16/02/2011, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Politici cristiani nepalesi chiedono al premier Khanal terre per seppellire i morti

di Kalpit Parajuli
I rappresentanti delle comunità cristiane vogliono un intervento diretto del premier per risolvere il contrasto tra cristiani e indù sul cimitero vicino al tempio di Pashupati. Leader cristiano: “Se non ci daranno una terra dove seppellire i nostri morti chiederemo le dimissioni di Khanal”.
Kathmandu (AsiaNews) – Politici cristiani nepalesi chiedono al nuovo primo ministro Jhala Nath Khanal di gestire di persona il contrasto in corso sul cimitero vicino al tempio indù di Pashupati (nella foto) e minacciano di non appoggiare il governo in caso di rifiuto.

Questa mattina, circa 180 rappresentanti delle comunità cristiane di 63 distretti si sono riuniti a Kathmandu per scrivere un memorandum da consegnare al premier e alle associazioni per i diritti umani nazionali e internazionali.

“Se non ci daranno una terra dove seppellire i nostri morti chiederemo le dimissioni di Khanal”, afferma C.B. Gahatraj, segretario generale del Comitato cristiano per la nuova costituzione (Christian Advising Committee for the New Costitution – Cacnc).  "Siamo nepalesi – continua - e il governo non può intervenire nella nostra tradizione presentando istanze che favoriscono solo gli indù". 

In questi anni, la speculazione edilizia a Kathmandu ha ridotto le aree per la sepoltura e i costi dei terreni liberi sono così alti che nessuna delle comunità cristiane può acquistarli. Costretti a utilizzare una tomba per più corpi, cristiani, musulmani, baha’i e indigeni hanno chiesto al governo centrale di concedere a basso costo delle aree da adibire a cimitero. 

In contrasto con le autorità locali e con la comunità indù il governo ha concesso uno spazio nella foresta adiacente al tempio indù di Pashupati, luogo sacro per l’induismo e patrimonio dell’Unesco. Ciò ha scatenato le proteste degli indù e costretto il governo locale a vietare l’utilizzo della zona. Di recente il divieto è stato tolto, ma a tutt’oggi polizia e autorità del tempio impediscono, anche con la violenza le sepulture, che dannegerebbero il sito.   

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kathmandu, sepolture dei non indù ancora vietate dopo il si del governo
01/02/2011
Kathmandu, al via una commissione speciale per dare un cimitero ai cristiani
21/03/2013
Cristani in sciopero della fame, chiedono un posto per seppellire i morti
04/11/2011
Kathmandu: Sì ai cimiteri cristiani e musulmani. Protestano gli indù
28/01/2011
Kathmandu: nessuno spazio per seppellire i morti cristiani e musulmani
22/02/2010