20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/09/2017, 10.55

    PAKISTAN

    Punjab, studente cristiano ucciso per razzismo religioso

    Shafique Khokhar

    Sheron Masih aveva 17 anni e frequentava la scuola pubblica da pochi giorni. I compagni di classe lo hanno assassinato a bastonate perché aveva tentato di bere dell’acqua. Il suo omicidio, “solo la punta dell’iceberg; al di sotto, una grande montagna di odio e discriminazione verso le minoranze”.

    Lahore (AsiaNews) – Attivisti cristiani e musulmani condannano il brutale omicidio di Sheron Masih, studente cristiano di 17 anni, ucciso a bastonate dai suoi compagni di classe per razzismo religioso. L’assassinio ha suscitato un’ondata di sdegno ed è sintomo del clima di intolleranza religiosa ai danni delle minoranze del Pakistan. Naseem Kousar, docente musulmano, afferma ad AsiaNews: “La discriminazione etnica e religiosa è veleno che uccide l’umanità”.

    Sheron è stato ucciso il 30 agosto scorso a bastonate. Originario del villaggio Chak 461, nel Punjab pakistano, era stato ammesso nella scuola pubblica di Burewala appena pochi giorni prima. Razia Bibi, la madre, lamenta che il figlio era stato subito preso di mira dai compagni di classe musulmani, che gli avevano imposto il divieto di bere dal distributore d’acqua, dove bevevano anche loro. Ma Sheron ha disobbedito, e per questo è stato preso a bastonate con violenza, fino alla morte. Gli insegnanti si sono giustificati dicendo che non si sarebbero accorti di quanto accadeva tra i banchi. Secondo alcune testimonianze, il giovane si sarebbe rifiutato di convertirsi all'islam. 

    Sul caso indagano le autorità provinciali e l’insegnante Nazir Mohal è stato denunciato per negligenza. Kamran Michael, ministro federale di fede cristiana, ha fatto visita alla famiglia e offerto sostegno economico. Secondo l’insegnante Kousar, “una società non potrà mai raggiungere un buon livello di civilizzazione e umanità fino a quando non avrà sviluppato un senso di rispetto ed equità per tutti i gruppi religiosi. Lo stesso vale per lo Stato. Uno Stato non può affermare di essere giusto e democratico se non demolisce gli elementi che discriminano e non garantisce la sicurezza di tutti i gruppi”.

    Ata-ur-Rehman Saman, coordinatore della Commissione nazionale Giustizia e pace (Ncjp), riferisce che “è dal 2006 che stiamo alzando la voce contro il materiale d’odio verso le minoranze presente nei libri di testo. Ma il governo chiude gli occhi di fronte al problema. Ora i semi pieni di odio sono maturi e pronti per essere raccolti. Il Punjab meridionale è noto per [diffondere] intolleranza ed estremismo. Gli studenti delle minoranze sono discriminati per la loro religione, isolati e derisi”. Per il poeta e scrittore Basharat Gill, “non si tratta solo di un incidente. Esso indica il livello di odio, pregiudizio e discriminazione raggiunto negli istituti educativi. Cosa ci dobbiamo aspettare dalla società se il chief minister dice che non vuole pronunciare il nome delle altre religioni, le minoranze sono umiliate sugli annunci di lavoro e i libri scolastici sono pieni di insulti contro chi non professa l’islam?”. L’omicidio del giovane cristiano, conclude, “è solo la punta dell’iceberg; al di sotto, c’è una grande montagna. Questo incidente diffonde paura e terrore in tutti gli studenti non musulmani”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/09/2017 12:15:00 PAKISTAN
    Il padre dello studente cristiano ucciso: L’uniforme della scuola è diventata il suo sudario

    Sharoon Masih è stato ucciso il terzo giorno di lezione dai suoi compagni di scuola. Giustizia e pace sostiene che il suo omicidio è colpa delle autorità della scuola. La morte “non una disputa tra adolescenti, ma causata da intolleranza, discriminazione e comportamento disumano”.



    11/10/2017 11:46:00 PAKISTAN
    Punjab, ragazzo cristiano torturato a morte dalla polizia

    È stato ucciso durante le lezioni. Aveva rifiutato di convertirsi all’islam. Le discussioni con i compagni, testimoni e promotori delle violenze. Attivisti condannano le violenze e l’impunità a discapito delle minoranze religiose: chiunque è libero di comportarsi da accusatore, giudice ed esecutore. Giustizia e pace: questo trend non è nuovo, ma in crescita, senza controllo e continua impunito. 



    29/01/2018 12:14:00 PAKISTAN
    Punjab, liberato l’assassino di uno studente cristiano. Il dolore della famiglia

    Cattolici lamentano “prove alterate da parte delle agenzie di sicurezza”. Indagini mediche sul corpo del cristiano non rilevano segni di tortura. Sharoon Masih, 17anni, è stato ucciso a bastonate per razzismo religioso. Simili atrocità rovinano l’immagine dell’islam agli occhi del resto del mondo.



    24/07/2017 11:31:00 PAKISTAN
    Faisalabad, cristiano ridotto in schiavitù ucciso dal padrone musulmano

    Javed Masih aveva 32 anni. Con il suo lavoro, stava ripagando un debito che la sua famiglia aveva contratto tre anni fa. Da contratto, doveva lavorare 24 ore mensili. Di fatto, era uno schiavo. Accusato di furto, è stato torturato per giorni. La famiglia del datore di lavoro minaccia gravi conseguenze; la polizia non accetta la denuncia di omicidio.



    26/05/2015 PAKISTAN
    Punjab, Giustizia e pace: Rivedere i libri scolastici che incitano all’odio contro le minoranze
    La Commissione nazionale della Chiesa cattolica pakistana ha analizzato i volumi previsti dal piano di studi obbligatorio delle scuole pubbliche della provincia. Per fermare l’estremismo religioso e instaurare la pace bisogna ripartire dalle scuole.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®