4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/02/2006
THAILANDIA
Primo ministro thailandese scioglie il parlamento e annuncia nuove elezioni
di Weena Kowitwanij

Thaksin ha annunciato ieri lo scioglimento di governo e parlamento. I manifestanti scenderanno però in piazza anche domani: le dimissioni non sono sufficienti, l'ex primo ministro deve ritirarsi dalla politica. Thaksin è accusato di favorire interessi personali e non quelli dello stato.



Bangkok (Asianews) – Il primo ministro thailandese Thaksin Shinawatra ha annunciato ieri alle 20:30 ora locale lo scioglimento di governo e parlamento a seguito alle 2 manifestazioni del 4 ed 11 febbraio a cui hanno partecipato decine di migliaia di persone. Le manifestazioni sono state organizzate dalla associazione Peolple's alliance for democracy. La data delle prossime elezioni è fissata per il 2 aprile.

Domani sono però previste in tutto il paese altre manifestazioni contro Thaksin: i dimostranti infatti chiedono al primo ministro non solo lo scioglimento di governo e parlamento, ma il definitivo ritiro dalla politica. Thaksin è accusato di essere un capo che non rispetta i principi di etica e giustizia. Inoltre centrale è il problema della "onestà": i dimostranti accusano l'ex primo ministro di aver fatto leggi per favorire gli investimenti privati suoi e della sua famiglia, come la vendita del gruppo industriale Shin Corp da lui fondato prima di entrare in politica e che contiene un colosso delle telecomunicazioni. I manifestanti, fra cui professionisti di diversi settori e studenti, dichiarano di aver provato che essere un capitalista non è un carattere che qualifica un capo democratico.

Per limitare le proteste, il 21 febbraio Chalermchai Mahakitsiri, collaboratore del portavoce dell'Ufficio del Primo ministro, aveva annunciato la decisione del parlamento di destinare 200 milioni di baht (circa 5 milioni di US$) al sostegno degli studenti, come proposto dal Ministero dell'educazione. Inoltre il portavoce dell'Ufficio del Primo ministro aveva reso noto di aver accordato un aumento della retribuzione ai capi villaggio e ai medici delle comunità.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/04/2009 THAILANDIA
Bangkok, decine di migliaia chiedono le dimissioni del premier Abhisit
12/09/2008 THAILANDIA
Seggi vuoti in Parlamento, a Bangkok rinviata l’elezione del Premier
di Weena Kowitwanij
16/03/2006 THAILANDIA
Thailandia, il premier non cede alla piazza che vuole le sue dimissioni
di Weena Kowitwanij
01/09/2008 THAILANDIA
Bangkok: bomba esplode vicino alla sede del Governo, sale la tensione nel Paese
29/08/2008 THAILANDIA
Cede la tregua, scontri fra manifestanti e polizia in Thailandia

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate