19 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/07/2012
INDIA
Pranab Mukherjee è il nuovo presidente dell’India
Il candidato del Congress ha sconfitto P A Sangma (appoggiato dall’opposizione) con il 69,31% dei voti. Politico esperto ed ex ministro delle Finanze, la vittoria di Mukherjee è considerata fondamentale in vista delle elezioni generali del 2014.

Mumbai (AsiaNews/Agenzie) - Pranab Mukherjee è il nuovo presidente dell'India. Il candidato della United Progressive Alliance (Upa, coalizione di governo) ha vinto le elezioni con il 69,31%, battendo in modo netto P A Sangma, politico cristiano appoggiato dal Bharatiya Janata Party (Bjp, partito ultranazionalista indù), che ha ottenuto solo il 30,69% delle preferenze. Tra due giorni, Mukherjee salirà a Raisina Hill, l'area di New Delhi dove si trova la residenza ufficiale, per prestare giuramento come 13mo presidente dell'India e iniziare i suoi cinque anni di mandato.

Le elezioni presidenziali si basano sui voti di un collegio elettorale, composto da membri di parlamento e assemblee dei diversi Stati. In numeri assoluti, Pranab Mukherjee ha portato a casa 713.937 voti su oltre 1 milione [di voti] validi, confermando i pronostici della vigilia. Eppure, qualcosa di anomalo si è verificato anche in questa vittoria (quasi) annunciata: il Karnataka, Stato guidato dal Bjp, ha "scelto" Mukherjee invece di Sangma. Il primo ha infatti ottenuto 117 voti (53%), mentre il secondo solo 103. Il Bjp ha annunciato di voler scoprire chi nel collegio "ha tradito" le promesse di voto, ma sarà difficile visto che lo scrutinio è segreto.

La vittoria di Mukherjee porta una ventata d'aria fresca per il Congress, negli ultimi mesi sempre più fiaccato da una serie di scandali legati al problema della corruzione, oltre che dalle difficoltà sul fronte economico. Pur essendo una figura per lo più formale, il presidente può avere un ruolo chiave in caso di crisi costituzionale: uno scenario che potrebbe profilarsi con le elezioni generali del 2014, dove nessun partito sembra poter vincere con una maggioranza assoluta.

Nel caso del neo-eletto presidente, il suo "peso" potrebbe essere ancora maggiore: ex ministro delle Finanze dell'attuale governo, già ministro della Difesa (2004-2006) e degli Affari esteri (2006-2009), Mukherjee è un politico esperto. Prima di lui, Raisina Hill ha accolto K R Narayanan (1997-2002), un ex diplomatico; Abdul Kalam (2002-2007), uno scienziato; Pratibha Patil (2007-2012), prima donna a essere eletta presidente dell'India. "Mukherjee - notano alcuni analisti - sarà presidente nell'era delle coalizioni. Egli è sulla scena già da 50 anni, e avrebbe potuto essere il nuovo primo ministro. Questo lo rende diverso da chiunque altro". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/07/2012 INDIA
Al via il voto per eleggere il nuovo presidente dell’India
02/05/2012 INDIA
Andhra Pradesh, la Chiesa propone un cristiano come futuro presidente dell’India
di Nirmala Carvalho
26/07/2012 INDIA
Il Bjp scarica Sangma, il suo candidato alla presidenza
22/06/2007 INDIA
Cardinal Toppo: Pratibha Patil sarebbe un buon presidente
di Nirmala Carvalho
04/02/2011 KAZAKISTAN
Il presidente Nazarbayev fissa per il 3 aprile la sua rielezione

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate