29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/05/2013, 00.00

    RUSSIA

    Putin invita il Patriarca di Gerusalemme alle celebrazioni per Battesimo della Russia

    Nina Achmatova

    Teofilo III in vista nella Federazione loda l'impegno di Mosca per la pace in Medio Oriente e celebra con Kirill la festa dei santi Cirillo e Metodio, evangelizzatori dei popoli slavi.

    Mosca (AsiaNews) - Il presidente russo Vladimir Putin ha invitato per il prossimo luglio il patriarca ortodosso di Gerusalemme, Teofilo III, alle celebrazioni per il 1025° anniversario del Battesimo cristiano della Russia. Come riferisce l'agenzia Interfax, il capo del Cremlino ha ricevuto il 27 maggio nella sua residenza a Sochi, sul Mar Nero, il patriarca di Mosca Kirill e Teofilo III, che si trova in visita in Russia, in occasione della festa dei santi Cirillo e Metodio, evangelizzatori dei popoli slavi (24 maggio).  

    Nel loro incontro, Putin ha ringraziato il primate della Chiesa ortodossa di Gerusalemme per aver sostenuto l'iniziativa russa di costruire un ostello per pellegrini sulla riva del fiume Giordano e ha ricordato che le relazioni di Mosca con Gerusalemme sono "buone", come pure quelle tra i due Patriarcati.

    Dal canto suo Kirill ha auspicato che questi contatti contribuiscano a "facilitare tutte le buone iniziative che la Russia sta portando avanti per la pace in Medio Oriente". "E' molto importante che la pace, la prosperità e la tranquillità regnino sulla Terra Santa, benedetta dai passi di Dio", ha aggiunto il Patriarca russo. Teofilo ha poi definito "di grande significato storico" quello che, di fatto, è il suo primo viaggio in Russia. "Questa visita è un sigillo che cementa le relazioni tra le due Chiese e tra i popoli russo e di Palestina" ha detto, ringraziando poi Putin per l'impegno a favore della pace e della difesa dei luoghi sacri. Il primate ha, inoltre, ricordato come un fatto di "enorme importanza dal punto di vista politico e religioso", l'ultimo viaggio del capo di Stato russo in Israele e Palestina. "Preghiamo per lei come leader che dà importanza primaria alla causa del rafforzamento dei valori umanitari e ortodossi", ha concluso rivolgendosi a Putin. Oltre che dal capo del Cremlino, Teofilo è stato ricevuto anche dal premier, Dmitri Medvedev.

    In occasione dell'anniversario del Battesimo della Russia, come tradizione, il capo della Chiesa russo-ortodossa celebrerà il giorno di San Vladimir (28 luglio), a Kiev, la divina liturgia "presso la culla del Battesimo della Russia", come ha reso noto il capo del dipartimento per le relazioni esterne del Patriarcato di Mosca, il metropolita Hilarion.

    Il Battesimo della Russia antica avvenne in quella che oggi è terra ucraina. Nel 2010, la Duma russa ha approvato una legge che trasforma in festa nazionale il giorno in cui il principe Vladimir, alla fine dell'estate del 988, radunò gli abitanti di Kiev sulla rive del Dniepr, dove i sacerdoti bizantini battezzarono tutti. L'avvenimento segnò l'inizio di un lungo processo di fondazione del cristianesimo nelle terre russe e racchiude una forte valenza di unità slava, a cui spesso fa appello lo stesso Patriarca russo.

     

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/11/2012 RUSSIA - MEDIO ORIENTE
    La Chiesa russo-ortodossa rafforza la presenza in Terra Santa
    Conclusa la prima visita del Patriarca Kirill nella regione. L’obiettivo, a suo dire, è ora aumentare il numero di pellegrini per creare più stretti legami tra la Russia e il Medio Oriente. Proprio in un momento in cui il Cremlino, nella crisi siriana, si gioca la sua influenza nella regione.

    23/01/2011 VATICANO
    Papa: Ecumenismo, vicini alle Chiese di Gerusalemme
    Benedetto XVI ricorda le prove che devono affrontare i cristiani di Terra Santa e Medio oriente, fino al sacrificio della vita. Ogni divisione è “un’offesa a Cristo”. Per questo occorre un cammino di conversione della Chiesa. Appuntamenti della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani: l’incontro della Commissione per il dialogo teologico tra la Chiesa Cattolica e le Antiche Chiese Orientali; i vespri nella basilica di san Paolo, il prossimo 25 gennaio.

    30/12/2008 TERRA SANTA - VATICANO
    Israele-Palestina: il futuro buio e la visita del papa
    I leader israeliani pensano solo a trovare una nuova tregua con Hamas, ma è importante mettere le basi per un trattato di pace. Le incertezze su Abou Mazen e sul futuro del governo israeliano. La visita di Benedetto XVI in Terra Santa accade in un momento propizio.

    03/02/2005 medio oriente - usa
    Pace, non "gestione dei conflitti", l'obiettivo per il Medio Oriente
    Padre David-Maria A. Jaeger, osservatore della situazione in Terra Santa, commenta l'impegno preso da Bush nel suo discorso sullo Stato dell'Unione.

    07/09/2006 MEDIO ORIENTE
    Padre Jaeger: una rinnovata Conferenza di Madrid per trasformare in pace il cessate-il-fuoco
    Il mondo si rallegra perché il cessate-il-fuoco in Libano sembra tenere, ma padre David-Maria A. Jaeger, presidente dell'associazione culturale 'Europe-Near East Centre' (ENEC), da decenni attento osservatore delle vicende politiche e religiose della Terra Santa, sottolinea che la cessazione delle ostilità non è pace e che lo strumento per realizzare tale obiettivo è la riattivazione della Conferenza di Madrid, unico serio sforzo compiuto dalla comunità internazionale per dare una pace globale ai popoli della regione.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®