17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/07/2017, 08.50

    ISRAELE – PALESTINA

    Proteste a Gerusalemme: centinaia di palestinesi feriti e tre morti



    La tensione era stata alta sin dalla mattina. Gli scontri sono esplosi dopo la preghiera, scatenati dal lancio di granate stordenti da parte della polizia per separare i gruppi di manifestanti. Le vittime avevano fra i 18 e i 20 anni. In serata, un palestinese ha accoltellato a morte tre coloni perché “non c’è vita dopo quello che ho visto ad al-Aqsa”.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) –Tre palestinesi sono morti e centinaia sono rimasti feriti durante gli scontri di ieri con la polizia israeliana a Gerusalemme e in altre parti della Cisgiordania. L’origine delle tensioni è l’istallazione di metal detector all’ingresso della Spianata delle Moschee (Monte del Tempio per gli ebrei) alla Porta dei Leoni, dove il 14 luglio tre palestinesi avevano aperto il fuoco contro la polizia. I leader religiosi islamici avevano invitato i fedeli a non andare alla Spianata per protesta. Negli scorsi giorni, molti di loro si sono radunati a pregare appena fuori le mura. E in serata un palestinese ha ucciso a coltellate tre israeliani.

    La situazione è stata accesa sin dalla mattina: migliaia di palestinesi hanno avanzato verso Gerusalemme, mentre Israele disponeva 3.000 unità di polizia per la città e in particolare nell’area orientale, montando barricate alla Porta dei Leoni, e vietando agli uomini al di sotto di 50 anni di entrare in Città vecchia.

    Gli scontri sono iniziati nel pomeriggio con il lancio di granate stordenti e gas lacrimogeni contro i manifestanti fuori dalla Città vecchia, a cui essi hanno risposto con pietre e altri oggetti. Le prime due vittime sono state colpite da proiettili nei quartieri di Gerusalemme est A-Tur e Ras al-Amud. Il terzo è morto ad Abu Dis, ad est della città, nei Territori occupati.

    A quanto riporta il quotidiano israeliano Haaretz, la polizia stava cercando di dividere i gruppi di protesta. A Wadi Joz, quartiere arabo di Gerusalemme est, “era difficile dire se anche una singola bottiglia di acqua fosse stata lanciata agli officiali prima che attaccassero i manifestanti,” riporta il quotidiano. “Le pietre, in ogni caso, sono state lanciate solo dopo”. Un soldato israeliano è stato ripreso calciare un manifestante disarmato mentre pregava.

    Una delle vittime è stata identificata da fonti dell’agenzia stampa Ma’an come Muhammad Mahmoud Sharaf, di 18 anni. I palestinesi hanno portato via il corpo di Sharaf, temendo che le autorità israeliane lo confiscassero. Lo stesso è successo con la seconda vittima, Abu Ghanam, di 20 anni: alcuni palestinesi sono stati filmati mentre facevano passare il suo corpo oltre un muro intorno all’ospedale al-Makassed (video). Alcune fonti locali avrebbero riconosciuto l’ultima vittima come Muhammad Mahmoud Khalaf, di 18 anni.

    Secondo la Mezzaluna rossa palestinese sono 391 i palestinesi rimasti feriti a Gerusalemme e in Cisgiordania. La maggior parte di essi hanno sofferto per l’inalazione di gas lacrimogeni, 38 sono stati colpiti a Gerusalemme da pallottole e proiettili di gomma. In 66, invece, sono stati ricoverati in Cisgiordania.

    Nonostante la fine degli scontri la tensione è ancora alta. In serata, un palestinese ha accoltellato a morte tre coloni israeliani in Cisgiordania, nell’insediamento Halamish. Le vittime sono un uomo e una donna sulla sessantina, e un uomo intorno ai quaranta. Un’altra donna è rimasta ferita. Le motivazioni dell’assalitore Omar el-Abed, riportate sul suo profilo facebook, sono legate ai fatti di Gerusalemme: “Ho 20 anni, molti sogni, ma non c’è vita dopo quello che ho visto ad al-Aqsa”. El-Abed stato ferito, ma è ancora vivo ed è sottoposto a cure mediche.

    Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità nazionale palestinese, ha annunciato in televisione il “congelamento di tutti rapporti con lo Stato occupante” finché non saranno rimosse le nuove misure di sicurezza, causa delle proteste e degli scontri di ieri, per lui “falsamente presentate come misure di sicurezza per prendere il controllo sulla moschea al-Aqsa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/07/2017 12:16:00 PALESTINA - ISRAELE
    Autorità palestinesi religiose e politiche continuano il boicottaggio della Spianata

    Israele ha rimosso i metal detector, ma ha annunciato nuove misure di controllo. Per Mahmoud Abbas si deve tornare a prima del 14 luglio per “tornare alla normalità” e riaprire il dialogo. La Corte suprema israeliana accorda la richiesta di un’Ong per i diritti umani alla restituzione dei corpi degli assalitori del 14 luglio.



    25/07/2017 08:21:00 ISRAELE-PALESTINA
    Israele toglie i metal detector dalla Spianata delle moschee

    Lo smantellamento avvenuto stamane prima dell’alba. Al loro posto Netanyahu propone nuove “tecnologie avanzate” di controllo. Il Consiglio di sicurezza dell’Onu aveva chiesto di trovare una soluzione entro venerdì. Inviato Onu per il Medio oriente: questi eventi possono creare catastrofi ben oltre il Medio oriente.



    24/07/2017 08:21:00 GIORDANIA-ISRAELE
    Ambasciata di Israele ad Amman: due giordani uccisi e un israeliano ferito

    Le forze di sicurezza di Amman hanno sigillato e messo sotto controllo il quartiere. Poche notizie date dalla polizia giordana. Il ministero israeliano degli esteri pone la censura sull’accaduto. L’appello di papa Francesco.



    28/07/2017 09:09:00 ISRAELE - PALESTINA
    I palestinesi tornano a pregare ad al-Aqsa, ma la tensione resta alta

    Israele ha rimosso tutte le misure di sicurezza imposte due settimane fa. Esplosi alcuni scontri con la polizia. Si temono altre violenze quest’oggi. Netanyahu: “Tempo di considerare la pena di morte per i terroristi”.



    14/07/2017 09:15:00 ISRAELE - PALESTINA
    Sparatoria a Gerusalemme: tre palestinesi morti e tre israeliani feriti

    I tre assalitori palestinesi hanno aperto il fuoco alle 7:00, ferendo i tre poliziotti israeliani, per poi essere uccisi. Non sono ancora conosciute le identità.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®