24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/11/2017, 08.52

    QATAR - ONU

    Qatar, mondiali 2022: L’Ilo archivia le denunce di abusi sui lavoratori stranieri



    L’agenzia internazionale Onu sostiene le riforme promosse da Doha nel mercato del lavoro. E invita Arabia Saudita ed Emirati Arabia Uniti a seguirne l’esempio “positivo”. Un momento di festa “per il Qatar e per i suoi due milioni di lavoratori migranti”. Segretario generale Iutc: Fissato “un nuovo standard” per i Paesi del Golfo. 

     

    Doha (AsiaNews/Agenzie) - L’inchiesta dell’agenzia Onu per il lavoro riguardante denunce di maltrattamenti nei confronti dei lavoratori stranieri, impegnati nella costruzione degli stadi per i  mondiali di calcio del 2022, si è chiusa in questi giorni con un parere positivo per Doha. Al contempo, i vertici dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) accolgono con favore e sostengono il piano di riforme nel settore promosso di recente dai vertici dell’emirato, e che prevede un salario minimo e maggiori diritti. 

    In passato attivisti e sindacati internazionali hanno accusato il Qatar di sfruttare il lavoro degli immigrati, ridotti in condizioni di semi-schiavitù. La maggior parte di essi è impegnata nella realizzazione delle strutture che verranno utilizzate per la rassegna iridata in programma nel 2022, la più importante competizione calcistica al mondo. 

    Nel 2014 l’Ilo ha aperto una inchiesta sul Qatar, per capire se vi erano state violazioni agli obblighi assunti in tema di diritti del lavoro e protezioni adeguate in particolare per gli immigrati. Da qui la decisione dei vertici di Doha di avviare un pacchetto di riforme, che prevede: salario minimo; impegno diretto del governo sul rispetto dei contratti siglati fra aziende e forza lavoro; permesso di espatrio senza dover aspettare il nulla osta del padrone. 

    Luc Cortebeeck, alto dirigente Ilo, sottolinea che “la trasformazione di queste denunce in un impegno vero da parte del governo del Qatar è un cambiamento positivo per tutti i lavoratori”, oltre che uno “sviluppo davvero incoraggiante”. “Festeggiamo questo momento - aggiunge - per il Qatar e per i suoi due milioni di lavoratori migranti”. 

    Fra quanti sostengono la decisione dell’Ilo vi è anche la Confederazione sindacale internazionale, che nel 2014 è stata fra le voci più critiche contro il Qatar. Doha ha fissato “un nuovo standard” per i Paesi del Golfo, sottolinea il segretario generale Iutc Sharan Burrow; esso, aggiunge, dovrà essere “applicato anche da Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti” dove “milioni di lavoratori migranti sono intrappolati” sotto forme di “moderna schiavitù”. 

    Una inchiesta del 2013 elaborata dalla Confederazione sindacale internazionale denunciava almeno 1200 immigrati morti nei cantieri dei mondiali di calcio del 2022. Un numero difficile da verificare, ma che secondo alcuni attivisti ed esperti potrebbe essere anche di gran lunga maggiore.

    In Qatar, nazione da mesi al centro di una controversia politica, diplomatica ed economica con gli altri Paesi del Golfo, vi sono fra gli 1,5 e i 2 milioni di lavoratori migranti. Molti di questi sono immigrati asiatici, impiegati nel settore dell’edilizia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/10/2017 08:55:00 QATAR
    Doha, un salario minimo per gli immigrati

    Dietro la riforma del lavoro, le accuse rivolte all’emirato di sfruttamento della manodopera. Plauso della Confederazione sindacale internazionale che parla di “vere riforme” che mettono fine “alla moderna schiavitù”. Da definire le tempistiche dell’entrata in vigore. Nei cantieri dei mondiali di calcio sarebbero morti oltre 1200 operai stranieri. 

     



    20/04/2010 ONU-GOLFO
    L’Onu chiede ai Paesi del Golfo rispetto per i diritti di donne e immigrati
    Secondo la responsabile della Commissione per i diritti umani è ora di cambiare le legislazioni che discriminano le donne, impedendo loro di compiere scelte riguardo alla vita loro e del Paese, e che sottopongono gli immigrati all’arbitrio dei datori di lavoro.

    12/03/2009 BAHRAIN
    Problemi del lavoro in Bahrain: salario minimo e preghiera del venerdì
    Il ministro del lavoro rifiuta un livello minimo agli stipendi, che porterebbe molte compagnie alla bancarotta. Esso andrebbe applicato ai cittadini del Bahrain ma anche agli immigrati, molti dei quali svolgono lavori di bassa manovalanza. Parere contrario anche sulla preghiera del venerdì per i musulmani.

    13/12/2016 08:55:00 QATAR
    Qatar: cancellato il sistema di sponsorizzazione, resta lo sfruttamento in materia di lavoro

    L’attuale sistema, detto “kafala” costringeva gli immigrati a chiedere il permesso del datore di lavoro per accettare una nuova occupazione o lasciare il Paese. Per le autorità una nuova legge garantirà “i diritti del lavoratori”. Critiche da attivisti e ong pro diritti umani: il quadro di sfruttamento per gli stranieri resta immutato. E non aumenta le tutele per i lavoratori domestici.

     



    04/01/2007 CINA
    Ditte straniere e Partito alleati contro gli operai cinesi e i sindacati autonomi
    Il Partito accusa le imprese di non favorire la creazione di sindacati. Le imprese lo accusano di voler controllare gli operai. Conclusione: lo sfruttamento è totale anche perché manca un sindacato autonomo. Chi osa organizzarsi in modo indipendente va dritto in prigione.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®