12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2017, 11.48

    SRI LANKA

    Quest'anno la dengue ha già ucciso 225 persone. Card. Ranjith: preghiera e digiuno

    Melani Manel Perera

    La zona più infetta è la regione della capitale. La proliferazione delle zanzare aggravata dalle forti piogge. L’arcivescovo di Colombo invita a “compiere atti di digiuno e penitenza per espiare le nostre debolezze e i nostri peccati”.

    Colombo (AsiaNews) – Dall’inizio dell’anno la febbre dengue ha fatto almeno 225 vittime in Sri Lanka. Si tratta di una vera e propria epidemia, la peggiore di sempre. Secondo il Ministero della salute, in tutto il Paese ci sarebbero più di 76mila persone infette, cioè il 38% in più rispetto allo scorso anno, quando i contagi erano stati di circa 55mila casi e le morti 97. La zona più colpita è la regione attorno alla capitale. Per questo il card. Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, ha invitato tutti i cattolici dell’arcidiocesi a osservare una settimana di preghiera e digiuno, dal 15 al 23 luglio. “Invochiamo la Madre Beata – ha detto – e tutti i santi, affinchè possano intercedere per noi nel momento del bisogno”.

    La febbre dengue, o semplicemente dengue, è una malattia infettiva che si trasmette con la puntura delle zanzare. La dottoressa Priscilla Samaraweera della National Dengue Eradication Unit di Colombo, spiega che le incessanti piogge del mese scorso “hanno lasciato le città allagate, con pozzanghere e rifiuti bagnati, che hanno fornito l’habitat ideale per la riproduzione e la diffusione delle zanzare”. “Il tipo di zanzare di quest’anno – continua – è particolarmente pericoloso e non esiste cura per nessuno dei quattro ceppi del virus. Esso causa febbre alta, spossatezza per diverse settimane e feroci irritazioni cutanee. Anziani, bambini e persone con complicanze mediche sono quelli più a rischio”.

    Le autorità stanno tentando di porre rimedio e il presidente ha chiesto alla popolazione di cooperare con i funzionari statali. Nella sola città di Colombo sono stati schierati 25 gruppi tra soldati, funzionari e ispettori sanitari, per un totale di 400 addetti. Essi stanno conducendo una ricerca delle zanzare porta a porta, e suggeriscono agli abitanti di drenare i tubi di scarico e svuotare le pentole riempite di acqua piovana. Oltre ad un’opera di disinfestazione, stanno ripulendo le strade dall’immondizia abbandonata e dalle pozze d’acqua stagnante.

    Il card. Ranjith ha invitato i cattolici ad organizzare una novena a san Sebastiano, protettore contro la peste. “Io vi esorto – ha affermato – a celebrare preghiere speciali e la messa durante le settimana in tutte le parrocchie, oltre ad un triduo nelle giornate di venerdì, sabato e domenica, dal 21 al 23 luglio. Al termine si potrebbe organizzare una processione, con la benedizione della statua della nostra Beata Madre, di san Sebastiano e di tutti gli altri santi noti per la loro potente intercessione per le nostre malattie”. “Sarebbe molto utile – ha suggerito – fare atti di carità per le persone bisognose, eliminare tutti i possibili luoghi di riproduzione delle zanzare, pulire il vicinato, compiere atti di digiuno e penitenza per espiare le nostre debolezze e i peccati”. Poi ha concluso: “Tempestiamo il Paradiso con le nostre preghiere e con i nostri atti di rinuncia, così che il Buon Dio possa benedire il nostro Paese, salvarlo dall’epidemia e garantire benedizioni e buona salute al nostro popolo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/02/2006 MALAYSIA
    Malaysia: si lotta per contenere l'epidemia di Dengue

    Scoppiata nello Stato di Kelantan, sono già morte due studentesse a causa della dengue. Il direttore generale del ministero della sanità: "bisogna rinforzare le misure di sicurezza per evitare la diffusione del virus".



    05/12/2017 14:58:00 SRI LANKA
    Wewala, festa per i 75 anni della chiesa di san Francesco Saverio

    La messa celebrata dal card. Malcolm Ranjith. L’arcivescovo di Colombo esorta i cattolici a “lavorare per la liberazione degli altri”. “Diventare salvatori dei nostri fratelli e sorelle e praticare la fede come veri seguaci di Gesù”.



    13/08/2010 SRI LANKA
    Da Cuba, un insetticida biologico contro la febbre Dengue in Sri Lanka
    È la malattia più diffusa fra i viaggiatori ed è trasmessa dalle zanzare. In Sri Lanka vi sono oltre 25 mila malati; 186 i morti in quest’anno. Progetto pilota a Kandy, Gampola e Akurana.

    06/10/2015 ASIA
    Il Niño potrebbe provocare epidemie di dengue nel Sud-est asiatico
    Secondo ricercatori internazionali le alte temperature provocate dal Nino “ambiente ideale” per la proliferazione “su larga scala” della febbre emorragica. A rischio i Paesi del Sud-est asiatico, con trasmissioni superiori alle “capacità di risposta” dei sistemi sanitari nazionali. Ogni anno almeno 400 milioni di infezioni in tutto il mondo.

    28/07/2007 FILIPPINE
    Le campane suonano la “campagna contro la dengue”
    Singolare iniziativa della diocesi di Jaro: dal 30 luglio alle 4 del pomeriggio le campane delle parrocchie inviteranno i cittadini a bonificare i terreni nei quali si sviluppa la febbre. Quest’anno ha già fatto registrare oltre 1000 casi nel Paese.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®