30/05/2011, 00.00
LIBIA
Invia ad un amico

Prof. Del Boca: La Nato sta fallendo in Libia, i media nascondono la verità

di Simone Cantarini
Per Angelo Del Boca, giornalista e storico esperto di Libia, gli alti costi della No Fly Zone hanno dissolto le speranze di un conflitto-lampo, che invece potrà durare per diversi mesi. Gheddafi ha ancora a disposizione truppe, armamenti e un patrimonio personale di 1 miliardo di euro. Il presidente del Sud-africa in Libia per tentare un ultima trattativa con il governo libico.
Roma (AsiaNews) – “Gli alti costi dell’operazione contro Gheddafi hanno trasformato un conflitto lampo in una guerra di fandonie fatta dai media. Ciò che la Nato sperava di ottenere con la No Fly Zone si è ormai dissolto”. È quanto afferma ad AsiaNews il prof. Angelo Antonio del Boca, giornalista e docente universitario che da oltre 30 anni studia la Libia e il suo leader. Secondo lo storico “Gheddafi ha ancora a sua disposizione oltre 1 miliardo di euro e la guerra potrebbe durare ancora diversi mesi”.

Citando le dichiarazioni di un alto funzionario libico, Del Boca spiega che la Nato ha distrutto meno del 30% dell’arsenale libico. Inoltre Gran Bretagna e Francia non avrebbero più fondi per continuare la No Fly Zone. “L’unica alternativa per sbloccare la situazione – afferma lo storico - è un attacco di terra, vietato però dalla risoluzione Onu 1973. Per questa ragione Francia e Gran Bretagna hanno inviato in Libia due porta elicotteri, facendo rientrare l’azione dentro le risoluzioni delle Nazioni unite”.

Oggi, Jacob Zuma, presidente sudafricano, incontrerà i vertici del governo libico per trattare un cessate- il-fuoco, ma in molti sono scettici su un esito positivo della visita. Per Del Boca nessuno dei Paesi coinvolti è interessato a una risoluzione pacifica del conflitto. Infatti “le vere ragioni di questa guerra sono il controllo dei pozzi di petrolio e i 200 miliardi di dollari dello Stato libico depositati nelle banche straniere”.

“Ormai la guerra è in piena illegalità – sottolinea Del Boca - la Libia è ancora un Paese sovrano. L’Europa è intervenuta in una guerra appoggiando una parte della popolazione contro l’altra, nonostante le risoluzioni Onu vietino a Paesi terzi di coinvolgersi in guerre civili”.

Per lo storico il problema maggiore è l’appoggio arbitrario della Nato al  Consiglio nazionale di transizione, che di recente ha di nuovo richiesto fondi per continuare la guerra.  “Nessuno conosce i ribelli di Bengasi – spiega – e secondo fonti locali le città della Cirenaica sono diventate rifugio per criminali, spie e membri di gruppi estremisti, provenienti anche da altri Paesi”.

Secondo i media tunisini, ieri due guardie di frontiera sono rimaste uccise in uno scontro a fuoco con nove uomini armati, appartenenti a un movimento estremista, che tentavano di unirsi ai ribelli di Bengasi. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Crisi economica e sete di denaro le vere ragioni della guerra in Libia
23/05/2011
Vescovo di Tripoli: “Le bombe stanno diventando il nostro Calvario”
02/06/2011
Mosca invita Gheddafi ad accettare le risoluzioni Onu, per fermare i bombardamenti Nato
18/05/2011
Prof. Del Boca: In questa guerra cinica Gheddafi è l’obbiettivo
13/05/2011
Tripoli città fantasma per i raid aerei. Vescovo: “diamo riposo a questa gente”
12/05/2011