31 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/03/2009
COREA – STATI UNITI
Pyongyang guarda allo spazio. La popolazione muore di fame ed è vittima di abusi
La Corea del Nord si dice pronta a lanciare in orbita il vettore. Circa 8,7 milioni di nord-coreani soffrono la fame e solo una piccola percentuale ha potuto usufruire degli aiuti. Fonti di intelligence riferiscono che il Nord possiede due testate nucleari per missili a media gittata.

Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Il Digital Globe, impresa americana, ha catturato le immagini di un “missile pronto per il lancio” dalla piattaforma di Musudan-ri, nella parte meridionale della provincia di North Hamgyong, in Corea del Nord. Con un investimento milionario, Pyongyang si appresta a mandare in orbita il vettore a dispetto dei moniti lanciati dalla comunità internazionale e indifferente verso la sua popolazione ridotta allo stremo, che muore di fame ed è vittima di torture e abusi.
 
In Corea del Nord il giornale ufficiale del partito invita i cittadini a “seguire il leader Kim Jong-il” nella sua “battaglia per la crescita dell’economia del Paese, nonostante le preoccupazioni per la sua salute”. Pyongyang ha investito decine di milioni di dollari per la preparazione del vettore spaziale, incurante di una popolazione che soffre di fame. Nelle scorse settimane Vitit Muntarbhorn, relatore speciale Onu per i diritti umani in Corea del Nord, ha affermato che “la mancanza di cibo è ancora una questione di estrema importanza” nel Paese.
 
Fra il 2008 e l’inizio del 2009 Washington ha distribuito attraverso varie Ong più di 169mila tonnellate di aiuti alla Corea del Nord. Secondo gli ultimi dati forniti dall’Onu vi sono “circa 8,7 milioni di persone che soffrono di mancanza di cibo, ma solo 1,7 milioni hanno usufruito dell’assistenza, perché le scorte erano insufficienti”. Vitit Muntarbhorn denuncia inoltre l’uso sistematico da parte del regime di Pyongyang di “punizioni collettive, detenzione di oppositori politici ed esecuzioni di piazza”; esso perpetra una “cultura della paura” per mantenere saldo il potere ed eliminare qualsiasi voce contraria. “La situazione generale – conclude – è gravissima e disperata”.
 
A pochi giorni dal lancio del vettore spaziale, previsto fra il 4 e l’8 aprile, fonti dell’International Crisis Group rivelano che la Corea del Nord possiede due testate nucleari per missili a media gittata Rodong. Esse sono state fabbricate grazie al plutonio estratto dall’impianto di Yongbyon. A dispetto delle minacce nucleari che arrivano dal Nord, il presidente sud-coreano Lee Myung-bak si dice “contrario ad ogni azione militare” contro la Corea del Nord, anche se alcuni Paesi – fra i quali il Giappone – sono “giustamente” preoccupati per la loro sicurezza. In vista del lancio del missile la marina militare statunitense ha deciso di posizionare due navi intercettori al largo della costa sud-coreana. Tokyo riferisce infine di aver dato mandato alla difesa di “intercettare ogni oggetto” proveniente dalla Corea del Nord che sorvolerà il suo territorio.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/04/2009 COREA DEL NORD
Forse domani il lancio del missile nordcoreano
04/10/2007 COREA
Storico accordo fra i leader coreani: pace e commercio
03/10/2007 COREA
Sorrisi tra Roh e Kim, ma dai colloqui ufficiali si aspettano risultati modesti
25/07/2011 COREA - STATI UNITI - GIAPPONE
Disarmo nucleare, gli Usa “aprono” a Pyongyang
17/05/2012 COREA – GIAPPONE – STATI UNITI
Yongbyon: il regime nord-coreano ha “ripreso i lavori” al reattore nucleare

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate