3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/05/2012
RUSSIA
Putin torna al Cremlino in pompa magna, opposizione pronta a contestare
di Nina Achmatova
Il 7 maggio la cerimonia di insediamento del nuovo presidente verrà trasmessa in diretta tv da sei canali. Il giorno prima l'opposizione torna in piazza per la prima volta da marzo. Ma i numeri potrebbero non essere pià gli stessi.

Mosca (AsiaNews) - Tutto è pronto a Mosca per quella che i russi chiamano "inaugurazia", la cerimonia di insediamento con cui Vladimir Putin torna a capo del Cremlino per la terza volta in 12 anni. Intanto anche l'opposizione prepara il suo 'benvenuto' al nuovo presidente, con una manifestazione di protesta al centro di Mosca prevista proprio alla vigilia del giuramento.


Il ritorno di Vladimir Vladimirovich sulla poltrona più alta di Russia avrà una copertura mediatica con numeri da record: saranno sei i canali televisivi che trasmetteranno in diretta la cerimonia, il doppio rispetto a quelli che nel 2008 avevano seguito l'investitura dell'allora presidente Dmitri Medvedev. Quest'ultimo, che non scomparirà di scena nonostante sia ormai poco benvoluto dall'elettorato, attende di essere ufficialmente nominato premier già l'8 maggio, in uno scambio di ruoli con l'ex mentore, che i media russi hanno definito "arrocco" (dalla mossa di scacchi in cui il cavallo cambia il posto con il re).


L'arrivo del corteo presidenziale al Cremlino sarà ripreso da diversi punti di vista: lungo il fiume Moscova, al centro della capitale, sono già state piazzate alte gru, dove verranno sistemate le telecamere, mentre alcune riprese saranno effettuate da elicotteri. Putin presterà giuramento e terrà poi un discorso nel celebre salone di Sant'Andrea, l'ex Sala del Trono del Palazzo del Gran Cremlino. Lo stesso giorno, nella cattedrale dell'Annunciazione, il patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill, celebrerà una funzione in suo onore.


Le misure di sicurezza sono state potenziate in tutto il centro cittadino, anche perché il 6 maggio, vigilia dell'investitura, sono previste almeno due manifestazioni anti-governative, con il movimento d'opposizione che appare però fiaccato dalla schiacciante vittoria di Putin alle presidenziali di marzo e ancora non in grado di darsi una forma per esercitare una reale pressione sul nuovo governo.

Il primo corteo, la cosiddetta "marcia del milione", confluirà in piazza Balotnaja già teatro delle dimostrazioni che quest'inverno hanno messo per la prima volta in discussione l'autorità di Putin. La seconda, non autorizzata dal comune, dovrebbe svolgersi in piazza del Maneggio, proprio sotto il Cremlino.


Putin torna così capo di Stato, ma di un Paese profondamente cambiato rispetto ai suoi due mandati precedenti. Secondo Boris Dubin, analista del Centro Levada a Mosca, per il momento i russi sono pronti a riconciliarsi con la nuova leadership, ma la prima metà del mandato di Putin (in tutto sei anni) sarà cruciale. "Se nei prossimi tre anni i grandi problemi (corruzione, giustizia, divario tra ricchi e poveri, ndr) non saranno risolti - avverte l'esperto - e anzi se si acuiranno per la crisi economica e magari la discesa del prezzo del petrolio, si potrebbero verificare serie tensioni".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/05/2012 RUSSIA
Putin torna al Cremlino da zar, ora la sfida è abbracciare le riforme
di Nina Achmatova
27/09/2011 RUSSIA
Putin candidato al Cremlino, Patriarcato di Mosca: esempio di integrità
di Nina Achmatova
15/03/2004 russia
"Zar" Putin, vincitore assoluto delle presidenziali
19/11/2009 RUSSIA
“Effetto Dymovsky”: contro la corruzione della polizia di Putin
05/08/2010 RUSSIA
Chiesa ortodossa russa in aiuto contro gli incendi. Le responsabilità di Putin
di Nina Achmatova

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate