17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/11/2009, 00.00

    VIETNAM

    Protesta il vescovo di Vinh Long per la demolizione di un convento

    Emily Nguyen

    Mons. Thomas Nguyen Van Tan in una lettera ai fedeli lamenta la distruzione di un luogo sacro, fatta, malgrado le proteste della diocesi e delle suore di San Paolo di Chartres, per realizzare una piazza e all’inizio del mese dedicato ai defunti ricorda la demolizione del cimitero cattolico, trasformato in un parco.
    Vinh Long (AsiaNews) – Torna a protestare il vescovo di Vinh Long per la demolizione del convento delle suore di San Paolo di Chartres per farne una piazza. In una lettera del 28 ottobre, indirizzata a sacerdoti, religiosi e fedeli, mons. Thomas Nguyen Van Tan lamenta, in particolare, l’inizio della demolizione - della quale ha avuto notizia solo dai giornali - avvenuta nonostante la diocesi e la congregazione religiosa abbiano presentato proteste contro l’iniziativa.
     
    Il prelato scrive che quanto accade mette in luce le crescenti ingiustizie che la diocesi soffre dal “disastroso giorno” del 7 settembre 1977, quando le autorità locali usarono la forza per assediare e attaccare la cattedrale, il semnario maggiore e il collegio della Santa Croce.
     
    Furono arrestati tutti coloro che avevano responsablità delle istituzioni, compreso lo stesso vescovo Thomas Nguyen Van Tan. “Pochi – prosegue il vescovo – furono imprigionati, altri furono trasferiti in luoghi differenti”, con la falsa accusa di “educare i giovani a essere contro la rivoluzione e opporsi alla liberazione del Paese”.
     
    Seguendo una politica demagica, il governo vietnamita prese a garantire ai responsabili religiosi che avrebbe concesso i diritti di utilizzazione dei terreni che chiedevano. “Ma come possono farci un qualsiasi favore, finché continuano a considerarci come ‘criminali’?”.
     
    “E’ così triste vedere un luogo per adorare Dio e pregarlo, per l’educazione religiosa e per offrire servizi caritativi trasformato in un luogo di intrattenimento”.
     
    L’avvicinarsi del mese delle Anime sante, poi, dà al vescovo ulteriore motivo di amarezza, nel vedere il cimitero cattolico della diocesi preso illegalmente e distrutto per farne un parco pubblico. Il mese delle Anime sante, conclude il messaggio, sia per i fedeli occasione per pregare più intensamente per i defunti e per la fine delle ingiustizie alle quali la diocesi è sottoposta.
     
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/11/2009 VIETNAM
    Le suore di Vinh Long, vogliamo che siano rispettate giustizia e verità
    Parla la superiora del convento distrutto. Ci sono voluti 28 anni per conoscere i motivi del sequestro dell’edificio, della dispersione di orfani e handicappati e degli arresti delle suore. Le autorità ora propongono un terreno in periferie, ma loro vogliono che sia riconosciuto che non hanno mai violato la legge.

    07/01/2009 VIETNAM
    Vescovo di Vinh Long: il governo dimostri che protegge le religioni
    Mons. Thomas Nguyen Van Tan chiede alle autorità di riconsiderare la decisione di abbattere il convento e la cappella dells suore di San Paolo di Chartres. La provinciale racconta di come i media statali abbiano falsato il resoconto della loro presenza a quello che doveva essere uno scambio di opinioni con il Comitato del popolo, ma era una conferenza stampa.

    13/07/2010 VIETNAM
    Continuano a chiedere giustizia le suore di Vinh Long
    In una lettera, la superiora delle religiose chiede le scuse delle autorità per le accuse di aver educato “una generazione” alla controrivoluzione e il risarcimento per la distruzione del loro convento. Dopo aver tentato di costruirvi un albergo di lusso, il locale Comitato del popolo dice che vi realizzerà un piazzale con un giardino.

    05/01/2009 VIETNAM
    Chiedono giustizia i cattolici vietnamiti perseguitati dalle autorità
    Le suore di Vinh Long annunciano che non protesteranno per l’appropriazione della loro casa, se i responsabili pubblici dichiareranno che la politica del governo mira allo sradicamento della religione, mentre i fedeli di Thai Ha condannati minacciano azioni legali contri i media di Stato che hanno falsamente raccontato il loro processo.

    20/05/2008 VIETNAM
    Suore espropriate di un orfanotrofio per costruire un hotel a 4 stelle
    Il vescovo di Vinh Long: “non possiamo accettare la soluzione imposta da coloro che hanno il potere nelle mani. Non possiamo neppure tacere, perché il silenzio, in questo momento, significherebbe complicità e accettazione dell’ingiustizia”.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®