25 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/08/2012
FILIPPINE
Piogge torrenziali sommergono Manila. Otto morti
In alcune aree del centro l'acqua ha superato i tre metri. Decine di migliaia di sfollati. Il governo chiude scuole, uffici pubblici e la borsa. A Quezon City esonda la diga di La Mesa e spazza via interi quartieri. L'alluvione segue il passaggio del tifone Saola.

Manila  (AsiaNews/ Agenzie) -  Piogge torrenziali continuano ad abbattersi sulla costa occidentale delle Filippine dopo il passaggio del tifone Saola, costato 51 morti. Questa mattina, una forte alluvione ha colpito l'isola di Luzon e la capitale Manila. Il bilancio parziale è di otto morti. In alcune aree del centro storico l'acqua ha superato i tre metri. Decine di migliaia di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni. Oggi, il governo ha chiuso tutte le scuole e gli edifici pubblici, compresa la borsa. In queste ore i soccorsi sono impegnati a salvare migliaia di persone rimaste bloccate tutta la notte dentro le loro automobili e camion. Fino ad ora non vi sono ancora notizie di morti, feriti o dispersi.

La situazione più grave si è verificata vicino alla diga di La Mesa (Quezon City), che fornisce energia elettrica a tutta la capitale. Dopo 24 ore di piogge, questa mattina il bacino è straripato spazzando via interi quartieri come Malabaon, Valenzuela e Caloocan. Lungo il fiume Marikina, la polizia è impegnata da ore ad evacuare oltre 5mila residenti delle baraccopoli costruite sulle rive del corso d'acqua.

Oggi, Benigno Aquino, il presidente, ha chiesto ai soccorsi e ai membri del governo "il massimo impegno" per aiutare la popolazione colpita da alluvione e tifone. In aiuto alle squadre di soccorso l'esercito ha schierato centinaia di soldati, che hanno distribuito 200 gommoni e oltre 20 camion per trasportare beni di prima necessità.  

Ogni anno decine di tifoni colpiscono le Filippine, provocando morti e gravi danni a coltivazioni e infrastrutture. A fine settembre il passaggio del tifone Nesat ha fatto oltre 100 morti. Nel 2009, il Paese è stato messo in ginocchio dal passaggio della tempesta tropicale Ketsana e del tifone Parma che nella sola Manila hanno fatto oltre 1000 morti e 3 milioni di sfollati. Alcune zone della città e del nord delle Filippine sono rimaste allagate per mesi e a tutt'oggi patiscono ancora per i danni provocati dalla tempesta e dal tifone. 

Saola è il settimo di 20 tifoni e tempeste che secondo i meteorologi dovrebbero abbattersi sulle Filippine quest'anno.

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/08/2012 FILIPPINE
Manila, 16 morti e oltre 700mila sfollati per le alluvioni
17/12/2011 FILIPPINE
Tempesta tropicale a Mindanao: 143 morti e centinaia di dispersi
24/06/2011 FILIPPINE
Manila, 11 dispersi e 50mila sfollati per la tempesta tropicale Falcon
09/12/2004 FILIPPINE
Trovati vivi dopo 10 giorni sotto il fango dei tifoni
14/07/2010 FILIPPINE
Inizia la stagione dei tifoni nelle Filippine: 20 morti e decine dispersi

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate