18/11/2005, 00.00
Vietnam - Vaticano
Invia ad un amico

Prossima ordinazione sacerdotale di 57 diaconi nel nord: un fatto storico

L'ordinazione avverrà per le mani del card. Sepe, in visita nel paese. Secondo il seminario di Hanoi, il gran numero di candidati è segno di importanti cambiamenti nella Chiesa e nel governo.

Hanoi (AsiaNews/EDA) – Il 29 novembre prossimo nella cattedrale di Hanoi, il card. Crescenzio Sepe ordinerà al sacerdozio 57 diaconi. L'annuncio è stato dato dal seminario maggiore regionale di Hanoi, che sottolinea il valore storico dell'avvenimento.  Esso segna infatti una variazione di tendenze sul numero delle vocazioni e sulla politica del governo.

Dopo lunghi anni di penuria e di soffocamento, le vocazioni stanno rinascendo anche al nord. I futuri candidati al sacerdozio provengono da 8 diocesi del nord: Bac Ninh (5); Bui Chu (7); Hanoi (13); Haiphong (3); Hung Hoa (5); Phat Diêm (9); Thai Binh (5); Thanh Hoa (10).

Nel 1954, quando il Vietnam è stato diviso fra Sud e Nord, molti sacerdoti del nord hanno seguito l'esodo e la fuga verso il sud dei loro fedeli. Questo ha creato per lungo tempo una mancanza di sacerdoti al Nord. In più, per molti anni, il governo non ha mai permesso l'apertura di seminari permettendo ordinazioni solo col contagocce. La situazione è cambiata alla fine degli anni '80. Nell'87 è stato riaperto il seminario interdiocesano di Hanoi e quello di Ho Chi Minh City; nell'88 quelli di Can Tho e di Vinh. Nel '92 è stata la volta di Nha Trang e nel '94 è stato aperto il seminario di Huê.

All'inizio le autorità permettevano l'entrata di candidati solo ogni 6 anni. Poi negli anni '90 hanno permesso l'entrata ogni 3 anni e dopo qualche anno, ogni 2 anni. Per il seminario di Hanoi vi è il permesso di accogliere vocazioni ogni anno. Il governo ha però mantenuto da sempre il numero chiuso, fissando la quota totale di seminaristi per ogni seminario. Anche per questo aspetto il seminario di Hanoi ha avuto un trattamento di favore: fino agli anni '90 la quota fissata era di 50; poi si è passati a 60. Nel luglio 2004 l'Ufficio affari religiosi ha stabilito solo per Hanoi il tetto di 90 seminaristi.

La recente Ordinanza sulle credenze e le religioni (del 18 giugno 2004) – peraltro sempre soffocante le varie comunità -  ha facilitato l'iter per essere ordinati, non essendo più necessario il permesso previo del governo per l'ordinazione.

In questo periodo molti preti ordinati clandestinamente in passato e non registrati dal governo, vengono a poco a poco ufficializzati.

Come annunciato da tempo, il card. Crescenzio Sepe, prefetto della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli, visiterà il Vietnam dal 28 novembre al 6 dicembre, su invito della Conferenza episcopale del Paese.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nel Vietnam socialista i seminari sono sovraffollati
07/03/2006
Ad Hanoi ordinati 57 nuovi preti, mentre il Papa nomina un vescovo
29/11/2005
Il Vietnam ha bisogno di buoni preti, capaci di portare avanti l’opera missionaria
11/02/2011
Sacerdoti in Vietnam, infaticabili testimoni nella società socialista
07/08/2010
Il seminario cattolico di Hanoi potrà accogliere candidati ogni anno
26/09/2005