29 Aprile 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/03/2009, 00.00

    COREA – STATI UNITI

    Pyongyang guarda allo spazio. La popolazione muore di fame ed è vittima di abusi



    La Corea del Nord si dice pronta a lanciare in orbita il vettore. Circa 8,7 milioni di nord-coreani soffrono la fame e solo una piccola percentuale ha potuto usufruire degli aiuti. Fonti di intelligence riferiscono che il Nord possiede due testate nucleari per missili a media gittata.
    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Il Digital Globe, impresa americana, ha catturato le immagini di un “missile pronto per il lancio” dalla piattaforma di Musudan-ri, nella parte meridionale della provincia di North Hamgyong, in Corea del Nord. Con un investimento milionario, Pyongyang si appresta a mandare in orbita il vettore a dispetto dei moniti lanciati dalla comunità internazionale e indifferente verso la sua popolazione ridotta allo stremo, che muore di fame ed è vittima di torture e abusi.
     
    In Corea del Nord il giornale ufficiale del partito invita i cittadini a “seguire il leader Kim Jong-il” nella sua “battaglia per la crescita dell’economia del Paese, nonostante le preoccupazioni per la sua salute”. Pyongyang ha investito decine di milioni di dollari per la preparazione del vettore spaziale, incurante di una popolazione che soffre di fame. Nelle scorse settimane Vitit Muntarbhorn, relatore speciale Onu per i diritti umani in Corea del Nord, ha affermato che “la mancanza di cibo è ancora una questione di estrema importanza” nel Paese.
     
    Fra il 2008 e l’inizio del 2009 Washington ha distribuito attraverso varie Ong più di 169mila tonnellate di aiuti alla Corea del Nord. Secondo gli ultimi dati forniti dall’Onu vi sono “circa 8,7 milioni di persone che soffrono di mancanza di cibo, ma solo 1,7 milioni hanno usufruito dell’assistenza, perché le scorte erano insufficienti”. Vitit Muntarbhorn denuncia inoltre l’uso sistematico da parte del regime di Pyongyang di “punizioni collettive, detenzione di oppositori politici ed esecuzioni di piazza”; esso perpetra una “cultura della paura” per mantenere saldo il potere ed eliminare qualsiasi voce contraria. “La situazione generale – conclude – è gravissima e disperata”.
     
    A pochi giorni dal lancio del vettore spaziale, previsto fra il 4 e l’8 aprile, fonti dell’International Crisis Group rivelano che la Corea del Nord possiede due testate nucleari per missili a media gittata Rodong. Esse sono state fabbricate grazie al plutonio estratto dall’impianto di Yongbyon. A dispetto delle minacce nucleari che arrivano dal Nord, il presidente sud-coreano Lee Myung-bak si dice “contrario ad ogni azione militare” contro la Corea del Nord, anche se alcuni Paesi – fra i quali il Giappone – sono “giustamente” preoccupati per la loro sicurezza. In vista del lancio del missile la marina militare statunitense ha deciso di posizionare due navi intercettori al largo della costa sud-coreana. Tokyo riferisce infine di aver dato mandato alla difesa di “intercettare ogni oggetto” proveniente dalla Corea del Nord che sorvolerà il suo territorio.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/04/2009 COREA DEL NORD
    Forse domani il lancio del missile nordcoreano
    Tutto è quasi pronto. Giappone, Stati Uniti e Corea del Sud domandano l’intervento dell’Onu, ma la Cina, alleata di Pyongyang, impedirebbe nuove sanzioni. In un Paese allo stremo, il dittatore Kim Jong-il riaffermerà così il suo potere interno.

    04/10/2007 COREA
    Storico accordo fra i leader coreani: pace e commercio
    Roh Moo-hyun e Kim Jong-il hanno firmato un accordo in dieci punti che prevede la creazione di una nuova zona di pace e sancisce la fine ufficiale della guerra di secessione del 1950. Pyongyang accetta inoltre la chiusura dei suoi reattori nucleari, in cambio di aiuti umanitari e carburante.

    03/10/2007 COREA
    Sorrisi tra Roh e Kim, ma dai colloqui ufficiali si aspettano risultati modesti
    Clima cordiale, ma nessuno si attende effetti immediati da questi primi incontri. Intanto gli Stati Uniti parlano dell’imminente incontro delle 6 Nazioni per la rinuncia di Pyongyang al programma nucleare.

    25/07/2011 COREA - STATI UNITI - GIAPPONE
    Disarmo nucleare, gli Usa “aprono” a Pyongyang
    Dopo più di due anni di stallo, il Segretario di Stato Clinton invita a New York il vice ministro degli Esteri nordcoreani per trattare la ripresa dei colloqui a sei sul disarmo. Ma chiarisce: “Non vogliamo fare concessioni o dare premi”. Il regime dei Kim, allo stremo, è costretto ad accettare.

    17/05/2012 COREA – GIAPPONE – STATI UNITI
    Yongbyon: il regime nord-coreano ha “ripreso i lavori” al reattore nucleare
    Lo rivela un centro di ricerca statunitense-coreano, dopo aver analizzato immagini scattate dal satellite a fine aprile. Timori per un nuovo test atomico. Tuttavia, gli scienziati avvertono che “la struttura non sarà operativa prima del 2014 o 2015”. La prossima settimana colloqui a tre fra Seoul, Tokyo e Washington.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®