1 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/08/2012
FILIPPINE
Piogge torrenziali sommergono Manila. Otto morti
In alcune aree del centro l'acqua ha superato i tre metri. Decine di migliaia di sfollati. Il governo chiude scuole, uffici pubblici e la borsa. A Quezon City esonda la diga di La Mesa e spazza via interi quartieri. L'alluvione segue il passaggio del tifone Saola.

Manila  (AsiaNews/ Agenzie) -  Piogge torrenziali continuano ad abbattersi sulla costa occidentale delle Filippine dopo il passaggio del tifone Saola, costato 51 morti. Questa mattina, una forte alluvione ha colpito l'isola di Luzon e la capitale Manila. Il bilancio parziale è di otto morti. In alcune aree del centro storico l'acqua ha superato i tre metri. Decine di migliaia di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni. Oggi, il governo ha chiuso tutte le scuole e gli edifici pubblici, compresa la borsa. In queste ore i soccorsi sono impegnati a salvare migliaia di persone rimaste bloccate tutta la notte dentro le loro automobili e camion. Fino ad ora non vi sono ancora notizie di morti, feriti o dispersi.

La situazione più grave si è verificata vicino alla diga di La Mesa (Quezon City), che fornisce energia elettrica a tutta la capitale. Dopo 24 ore di piogge, questa mattina il bacino è straripato spazzando via interi quartieri come Malabaon, Valenzuela e Caloocan. Lungo il fiume Marikina, la polizia è impegnata da ore ad evacuare oltre 5mila residenti delle baraccopoli costruite sulle rive del corso d'acqua.

Oggi, Benigno Aquino, il presidente, ha chiesto ai soccorsi e ai membri del governo "il massimo impegno" per aiutare la popolazione colpita da alluvione e tifone. In aiuto alle squadre di soccorso l'esercito ha schierato centinaia di soldati, che hanno distribuito 200 gommoni e oltre 20 camion per trasportare beni di prima necessità.  

Ogni anno decine di tifoni colpiscono le Filippine, provocando morti e gravi danni a coltivazioni e infrastrutture. A fine settembre il passaggio del tifone Nesat ha fatto oltre 100 morti. Nel 2009, il Paese è stato messo in ginocchio dal passaggio della tempesta tropicale Ketsana e del tifone Parma che nella sola Manila hanno fatto oltre 1000 morti e 3 milioni di sfollati. Alcune zone della città e del nord delle Filippine sono rimaste allagate per mesi e a tutt'oggi patiscono ancora per i danni provocati dalla tempesta e dal tifone. 

Saola è il settimo di 20 tifoni e tempeste che secondo i meteorologi dovrebbero abbattersi sulle Filippine quest'anno.

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/08/2012 FILIPPINE
Manila, 16 morti e oltre 700mila sfollati per le alluvioni
17/12/2011 FILIPPINE
Tempesta tropicale a Mindanao: 143 morti e centinaia di dispersi
24/06/2011 FILIPPINE
Manila, 11 dispersi e 50mila sfollati per la tempesta tropicale Falcon
09/12/2004 FILIPPINE
Trovati vivi dopo 10 giorni sotto il fango dei tifoni
14/07/2010 FILIPPINE
Inizia la stagione dei tifoni nelle Filippine: 20 morti e decine dispersi

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate