28 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/02/2011, 00.00

    CINA – LIBIA

    Pesanti perdite per le ditte cinesi attive in Libia



    Decine di progetti per miliardi di dollari, dalle ferrovie alle telecomunicazioni e 36mila lavoratori cinesi presenti in Libia. La sommossa nel Paese causa grandi danni alle ditte cinesi, abituate a fare affari con governi dittatoriali senza pensare ai possibili rischi.
    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Le rivolte in Libia hanno travolto le molte attività di ditte cinesi, impegnate a realizzare opere per miliardi di euro per lo sfruttamento dei giacimenti di petrolio e la realizzazione di infrastrutture. Il ministro cinese per il Commercio ha detto sul proprio sito web che al 24 febbraio erano stati “attaccati e devastati” 27 cantieri e stabilimenti cinesi: unità dell’esercito e gruppi di ribelli hanno attaccato edifici, distrutto veicoli e macchinari, rubato denaro e quant’altro potevano.

    Con la Libia, 3° maggior produttore di petrolio e 4° maggior produttore di gas naturale africano, la Cina è dal 2009 il 1° partner commerciale, con scambi complessivi di 6,6 miliardi di dollari nel 2010. Ha investimenti diretti per oltre 9 miliardi di dollari, nel 2010 ha importato circa 7,4 tonnellate di greggio, pari a circa 150mila barili al giorno.

    Nel Paese erano presenti circa 36mila lavoratori cinesi, impegnati in decine di progetti per un valore complessivo di molti miliardi di dollari: la China National Petroleum cerca giacimenti e realizza oleodotti, la China Communication Construction e la China Railway Construction Corporation progettano e costruiscono linee ferroviarie, la China Civil Engineering Construction cura un progetto di irrigazione nel Sahara orientale, la China Gezhouba Group edifica abitazioni in 5 città meridionali, la Huawei Technologies realizza infrastrutture per la telefonia mobile, e l’elenco può proseguire.

    Ora i lavoratori cinesi sono in fuga, molti sono fuggiti a piedi dai loro insediamenti distrutti. Ieri Pechino aveva già fatto partire 12mila persone, mandando persino una fregata, di stanza con la flotta presente nel Golfo di Aden, ad aiutare e proteggere le navi  impegnate nell’evacuazione.

    La Cina da decenni persegue in Africa una politica spregiudicata, concludendo affari anche con governi dittatoriali, spesso sotto embargo da parte della gran parte degli Stati. Pechino non si limita ad acquistare energia e materie prime, senza preoccuparsi se il prezzo pagato sarà usato per il bene della popolazione o arricchirà il gruppo di potere. In genere concede anche finanziamenti per realizzare edifici e infrastrutture, purché la realizzazione sia poi affidata a proprie ditte.

    Lo stesso ha fatto con la Libia. Cosa che ora è costata alle sue aziende, peraltro in gran parte statali, pesanti perdite economiche.

    Zheng Wei, professore del dipartimento di Gestione del rischio ed assicurazione presso la Scuola di economia dell’università Peking, osserva che “è una lezione importante per il governo cinese. La Cina deve imparare a considerare i rischi politici globali”.

    Esperti osservano che molte attività cinesi in Africa sono fondate sulla personale conoscenza e collaborazione con regimi autoritari. Per cui sono molto vulnerabili a possibili rovesciamenti o cambiamenti di governo.

    “Il governo – conclude Zheng – non dovrebbe incoraggiare le compagnie a investire, dovrebbe chiedere una maggior cura e attenzione ai fattori di rischio”. Le ditte cinesi sono molto presenti in altri Paesi con regimi criticati e ritenuti dittatoriali, come Zimbabwe, Angola e Sudan.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/02/2011 LIBIA-CINA
    Pechino organizza l’esodo dalla Libia dei 33mila cinesi. Anche quelli di Taiwan
    Aerei, navi da carico e pescherecci stanno dirigendosi verso i porti libici per provvedere all’evacuazione dei cittadini cinesi che vivono e lavorano nel Paese nordafricano. In fuga anche i lavoratori tunisini, turchi e di altre nazionalità.

    24/08/2011 CINA – LIBIA
    La caduta di Gheddafi mette a rischio gli investimenti cinesi in Libia
    I ribelli fanno marcia indietro sul rinnovo dei contratti petroliferi con Pechino. L’accusa è aver ostacolato la caduta di Gheddafi.

    22/02/2011 LIBIA-CINA
    La Lunga Marcia nel deserto libico di mille operai cinesi per raggiungere Tripoli
    Operai e impiegati di un’impresa edile cinese sono stati aggrediti nella città di Ajdabiyah da uomini armati che hanno portato via tutto, computer e bagagli, e stanno cercando di raggiungere a piedi la capitale per rientrare in patria. Saccheggi e aggressioni anche a cantieri e persone della Corea del Sud e del Bangladesh.

    18/09/2007 CINA
    Lotta all’inquinamento: sanzioni di Pechino a due multinazionali
    Controlli a sorpresa scoprono che due importanti ditte estere scaricano sostanze inquinanti. Pechino le multa e ne limita la produzione e promette “tolleranza zero” verso chiunque. Per la prima volta riscontrata una limitata diminuzione dell’inquinamento nell’aria e nell’acqua.

    02/02/2007 CINA
    Le ditte occidentali pagano ispettori privati per tutelare i lavoratori
    Paghe inferiori al minimo, straordinario non retribuito, mancanza di misure di sicurezza sono gli aspetti dello sfruttamento dei lavoratori nelle fabbriche cinesi subcommittenti delle multinazionali occidentali, che gli ispettori statali non combattono.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®