08/02/2006, 00.00
TURCHIA
Invia ad un amico

Quando sul Mar Nero si insegna ai ragazzi ad odiare i preti

di Mavi Zambak

"Avvistato un sacerdote", scrisse un giornale quando don Andrea andò in visita nella zona. In un reportage per AsiaNews, la denuncia del clima anticristiano nel quale è maturato l'assassinio di don Andrea Santoro.

Ankara (AsiaNews) - "L'estate scorsa sono stato a Rize, cittadina non distante da Trabzon per preparare un articolo sul mar Nero, attirato da un titolo di un giornale locale: 'Sulla via del mare è stato avvistato un sacerdote'. Notizia riportata con sgomento come se avessero visto un UFO nei cieli del Mar Nero".

Can Dundar – giornalista del Milliyet - così inizia il suo pezzo del 6 febbraio su questo quotidiano nazionale turco, di destra. E prosegue: "le persone con le quali ho poi parlato mi hanno fatto vedere il luogo dove è stato avvistato il sacerdote dicendo: 'scappato verso la montagna, i giovani gli sono corsi dietro per prenderlo'. Da parte sua il capo religioso di Rize non ha esitato a dichiarare 'sono in aumento i religiosi cristiani che vengono a visitare la nostra città, hanno un intento diverso, contro di loro dobbiamo mantenere la nostra unità nazionale'. E il capo del partito rappresentante i Lupi Grigi (MHP) ha commentato: 'I sacerdoti che vengono nella nostra regione vogliono rifondare lo Stato cristiano greco-ortodosso che c'era prima, tra i sacerdoti ci sono delle spie che lavorano per i paesi occidentali, stanno rovinando la nostra pace, l'uomo del Mar Nero è un conservatore'. Non erano forse queste dichiarazioni - continua il giornalista di  Milliyet - segnali del pericolo che si stava avvicinando? E alla fine l'uccisione del sacerdote". Can Dundar così conclude: "Se la Turchia laica chiede al mondo il rispetto di tutte le religioni, è lei per prima che deve proteggere gli appartenenti a tutte le religioni che si trovano nel suo territorio".

Allora non è più tempo di tacere.

Ora la polizia ha acciuffato il sedicenne che ha ammazzato don Andrea e si è schierata a difendere chiese e sinagoghe. Ma la vera protezione è porre fine a tutta la propaganda anti-cristiana diffusa attraverso i mass-media. Per non fomentare altri assassini.

Inutile celare ancora i sentimenti anti-occidentale e anti-cristiani diffusi nelle regioni del mar Nero e non soltanto. Sentimenti incoraggiati anche da diverse autorità dello Stato.

Ultimamente è stato girato un film intitolato "La Valle dei Lupi – Iraq", un film volutamente anti-americano e anti-cristiano, proiettato in tutte le sale cinematografiche della Turchia e pubblicizzato al massimo. Tutte le bruttezze che vediamo nel mondo arabo fatte a nome della religione e di Allah sono riflesse sugli Americani cristiani. Cristiani che massacrano bambini musulmani in Iraq, distruggono tutto, fanno saltare in aria moschee e musulmani in preghiere che muoiono dentro le moschee, religiosi musulmani che perdonano e liberano gli ostaggi cristiani dai guerrieri... Un eroe turco combatte contro l'esercito americano e la religione che rappresentano e fa vedere la sublimità della fede islamica.

Come se non bastasse da mesi sui canali televisivi e sui giornali assistiamo a programmi e discussioni contro i cristiani. Talk show e articoli che mettono in ridicolo la religione cristiana e il credo cristiano. Fanno vedere come il cristianesimo e l'ebraismo unito cercano di distruggere la religione islamica e per questo motivo attaccano l'Afghanistan, l'Iraq, la Palestina...

E questo accanimento è aumentato dopo che Rahsan Ecevit, la moglie del ex primo ministro Bulent Ecevit (socialista e difensore dello stato laico!), ha dichiarato in televisione che "la religione islamica sta scivolando dalle nostre mani, l'islam sta perdendo vitalità e ci sono molti musulmani che si convertono al cristianesimo".

Che dire dei testi scolastici che presentano un cristianesimo falsato e ridicolo?

Ai bambini e ai giovani viene insegnato che il Vangelo dei cristiani non è quello vero, perché è stato cambiato e manomesso dai papi… e che prima della fine del mondo tornerà Gesù sulla terra a riportare i cristiani sulla retta via dell'Islam…

Perchè nessuno cerca di arginare questi fenomeni sovversivi e di dire la verità? Un vero incontro tra le civiltà, tanto auspicato dalle stesse autorità civili turche, non può più rimanere un monologo.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Turchia, don Andrea Santoro: come se nulla fosse successo
04/03/2006
Il card. Ruini annuncia la causa di beatificazione di don Andrea Santoro
10/02/2006
A due mesi dalla morte di don Santoro, i cristiani non vogliono "una tremenda normalità"
06/04/2006
Dopo l'uccisione di don Andrea è tempo di riflessione per la Chiesa in Turchia
13/02/2006
L'assassino di don Andrea, un ragazzo "imbottito" dai proclami dei fanatici
09/02/2006