13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/06/2017, 08.37

    COREA

    Pyongyang lancia nuovi missili. Moon frena lo sviluppo del Thaad



    I missili lanciati oggi non sono sottoposti al divieto Onu. Essi potrebbero colpire delle “grandi navi”. Bloccato ogni ulteriore spiegamento del sistema anti-missilistico Usa per motivi ecologici. Manifestazioni anti-Thaad a Seongju. Seoul è disposto a continuare i rapporti intercoreani con le ong e le organizzazioni caritative e religiose, ma Pyongyang le rifiuta.

    Seoul (AsiaNews) – La Corea del Nord ha lanciato diversi missili cruise finiti a circa 200 km ad est delle sue coste. Secondo le autorità militari del sud i lanci sono avvenuti dalla città di Wonsan e i missili sono del tipo “terra-nave”, per colpire imbarcazioni. Essi precisano che questo lancio non è fra quelli sottoposti a divieto da parte dell’Onu, che una settimana fa a accresciuto le sanzioni contro Pyongyang dopo diversi lanci di missili balistici legati al suo programma nucleare.

    Il portavoce militare del Sud, Roh Jae-cheon, ha dichiarato che il lancio di oggi potrebbe essere solo una “dimostrazione delle capacità del Nord a colpire una grande nave da guerra” come le portaerei Usa che alcune settimane fa hanno partecipato alle esercitazioni militari congiunte con la Corea del Sud.

    Gli Stati Uniti spingono per un’escalation militare nella regione e per l’istallazione di un sistema di difesa anti-missilistico chiamato Thaad (Terminal High-Altitude Area Defense system), criticato anche dalla Cina. L’istallazione era stata approvata dal predecessore di Moon, la signora Park Geun-Hye e criticata con forza anche dalla Chiesa cattolica.

    Proprio ieri il presidente Moon Jae-in ha bloccato ogni futuro spiegamento delle unità del Thaad fino a che non si verifica il loro impatto ambientale. Vi sono infatti molte domande sull’inquinamento causato dalle batterie usate dal sistema. Fino ad ora gli Usa hanno potuto piazzare due torri anti-missile nella provincia di Seongju, dove centinaia di residenti hanno organizzato potenti proteste contro l’inquinamento del Thaad (v. foto).

    Quest’oggi nel primo pomeriggio, per la prima volta da presidente, Moon presiede il Consiglio di sicurezza nazionale per studiare possibili misure contro i continui lanci di missili da parte della Corea del Nord. Moon e il suo governo stanno cercando una via per fermare i programmi nucleari di Pyongyang, ma allo stesso tempo lasciando aperte le porte del dialogo. A differenza dei veti ai tempi della Park, Moon ha riaperto le collaborazioni di ong e istituzioni caritative religiose, fra cui la Caritas, con la Corea del Nord per alimenti, materiali da costruzione, medicine, ecc.

    Ma tre giorni fa, Pyongyang ha rifiutato di aprire le porte alle organizzazioni della società civile e religiosa, adducendo come motivo l’adesione di Seoul alla nuova lista di sanzioni votata dall’Onu la scorsa settimana.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2017 08:57:00 CINA-USA-COREA
    Xi Jinping e Trump condannano insieme il test nucleare di Pyongyang

    Il test nucleare è “un’azione provocatoria e destabilizzante”, “pericolosa per il mondo” e che non fa gli interessi di Pyongyang. Ambasciatore del Nord all’Onu: Il test è “un pacco-regalo agli Usa”. Istallate altre quattro rampe del sistema antimissilistico Thaad, inviso a Pechino e Mosca.



    31/10/2017 08:57:00 COREA DEL SUD - CINA
    Seoul e Pechino riprendono le relazioni ‘normali’

    I rapporti si erano deteriorati a causa dello spiegamento del sistema anti-missilistico Thaad. Pechino aveva boicottato voli, turismo, vendita al dettaglio di prodotti sudcoreani. La ripresa delle comunicazioni avviene alla vigilia del viaggio di Trump in Asia.



    07/08/2017 09:00:00 COREA
    Manila, i ministri degli esteri di Sudcorea, Usa e Giappone valutano la posizione di Pyongyang

    La proposta di mediazione del presidente sudcoreano Moon Jae-in è sostenuta dalla Cina e in parte dagli Usa. Prima stretta di mano fra i ministri degli esteri del Nord e del Sud nell'epoca Moon. La risoluzione Onu dà fiato alle diplomazie nel tentativo di scongiurare la guerra. Moon e Trump a colloquio telefonico.



    05/07/2017 11:41:00 COREA-ONU
    Dubbi sulla potenza dei missili di Pyongyang. Moon deciso a seguire la strada delle sanzioni e del dialogo

    La retorica di Kim Jong-un: Il missile, “un dono per i bastardi americani”, nel giorno della festa d’indipendenza. “Ora possiamo colpire tutto il mondo”. Ma forse il missile si è disintegrato in aria, rientrando nell’atmosfera. Dubbi sulla capacità di miniaturizzare le testate nucleare da inserire nel cono del missile. Al Consiglio di sicurezza Onu, gli Usa chiederanno ulteriori sanzioni. Seoul ribadisce l’importanza della strada del dialogo.  Antonio Guterres: Mantenere unita la comunità internazionale.



    05/09/2017 09:12:00 ONU-COREA
    Consiglio di sicurezza Onu sulla Corea del Nord: Guerra, sanzioni, dialogo

    Ambasciatrice Usa: Pyongyang sta supplicando per una guerra. La pazienza degli Usa “non è senza limiti”. Per Cina e Russia occorre frenare che fanno crescere la tensione. Stop alle esercitazioni militari congiunte in cambio di dialogo con il Nord. Putin al telefono con Moon Jae-in. Trump propone vendita di armi alla Corea del Sud.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®