21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/10/2016, 15.48

    SVEZIA-NOBEL

    Premio Nobel a Bob Dylan. Voci di approvazione e di gioia dal mondo asiatico



    L’Accademia di Stoccolma ha riconosciuto un grande valore letterario e universale ai testi delle canzoni del cantante americano. Salman Rushdie: “Ottima scelta”. Rezaul Hasan Laskar: “Potere poetico straordinario”. Ma ci sono anche voci critiche.

    Stoccolma (AsiaNews/Agenzie) - In Asia Twitter sembra essere impazzito: come racconta un cronista dell’Hindustan Times, contando i moltissimi tweet usciti subito dopo la notizia dell’assegnazione del Nobel, “i testi di Dylan hanno catturato lo spirito di ribellione, di dissenso e di indipendenza. Hanno influenzato molte generazioni dagli anni 60 in poi”; “L’assegnazione del Nobel a Bob Dylan dimostra come davvero sia riuscito a cambiare i tempi”; “Spero che tutti gli scrittori adesso trasformino i loro testi in canzoni”.  

    La decisione del Nobel al cantante degli anni 60 ha scatenato forti reazioni, positive e negative. Molti definiscono la scelta inadeguata e anacronistica contestando il fatto che la musica non è letteratura. Altri invece hanno accolto la notizia con favore attribuendo ai testi di Dylan una grande forza poetica. Infatti il premio è stato assegnato proprio al cantante “per aver creato”, come si legge nella motivazione, “nuove espressioni poetiche all’interno della grande tradizione della canzone americana”. Si aggiunge: “Egli ha restituito dignità alla tradizione orale. Dagli inizi degli anni Sessanta ha creato, in parole e musica, un universo illimitato, che ha pervaso il globo”. Senza dubbio l’influenza di Dylan sulla cultura occidentale è stata molto forte. Un gran numero di opere letterarie, in prosa o in poesia, hanno tratto ispirazione dal suo lavoro e altrettanti titoli sono stati “rubati” alle sue canzoni.

    Lo scrittore indiano naturalizzato inglese Salman Rushdie – citato egli stesso tra i candidati al premio – ha twittato: “Ottima scelta. Dylan è l’eccellente erede della tradizione bardica”.

    In generale il mondo asiatico sembra plaudire ad una scelta così inaspettata e un po’ controcorrente. Rezaul Hasan Laskar, giornalista di Nuova Delhi, definisce Bob Dylan “un uomo dal potere poetico straordinario”. Citando le opere “Tarantula” e “Chronicles” il giornalista indiano sottolinea il fatto che Dylan non sarà ricordato per essere stato uno dei più grandi cantanti dell’era del rock’n’roll, ma piuttosto per l’impatto che i suoi testi hanno avuto sui fan di tutto il mondo proprio in quell’epoca. Da ricordare tra l’altro che nel 2008 il cantante aveva vinto il premio Pulitzer per il suo “profondo impatto sulla musica popolare e sulla cultura americana segnato da testi di una forza poetica straordinaria”.

    Da registrare anche delle voci controcorrente. Lo scrittore americano Norman Mailer ha commentato: “Se Dylan è un poeta, io sono un giocatore di basket. Una farsa. Una mancanza di discernimento”. Ancora, Pierre Assouline, scrittore membro dell’accademia Goncourt, esprime tutto il suo disappunto dichiarando “Attribuirgli il Nobel per la letteratura è deprimente. Io amo Dylan ma i suoi testi non sono opere letterarie. Trovo che l’Accademia svedese sia ridicola. E’ un atteggiamento sprezzante per gli scrittori”.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/10/2017 10:55:00 GIAPPONE-GRAN BRETAGNA
    Il Nobel per la letteratura a Kazuo Ishiguro, un po’ giapponese, un po’ britannico

    L’autore è nato a Nagasaki nel 1954 e vissuto poi in Gran Bretagna dove ha studiato inglese, filosofia e scrittura creativa. L’Accademia svedese mette in luce i temi ricorrenti nei suoi romanzi: memoria, tempo, disillusione. I giornali giapponesi sottolineano il suo carattere “britannico”. Ishiguro si definisce “una stramba miscela omogenea” fra cultura giapponese e inglese.



    11/10/2012 CINA
    Lo scrittore Mo Yan vince il Nobel per la letteratura
    Il prolifico autore di Sorgo Rosso è stato paragonato a William Faulkner e a Gabriel Garcia Marquez, per l’intreccio di fantasia e realtà, storia e società nelle sue opere. Nelle sue opere più recenti la questione ambientale, la corruzione, la perdita di valori spirituali in Cina. Deve spesso fare lo “slalom” con la censura cinese.

    15/10/2012 CINA
    Il Pen Centre si schiera con Mo Yan, ma gli chiede “più impegno” per la libertà
    Il prestigioso gruppo, che riunisce i migliori scrittori della Cina contemporanea “non affiliati” al governo, accoglie con favore l’appello per la libertà di Liu Xiaobo pronunciato dal nuovo Nobel per la letteratura. Ma lo invita a fare chiarezza nella sua vita e nella dicotomia fra grande scrittore realista e autore “troppo ufficiale”.

    03/02/2005 USA - ASIA
    Bush: vicina la pace in Medio Oriente
    Nel suo discorso sullo Stato dell'Unione, Bush promette di lavorare per uno stato palestinese a fianco di Israele. Sottolineando il successo delle elezioni in Iraq, ammonisce Siria e Iran, e chiede a Egitto e Arabia Saudita un impegno per riforme politiche.

    13/11/2007 HONG KONG – CINA – ASIA
    Jiang Rong vince il primo Premio letterario asiatico con "Il Totem del lupo"
    L’autore ha passato 11 anni insieme alle tribù nomadi della Mongolia per scrivere “Il Totem del lupo”. Il Premio, alla sua prima edizione, intende premiare quegli autori che non siano ancora stati pubblicati in lingua inglese.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®