardi di dollari, nel 2010 ha importato circa 7,4 tonnellate di greggio, pari a circa 150mila barili al giorno.

Nel Paese erano presenti circa 36mila lavoratori cinesi, impegnati in decine di progetti per un valore complessivo di molti miliardi di dollari: la China National Petroleum cerca giacimenti e realizza oleodotti, la China Communication Construction e la China Railway Construction Corporation progettano e costruiscono linee ferroviarie, la China Civil Engineering Construction cura un progetto di irrigazione nel Sahara orientale, la China Gezhouba Group edifica abitazioni in 5 città meridionali, la Huawei Technologies realizza infrastrutture per la telefonia mobile, e l’elenco può proseguire.

Ora i lavoratori cinesi sono in fuga, molti sono fuggiti a piedi dai loro insediamenti distrutti. Ieri Pechino aveva già fatto partire 12mila persone, mandando persino una fregata, di stanza con la flotta presente nel Golfo di Aden, ad aiutare e proteggere le navi  impegnate nell’evacuazione.

La Cina da decenni persegue in Africa una politica spregiudicata, concludendo affari anche con governi dittatoriali, spesso sotto embargo da parte della gran parte degli Stati. Pechino non si limita ad acquistare energia e materie prime, senza preoccuparsi se il prezzo pagato sarà usato per il bene della popolazione o arricchirà il gruppo di potere. In genere concede anche finanziamenti per realizzare edifici e infrastrutture, purché la realizzazione sia poi affidata a proprie ditte.

Lo stesso ha fatto con la Libia. Cosa che ora è costata alle sue aziende, peraltro in gran parte statali, pesanti perdite economiche.

Zheng Wei, professore del dipartimento di Gestione del rischio ed assicurazione presso la Scuola di economia dell’università Peking, osserva che “è una lezione importante per il governo cinese. La Cina deve imparare a considerare i rischi politici globali”.

Esperti osservano che molte attività cinesi in Africa sono fondate sulla personale conoscenza e collaborazione con regimi autoritari. Per cui sono molto vulnerabili a possibili rovesciamenti o cambiamenti di governo.

“Il governo – conclude Zheng – non dovrebbe incoraggiare le compagnie a investire, dovrebbe chiedere una maggior cura e attenzione ai fattori di rischio”. Le ditte cinesi sono molto presenti in altri Paesi con regimi criticati e ritenuti dittatoriali, come Zimbabwe, Angola e Sudan.
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pescatori contro la città portuale di Colombo: Se il progetto salta, pagheremo le perdite (Foto)
07/04/2016 11:23
Convoglio Onu porta cibo nella regione controllata dalle Tigri, sotto attacco
03/10/2008
Dopo 60 anni le ditte cinesi tornano ad investire a Taiwan
01/07/2009
Lotta all’inquinamento: sanzioni di Pechino a due multinazionali
18/09/2007
Sottopagati i lavoratori cinesi di McDonald's, Kentucky Fried Chicken e Pizza-Hut
29/03/2007