28/03/2012, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Ragazza indù alla Corte suprema: meglio morta, che convertita a forza all’islam

di Jibran Khan
Sequestrata da un influente musulmano, con la “copertura politica” di un parlamentare, la 19enne Rinkel Kumari lancia ai giudici l’appello disperato. In Pakistan agli indù “la giustizia è negata” e per questo chiede di “uccidermi qui” in aula. La famiglia, dopo la denuncia, costretta ad abbandonare il villaggio nel Sindh. Ogni anno vi sono 300 conversioni e matrimoni forzati

Islamabad (AsiaNews) - "In Pakistan c'è giustizia solo per i musulmani; agli indù la giustizia è negata. Uccidetemi qui, ora, in tribunale. Ma non rimandatemi alla Darul-Aman [una scuola coranica]... ci ammazzeranno". È lo sfogo disperato, straziante di Rinkel Kumari, ragazza indù di 19 anni, che ha affidato ai giudici della Corte suprema di Islamabad il suo appello accorato. La sua storia è simile a quella di tante altre giovani e bambine appartenenti a minoranze religiose - cristiani, indù, sikh, ahmadi - sequestrate da gruppi estremisti o singoli, il più delle volte signorotti o mafiosi locali, che le convertono a forza per poi sposarle. Ed è quanto la giovane ha raccontato lo scorso 26 marzo, davanti ai giudici di un tribunale della capitale.

Il dramma di Rinkel Kumari, studentessa di Mirpur Mathelo, piccolo villaggio della provincia del Sindh, inizia la sera del 24 febbraio: un manipolo di uomini la sequestra e qualche ora più tardi la consegna nelle mani di un ricco studioso musulmano; l'uomo telefona quindi ai genitori, avvertendoli che la figlia "vuole convertirsi all'islam".

Nand Lal, padre della giovane, un insegnante di una scuola elementare, accusa del rapimento Naveed Shah, un influente musulmano, che avrebbe goduto anche della "copertura politica" fornita da Mian Mittho, un parlamentare dell'Assemblea nazionale, sospettato di favoreggiamento. Dopo aver individuato gli autori del sequestro della figlia, egli deve però abbandonare la zona di origine per sfuggire alle minacce di persone affiliate alla mafia locale. Il padre trova rifugio e accoglienza a Gurdwara, a Lahore, nella provincia del Punjab, con il resto della famiglia.

Come spesso accade in questi casi, anche la magistratura è connivente: un giudice locale dispone infatti che la ragazza debba essere assegnata ai musulmani, perché la conversione è "frutto di una decisione spontanea" e sancisce anche la regolarità del matrimonio. Un elemento che viene ribadito il 27 febbraio, nel corso dell'udienza davanti al tribunale, al termine del quale la ragazza viene "ribattezzata" Faryal Shah.

Tuttavia, la vicenda di Rinkel non è affatto un caso isolato: ogni mese tra le 25 e le 30 giovani subiscono simili soprusi, per un totale annuale di circa 300 conversioni e matrimoni forzati. Ragazze indù - ma anche cristiane - che vengono strappate alla famiglia anche ragazzine e consegnate nelle mani dei mariti/aguzzini.

Il 26 marzo è comparsa davanti ai giudici della Corte suprema di Islamabad, mentre la comunità indù aspettava col fiato sospeso le dichiarazioni della giovane in tribunale. Per evitare pressioni, il presidente della corte ha ordinato di sgomberare l'aula e - in un secondo momento - ha raccolto la drammatica testimonianza: in Pakistan "non c'è" giustizia, "uccidetemi qui ma non rimandatemi" dai sequestratori.

Interpellato da AsiaNews p. Anwar Patras, della diocesi di Rawalpindi, condanna "con forza" il rapimento e la conversione forzata. "Gli indù nel Sindh - aggiunge il sacerdote - vivono una vita durissima. La realtà si fa sempre più dura per loro, sono costretti a migrare perché lo Stato non è in grado di proteggere loro e le loro proprietà".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Attivisti pakistani: La legge contro i matrimoni infantili va approvata
27/05/2019 12:33
Pakistan: sposata e convertita a forza all’islam, giovane cristiana lotta per la giustizia
21/10/2014
Pakistan: blasfemia e lapidazioni, la società civile chiede giustizia
30/05/2014
Lahore, omicidio d’onore: lapidata dai familiari per aver sposato l’uomo che amava
28/05/2014
Donne cristiane in Pakistan: convertite all’islam e costrette a sposare i rapitori
26/02/2016 12:57