27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/06/2014, 00.00

    BANGLADESH

    Povertà e analfabetismo, le prime cause del traffico di bambini in Bangladesh

    Sumon Corraya

    In un seminario Ong nazionali e internazionali hanno presentato la situazione del traffico di esseri umani. Nella maggior parte dei casi le vittime finiscono nel giro della prostituzione, o sono usati per la compravendita di organi.

    Dhaka (AsiaNews) - Povertà, analfabetismo e disinformazione: sono questi i fattori che alimentano il traffico di esseri umani - in particolare bambini e donne - in Bangladesh. La denuncia arriva da Ong nazionali (World Vision Bangladesh, Bangladesh Sishu Adhkur Foundation) e internazionali (Terre Das Homes Netherlands), che hanno organizzato un seminario a Dhaka per fare il punto della situazione e sviluppare nuove strategie per combattere questo fenomeno.

    Il sud del Paese è l'area dove il traffico umano è più diffuso e dove per questo le Ong sono più attive. Chandan Z. Gomes, cattolico e direttore di World Vision Bangladesh, spiega che "la maggior parte dei bambini finisce nel giro della prostituzione in India, Pakistan, Nepal e altri Paesi limitrofi. Altri invece vengono usati per il traffico di organi".

    La dott.ssa Ishrat Shamim, del Dipartimento di sociologia dell'università di Dhaka, ha illustrato alcune statistiche. "Tra il 2001 e il 2007 - ha sottolineato - circa 1.618 bambini sono caduti vittime del traffico. Di questi 825 erano maschi e 793 femmine. In linea generale il numero si è ridotto nel corso degli anni. In Bangladesh i bordelli conosciuti sono 13: il 42% delle donne e dei bambini che vi lavorano hanno iniziato tra i 13 e i 17 anni.

    Per proteggere i minori dal traffico, World Vision e Caritas Bangladesh cercano di attuare programmi di sensibilizzazione e istruzione nelle zone più a rischio, in particolare quelle che si trovano lungo i confini.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/02/2015 BANGLADESH
    Prostituzione e lavori forzati: la tratta di esseri umani in Bangladesh
    Il Paese asiatico è sia fonte che luogo di transito per le vittime. I casi di donne e bambini sono i più documentati, ma anche gli uomini vengono coinvolti. I maschi cadono nel racket a meno di 10 anni, le femmine tra gli 11 e i 16. Una parte dei trafficati è destinato ai Paesi del Golfo. Il lavoro di Caritas Bangladesh.

    12/12/2009 CINA
    Shenzhen, in aumento i rapimenti di bambini. Almeno 23 casi nel 2009
    I sequestri colpiscono soprattutto bambini tra 9 e 11 anni. Spesso le vicende ci concludono con l’uccisione delle piccole vittime. La polizia non rivela l’esatto numero dei casi per non gettare nel panico la popolazione. Ma il ministero della Pubblica sicurezza parla di almeno 30mila rapimenti di bambini ogni anno.

    20/03/2015 NEPAL
    Nepal, la tratta di esseri umani fa "sparire" migliaia di donne
    Uno studio effettuato dal distretto di Kailali riporta dei dati allarmanti. Secondo Kamala Bhatta, della polizia nepalese, ogni anno "scompaiono 5mila donne a causa del traffico di organi e per lo sfruttamento della prostituzione". Spesso sono le stesse famiglie povere a vendere le donne. L'attivista cattolica Rupa Rai: "Il governo deve affrontare con serietà il problema".

    15/07/2010 INDIA
    India, centro mondiale per il traffico di esseri umani
    Ogni anno oltre 1,2 milioni di minori vittime del racket della prostituzione. Oltre 100 milioni le persone costrette a lavorare in condizioni di schiavitù. Il turismo sessuale resta la principale fonte di profitto. Fino a 2.500 dollari per una notte con una bambina di pelle chiara. Un miliardo di dollari il valore del giro d’affari nel 2009, il 30% in più rispetto agli anni precedenti.

    16/06/2009 CINA
    “Modernizzazione” a Pechino: pena di morte per iniezione letale e non col colpo in testa
    L’iniezione letale è considerata “più umana” e “più moderna” e toglie "la paura e il dolore" ai condannati. I dati ufficiali parlano di 1700 condanne a morte nel 2008, più del 70% di tutte le esecuzioni nel mondo. Attivisti accusano le autorità carcerarie di usare le salme dei condannati a morte nel traffico di organi.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®